Logo
COMPAGNIA MISSIONARIA
DEL SACRO CUORE
una vita nel cuore del mondo al servizio del Regno...
Compagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia Missionaria
Compagnia Missionaria del Sacro Cuore
 La COMPAGNIA MISSIONARIA DEL SACRO CUORE è un istituto secolare, che ha la sede centrale a Bologna, ma è diffuso in varie regioni d’Italia, in Portogallo, in Mozambico, in Guinea Bissau, in Cile, in Argentina, in Indonesia.  All’istituto appartengono missionarie e familiares Le missionarie sono donne consacrate mediante i voti di povertà, castità, obbedienza, ma mantengono la loro condizione di membri laici del popolo di Dio. Vivono in gruppi di vita fraterna o nella famiglia di origine o da sole. I familiares sono donne e uomini, sposati e non, che condividono la spiritualità e la missione dell’istituto, senza l’obbligo dei voti.
News
  • 21 / 06 / 2019
    IX ASSEMBLEIA GERAL ORDINÁRIA DA COMPANHIA MISSIONÁRIA DO CORAÇÃO DE JESUS
    Realizar-se-á no CENÁCULO MARIANO em Borgonuovo di Pontecchio Marconi – Bologna – Italia ... Continua
  • 21 / 06 / 2019
    IX ASAMBLEA GENERAL ORDINARIA DE LA COMPAÑÍA MISIONERA DEL SAGRADO CORAZÓN
    a realizarse en el CENÁCULO MARIANO en Borgonuovo di Pontecchio Marconi – Bolonia - Italia DE... Continua
  • 21 / 06 / 2019
    IX ASSEMBLEA GENERALE ORDINARIA DELLA COMPAGNIA MISSIONARIA DEL SACRO CUORE
    si terrà al CENACOLO MARIANO a Borgonuovo di Pontecchio Marconi – Bologna - Italia DAL 19 AL ... Continua
cuori in festa per i 90 anni di p. albino!
 
Una bella festa. Così si può definire la giornata che abbiamo vissuto il 15 novembre scorso, compleanno del nostro fondatore p. Albino Elegante. Una data da non dimenticare perché gli anni sono 90, giorno importante non solo per l’interessato, ma anche per tutti noi della Compagnia Missionaria. E’ stato anche un voler ricordare un pezzo di storia, di strada percorsa insieme, nella gioia, nella comunione, condivisione, che ha portato a fondare l’Istituto. Impossibile celebrare questo avvenimento senza fare memoria anche della Compagnia Missionaria perché le due storie sono legate e s’ intrecciano tra loro. A sottolineare questo aspetto, significativa la presenza di quattro delle prime missionarie che hanno cominciato la Compagnia Missionaria insieme a p. Albino:Bruna, Cesarina, Bianca, Irene. Un percorso che si guarda con stupore e meraviglia. Non capita tutti i giorni di ritrovarci insieme per un avvenimento di questa portata. Volevamo far festa, un incontro in famiglia, dove con semplicità si potesse non solo celebrare la vita, ma fare in modo di ritrovarsi e rivisitare attraverso i ricordi, il passato, il presente e con coraggio guardare anche al futuro. E’ risultata una giornata ricca di comunione, di incontri, di ascolto, di piccoli gesti di dono e gratuità che ha fatto felici tutti, soprattutto il festeggiato, p. Albino. La giornata è iniziata presto. Alcuni sono arrivati a Bologna il giorno prima, qualcun altro ha viaggiato di notte per poter arrivare in tempo alla Messa di Ringraziamento in programma nella mattinata di domenica. Un fermento di preparativi e di arrivi che hanno riempito di allegria la casa, invogliato alla gioia, all’entusiasmo dell’attesa. Un incontro che ha convocato a Bologna missionarie, familiares, amici, un po’ da tutte le parti d’Italia e anche dall’estero. Chi non ha potuto essere presente personalmente si è fatto vivo attraverso telefonate e messaggi vari, che hanno contribuito a rendere ancora più solenne e gioiosa la giornata. Non potevano mancare gli auguri del Padre Generale S.C.J. e Provinciale, gli amici, parenti, conoscenti. Una presenza invisibile, ma toccante per tutti. Anche la natura ha voluto collaborare a rendere la giornata più “colorata”. Nel nostro cortile di via Guidotti si era formato un tappeto di foglie gialle dalle varie tonalità; gli alberi che circondano la casa ingialliti dall’autunno, formavano una cornice quasi luminosa da sembrare raggi solari di una stagione estiva. Veri addobbi, quasi fossero stati programmati e collocati apposta per questo evento. Un vero acquarello di distinti colori. Verso sera ci siamo ritrovate ancora in cappella per un momento di preghiera - adorazione insieme ai nostri fratelli S.C.J. Una preghiera che è diventata ringraziamento elevandosi quasi spontaneamente al Signore della Vita. Ringraziamento, accoglienza, affetto, allegria, comunione, parole che hanno animato l’ambiente, hanno comunicato calore anche alla cena condivisa in allegria e fraternità. Un’allegria che si è manifestata anche attraverso un Power Point che ricordava alcune tappe della vita di p. Albino e da una parodia musicale presentata dai suoi confratelli SCJ. Tutto molto divertente ! Una bella festa di compleanno: è questa maniera di vivere nella semplicità, gioia e comunione una tappa della vita. Al di là di quello che si è vissuto rimane sempre dentro qualcosa che ciascuno si porta via come regalo, come alimento per il suo cammino. Credo che, in questo clima di festa e di amicizia, la testimonianza più bella ci sia stata data da p. Albino con la sua tranquillità e serenità, pazienza e disponibilità. Atteggiamenti che ricordano quanto dice il salmista: “Felicità e grazia mi saranno compagne tutti i giorni della mia vita, e abiterò nella casa del Signore per lunghissimi anni “ (salmo 23,6). P. Albino in un suo articolo comunicava il programma di questa giornata scrivendo così: "si prevede una celebrazione il giorno stesso in cui compirò 90 anni insieme ai SCJ e CM; sarà bello e fraterno allo stesso tempo. Credo di non sbagliarmi con questa affermazione perchè il cuore dello Studentato e di via Guidotti sono molto grandi per ogni manifestazione di simpatia e di gioia”. Grazie ancora caro p. Albino, noi ce l’abbiamo messa tutta: farti una bella festa con tutto il cuore, un cuore davvero grande. Ora “guardiamo lontano” al futuro, con speranza perché vogliamo continuare a scrivere un nuovo capitolo della tua e nostra storia …ancora insieme. Sulla torta non c’erano candeline da spegnere, ma la semplice scritta: AUGURI ! 90 ANNI!!! E da qui vogliamo ripartire per dirti ancora: auguri, con tutto il cuore!
nella "casa del pane"
 
La liturgia ogni anno ci invita ad un cammino fatto a tappe (avvento, quaresima, pasqua feria…) con un unico obbiettivo: accogliere, celebrare, incontrare Dio nel mistero della sua incarnazione, morte e resurrezione. E così che anche quest’anno, instancabilmente, la Chiesa ci invita di nuovo ad alzarci per andare verso Betlemme. Sì nella piccola città di Efrata (Michea 5,1). Siamo chiamati alla piccola Betlemme il cui nome significa “Casa del pane” . Nella casa del pane incontreremo Colui che si farà pane per noi. Ma cosa comporta questo cammino verso Betlemme? Il partire ci obbliga a lasciare… terra, amici, volti noti, cose… possiamo portare con noi solo ciò che uno zaino può contenere. E’ un cammino dove non si corre, non ci sono premi per chi arriva primo. Chi arriva primo arriva solo! Insieme il cammino sembra meno faticoso, ci si consulta per capire quale strada prendere. Insieme, in un continuo discernimento nel dialogo e nel confronto. In questo cammino è necessario essere pronti ad accogliere il “nuovo” che ci viene offerto, senza paura… Camminando insieme, ci si aiuta a leggere i segni che ci vengono lanciati lungo la via. Facendo questo percorso c’è il tempo per raccontarci come Dio si è reso presente nella nostra vita, e con cuore orante, contempliamo i segni del Verbo incarnato in ogni persona. E’ necessario esserci in questo cammino, lasciarci coinvolgere con coraggio e con passione. Il cammino ci educa all’accoglienza al dialogo, chiamati sempre a trasmettere speranza e letizia… Lungo il cammino c’è sempre anche il momento di crisi, stanchezza, delusione, è un camminare nelle tenebre ma con la certezza che chi ci ha invitato a Betlemme sa far splendere la grande luce che rifulge. Questo avvento mi piacerebbe percorrerlo con questo spirito del viandante che costruisce il cammino camminando. Ci incontreremo nella “casa del pane” e insieme contempleremo il Dio che si è fatto Bambino, e da Betlemme ripartiremo per rituffarci nel nostro quotidiano e dire in nostro sì in comunione con tutta l’umanità.
preghiera per l'assemblea dei familiares
 
Cuore di Gesù, fonte di speranza, accompagnaci nel cammino verso la V Assemblea Familiares. Apri il nostro cuore e la nostra mente, per cogliere la bellezza, la profondità della nostra spiritualità. Donaci: - coraggio di testimoniare attraverso la nostra vita quotidiana, il tuo amore per l’umanità intera; - zelo apostolico per condividere con Te la passione per il Regno. Formaci alla scuola del tuo Cuore per incarnare ogni giorno, la comunione con te con i fratelli e sorelle che la provvidenza mette sul nostro cammino. Amen!
indizione v assemblea ordinaria dei familiares
 
“Il Dio della speranza vi riempia di ogni gioia e pace nella fede, perché abbondiate nella speranza per la virtù dello Spirito Santo” (Rm 15, 13) Carissimi Familiares, in virtù di quanto stabilito dallo Statuto, all’art.55, CONVOCO LA: V ASSEMBLEA GENERALE ORDINARIA che si terrà a Roma dal 02.01.2010 al 05.01.2010 Uniamoci tutti in una corale preghiera perché il Signore inondi della sua grazia la nostra Famiglia CM. Affidiamoci alla protezione della Vergine Maria, confidiamo in Gesù, e disponiamoci con docilità all’azione dello Spirito Santo, per giungere pronti a questo importante appuntamento. In particolare invito tutti ad essere disponibili:  ad offrire il proprio contributo attraverso le schede che il CCF sta inviando;  a riflettere bene come singoli e come gruppo sul ruolo di quanti parteciperanno all’Assemblea, prima di designarli. Essi saranno chiamati in prima persona:  ad una verifica autentica del nostro essere Familiaris CM;  ad offrire idee, strategie per un futuro secondo il cuore di Gesù, per la crescita qualitativa e quantitativa dei Familiares CM;  e saranno chiamati ad eleggere il Responsabile Centrale e il Suo Consiglio. In questo periodo di preparazione invochiamo costantemente lo Spirito Santo perché ci illumini e tutto avvenga secondo la Sua volontà. La nostra partecipazione alla S. Messa, i nostri momenti di adorazione Eucaristica, la meditazione della Scrittura e ogni preghiera, in modo particolare la nostra preghiera di offerta, siano vissuti intensamente per chiedere le grazie necessarie per celebrare bene l’Assemblea e perché essa porti frutti di comunione e di amore. Chiediamoci costantemente cosa vuole il Signore da noi e disponiamoci con umiltà a ricercare modalità nuove perché il nostro appartenere alla CM sia sempre più autentico. La nostra appartenenza alla CM sia sempre più vissuta con atteggiamenti di umiltà, di donazione, di ascolto, di gratuità, pronti ad imparare ogni giorno di più a “perderci in Cristo” e vivere meglio i nostri rapporti con i fratelli. Maria, nostra madre, guida e custode, accompagni il nostro lavoro, le nostre ansie, gioie, dolori, e invochi per noi e con noi il dono dello Spirito Santo, per essere ovunque autentici testimoni di speranza. In comunione e fraternamente vi saluto.
un sogno realizzato
 
Albina è una missionaria portoghese, del gruppo di Porto. Ha 53 anni. Da sempre vive nella sua famiglia. Sarta di professione, in parrocchia fa la catechista, partecipa al coro e al gruppo biblico. Si interessa e dà il suo appoggio, con altre persone, ai senzatetto. Da molto tempo aveva un sogno: andare in Africa… La decisione Era l’agosto 2008. Stavo faccendo, con tutto il gruppo del Portogallo, gli esercizi spirituali annuali, quando in cappella, nel momento dell’adorazione, mi è venuta al pensiero una domanda: perché non andare il prossimo anno a fare un’esperienza in Africa? Perché non realizzare questo vecchio e accarezzato sogno, sempre rimandato? Infatti, questo desiderio era cresciuto con me da quando ero piccola. Quest'idea non mi ha mai lasciata e andava prendendo sempre più consistenza, sentivo crescere in me una grande determinazione interiore che mi aiutava a portare avanti questo progetto; infatti, tutte le volte che sembrava sorgere un’ostacolo, immediatamente si presentava la soluzione. Questo era per me come un segno di Dio, mi diceva che il progetto era Suo e non soltanto mio. E' quindi arrivato il momento di comunicare al gruppo quanto andavo maturando e di sentire il parere delle mie sorelle. Tutto il gruppo mi ha dato il suo appoggio. Il più difficille era comunicarlo alla mia famiglia…ma Dio mi ha dato la sapienza e la fortezza e io ho sentito che questa volta niente mi avrebbe fatto deviare dalla mia decisione. Il desiderio più antico era quello di andare in Mozambico…era anche il primo spazio missionario della Compagnia Missionaria…ma a un certo punto ho preso coscienza che dovevo essere aperta alle necessità dell’Istituto. Questa apertura è stata molto importante, giacché nel frattempo mi è arrivata del Consiglio Centrale la proposta di cambiare il Mozambico con la Guinea Bissau. Qui sembrava esserci più bisogno perché Cecilia era venuta in Europa per partecipare alla Consulta delle responsalili di gruppo e per passare un periodo di vacanze e io ho accettato volontieri questo cambiamento; l’importante era potere servire ed essere utile. Ho fatto di tutto L’11 luglio sono arrivata in Guinea. Teresa, Antonieta e Ivone erano in aeroporto ad aspettarmi…e vi lascio immaginare i saluti e gli abbracci, la gioia dell’incontro. Era più di mezzanotte. In aeroporto c’era abbastanza luce…ma uscendo fuori ci trovammo immerse in grande oscurità che si trasformò in buio fitto nella misura in cui ci avviavamo verso casa. Mancanza di luce pubblica e mancanza di luce nelle case…il primo colpo che mi ha fatto prendere coscienza che eravamo già in Africa. Mi sono sentita subito a casa, le missionarie mi hanno accolto veramente bene, e mi hanno fatto vedere il lavoro quotidiano di ognuna. Ho cercato di fare il mio meglio collaborando qua e là, secondo le necessità. Ma il mio principale impegno è stato la collaborazione con Ivone che gestice un “atelier” di cucito. Questo lavoro mi è molto piaciuto e l’ho trovato molto importante perché oltre al cucito c’è tutta una dimensione di promozione della donna veramente utile e importante. Insieme a Teresa ho aiutato nel lavoro relativo alla scuola, tipo amministrazione e segreteria…veramente ho fatto di tutto un poco, perché le cose da fare erano tante e non si poteva stare soltanto a guardare. Devo ringraziare veramente Dio che mi ha dato una buona salute…devo dire che non ho sentito particolari difficoltà con l’adattamento. Il contatto con le persone era buono, con i bambini era ancora meglio…io non avevo un contatto diretto con loro, che erano affidati particolarmente ai giovani che in quel perdiodo facevano volontariato…ma i bambini sono sempre tanti in quella casa! Ho trovato una Chiesa molto giovane…molti giovani già con delle responsabilità nei gruppi a cui appartengono. L’Eucaristia è sempre una festa con le danze e le offerte tipiche del popolo africano. L’ora della partenza Il giorno della mia partenza, il 31 agosto, è arrivato e devo dire che avevo già non poche “saudades” (= nostalgia)! Non parto sola: porto con me tante cose! In una realtà dove le carenze sono a tutti i livelli, emerge il valore della solidarietà. Presso quel popolo c’è sempre posto per chi ha bisogno, che sia uno della famiglia o no. Ringrazio il gruppo che mi ha accolta con tanto affetto. Ringrazio il Cuore di Cristo che ha fatto di me uno strumento nelle sue mani. Adesso posso dire parafrasando il vecchio Simeone: “Già posso morire perché i miei occhi hanno visto l’Africa”.
“signore, tu mi scruti e mi conosci”
 
Aspetto ... aspetto ... aspetto ... nella preghiera, riflessione, verifica, questo momento di grazia. Ho chiesto a Gesù un fiore, una rosa, mi ha dato un cactus pieno di spine. Ho chiesto a Gesù un animale piccolino, bello, mi ha dato un bruco. Adesso sono triste, delusa, protesto ... questa è ingiustizia Con il passare del tempo questo cactus è fiorito bello , troppo bello, il bruco è cresciuto è diventato una farfalla variopinta, con le ali colorate come l’arcobaleno. Questa è la strada del Signore, bella e ritmata secondo il suo tempo. Il Signore non mi ha concesso quello che volevo ma, mi ha donato quello di cui avevo bisogno. La sua mano sta ricamando cose belle per la mia vita. Grazie, Signore Gesù. Dio mi chiama e mi ama Questa frase piena di significato mi ha accompagnato in questo tempo e mi ha fatto arrivare ad una risposta generosa. Dal profondo del mio cuore ho detto il mio “Sì” per offrirmi a Dio. Un lungo processo vissuto giorno dopo giorno nella fede, nella speranza e nell’amore, e con la convinzione che la grazia della Sua chiamata era per me. Questa chiamata mi ha reso forte nello spirito, mi ha dato zelo ardente per vivere questa vocazione. Per raggiungere questa meta ho superato diverse difficoltà e preoccupazioni. Un problema grosso l’ho sperimentato quasi alla vigilia della mia consacrazione, quando mio fratello che tanto amavo è morto. E’ stato un momento di grande sofferenza che ha portato dentro di me un cambiamento profondo. Ero nel buio totale e non potevo fare nulla. Questo fatto mi ha condizionato non solo per alcuni giorni ma per più di un mese. Tutto intorno a me era buio.. Ho protestato, ero delusa, quanta ingiustizia pensavo! Dio però, si è servito di questa situazione per farmi risorgere, è venuto ancora a toccare il mio cuore , mi ha chiesto di abbandonarmi solo a Lui perché solo a Lui appartiene la vita. Ecco che Dio mi ha dato la forza per tornare al mio paese a vedere la tomba di mio fratello, sostare lì a pregare per lui. Ho espresso tutti i miei sentimenti, tutto quanto sentivo dentro di me . Nel dolore profondo ho avuto la forza di chiedere a mio fratello già in cielo di pregare per me e di benedirmi, perchè nonostante tutto potessi andare avanti e consacrarmi tutta al cuore di Dio. Tutta la mia famiglia mi ha appoggiato e hanno pregato perché avessi il coraggio di offrirmi a Dio. Una settimana dopo, ormai rientrata dal mio paese, mi sono ritrovata più tranquilla, ed entusiasta per continuare il mio cammino. Mi sentivo risorta. Ho continuato così la mia preparazione, ogni giorno, nella verifica, preghiera, meditazione personale, eucaristia e adorazione. Sostegni spirituali in cui credevo fortemente e che hanno sempre accompagnato il mio cammino e sostengono anche la mia vita e salute fisica. Dio dà sempre la cosa più bella a tutti coloro che sperano a Lui. Egli sa tutto “Signore tu mi scruti e mi conosci…”Questa è la disposizione del mio cuore davanti a Dio che sa tutto. Sa chi sono io con tutto quanto ho dentro di me: la mia lotta per arrivare a Lui, sa la mia debolezza, le mie mancanze, i miei peccati ed errori. Egli conosce il mio cammino spirituale , la mia gioia e la mia tristezza. Egli sa tutto..., quindi, non mi dà quello che desidero, ma, quello di cui ho bisogno. Mi rafforza secondo il suo volere, mi dà la capacità di dire “Sì”. Così, con questo stato d’animo ho fatto la mia consacrazione, e mi sono preparata ad accogliere il giorno più bello. Rendo grazie a Dio perché mi ha dato sempre l’ energia, la forza, e il coraggio. E soprattutto ha mantenuto in me uno sguardo ottimista e positivo su tutto quanto accadeva nella mia vita. Prima della cerimonia c’è stata anche la preparazione intensiva del triduo ( tre giorni di ritiro) con p. Titus s.c.j. che ci ha aiutato a riflettere sulla chiamata e consapevolezza a vivere i tre voti: obbedienza, povertà, castità. Dio chiama all’opera di salvezza. La chiamata è sempre iniziativa di Dio. La base della chiamata di Dio è la grazia gratuita, non perché siamo bravi, belle,ecc.,ma perchè Dio mi ama. Il voto di castità per il Regno di Dio. La motivazione per viverlo è prima di tutto l’amore di Dio. In questo modo allora sarò pronta e disponibile. Devo sperimentare l’amore di Dio non solo per me stessa ma anche per gli altri. Fare il voto di castità significa che l’orientamento della mia vita dev’essere solo per il Regno di Dio. Solo l'amore Fare il voto di povertà significa che Dio deve essere l’ unica speranza e il mio sostegno. Egli stesso ha iniziato a vivere povero. Solo la persona che è capace di amare ha il coraggio di scegliere la strada della solitudine. Quello che ho lo offro di nuovo a Dio. Perché quando ho offerto tutto a Dio allora, ricevo ancora più di quello che avevo. Fare il voto d’obbedienza significa affidarsi totalmente a Dio. Significa anche accogliere l’eredità del Fondatore p. Albino che ci dice: “Perdere tutto piuttosto che perdere la carità”. Un altro aspetto importante è obbedire a Dio e obbedire alla Responsabile dell’Istituto. Con questi pensieri spirituali siamo così arrivate al giorno più bello e pieno di grazie: 22 agosto 2009. Non ho altre parole per esprimere i miei sentimenti. Ringrazio... ringrazio... e ringrazio Dio che mi ha chiamato e ha fatto tutto. Rendo grazie solo a te, mio Dio. Il 22 agosto ho pregato così: “Il Signore, mi fa essere benedizione per altri e per la Compagnia Missionaria. Fa’che io possa essere sempre fedele a te che mi hai chiamato e mi hai amato. ” Terima kasih = Grazie a tutti quanti per le vostre preghiere e il vostro sostegno.
1 . 2 . 3 . 4 . 5 . 6 . 7 . 8 . 9 . 10 . 11 . 12 . 13 . 14 . 15 . 16 . 17 . 18 . 19 . 20 . 21 . 22 . 23 . 24 . 25 . 26 . 27 . 28 . 29 . 30 . 31 . 32 . 33 . 34 . 35 . 36 . 37 . 38 . 39 . 40 . 41 . 42 . 43 . 44 . 45 . 46 . 47 . 48 . 49 . 50 . 51 . 52 . 53 . 54 . 55 . 56 . 57 . 58 . 59 . 60 . 61 . 62 . 63 . 64 . 65 . 66
Logo
COMPAGNIA MISSIONARIA DEL SACRO CUORE
Via A. Guidotti 53, 40134 - Bologna - Italia - Telefono: +39 051 64 46 472

Follow us on Facebook