Logo
COMPAGNIA MISSIONARIA
DEL SACRO CUORE
una vita nel cuore del mondo al servizio del Regno...
Compagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia Missionaria
Compagnia Missionaria del Sacro Cuore
 La COMPAGNIA MISSIONARIA DEL SACRO CUORE è un istituto secolare, che ha la sede centrale a Bologna, ma è diffuso in varie regioni d’Italia, in Portogallo, in Mozambico, in Guinea Bissau, in Cile, in Argentina, in Indonesia.  All’istituto appartengono missionarie e familiares Le missionarie sono donne consacrate mediante i voti di povertà, castità, obbedienza, ma mantengono la loro condizione di membri laici del popolo di Dio. Vivono in gruppi di vita fraterna o nella famiglia di origine o da sole. I familiares sono donne e uomini, sposati e non, che condividono la spiritualità e la missione dell’istituto, senza l’obbligo dei voti.
News
  • 13 / 11 / 2018
    CONSIGLIO CENTRALE
    28 gennaio - 2 febbraio 2019, a Bologna... Continua
  • 13 / 11 / 2018
    CONSEJO CENTRAL
    28 de enero - 2 de febrero 2019, en Bolonia... Continua
  • 13 / 11 / 2018
    CONSELHO CENTRAL
    28 de janeiro - 2 de fevereiro de 2019, em Bolonha... Continua
  • 13 / 11 / 2018
    La Presidente in Guinea Bissau
    Martina visiterà il gruppo della Guinea dal 6 dicembre 2018 al 9 gennaio 2019. La accompagniamo con... Continua
  • 13 / 11 / 2018
    A Presidente em Guiné Bissau
    A Martina visitará o grupo da Guiné, de 6 de dezembro 2018 a 9 de janeiro 2019. Acompanhamo-la com... Continua
  • 13 / 11 / 2018
    La presidenta en Guinea Bissau
    Martina visitará el grupo de Guinea desde el 6 de diciembre 2018 al 9 de enero 2019. La acompañamo... Continua
gesù è amore e pieno di misericordia
 
25 anni di vita consacrata Quando fui chiamata da Dio per servirlo rimasi un po’ disanimata perche avevo paura. Fui chiamata per la CM mediante un sacerdote, durante una confessione. Risposi subito di no, che non volevo, ma non sapevo neppure cos’era la Compagnia Missionaria. E’ stata una bella chiamata dello Spirito Santo. Dal momento in cui conobbi la CM desiderai di appartenergli il più in fretta possibile. Gesù che è amore mi voleva per Lui. Mi sono consacrata il 5 di Agosto del 1990 a Vila Nova de Gaia, nelle vicinanze di Porto. Ho sempre creduto che è stata la forza e la chiamata dello Spirito Santo, per questo nel giorno nella mia consacrazione ho fatto delle colombe di farina (pasta) bianca per offrire ai miei amici. La colomba è il simbolo dello Spirito Santo che mi ha chiamato e che ha voluto che io rispondessi. In questi 25 anni di consacrazione mi sono sempre dedicata a vivere con amore i piccoli gesti sia nell’ambiente di lavoro, sia dopo come pensionata. Nel lavoro pensavo sempre a qualche fratello che potesse aver bisogno di m. Ho sempre pensato a quello che il Fondatore, padre Albino, mi chiese davanti a un vassoio con delle braci accese, di essere sempre come quella brace accesa, di non lasciarla mai spegnere. Si, con l’aiuto di Dio Amore, le braci si sono mantenute accese, anche se ci sono stati momenti in cui sembrano spegnersi, è bastato soffiarci sopra per farle tornare ad accendersi ancora più vive. Rendo grazie Dio per la forza che mi da per andare sempre avanti. Oggi sono una donna felice, per essermi consacrata totalmente al Signore. Ogni giorno mi alzo e faccio la mia preghiera di offerta e di consacrazione a Maria. E cosi sento sempre che questi due Cuori sono sempre con me. Quest’anno, per me, è stata una grande grazia celebrare 25 anni di consacrazione. In parrocchia ho avuto una grande festa, perché è coincisa anche con il 25° di ordinazione di Padre João Manuel sacerdote dehoniano. Padre Dehon e padre Albino sono in cielo a lodare il Cuore di Gesù e il Cuore immacolato di Maria. La messa di rendimento di grazie è stata il 19 luglio, è stata molto bella la presenza della CM e per lei ho pregato molto. E’ stato un dono di Dio mettere insieme la festa del Santissimo Sacramento (tipica dell’isola di Madeira, dove tutte le parrocchie celebrano la festa del Corpus Domini e per questo le isole di Madeira e di Porto Santo sono conosciute come isole del Santissimo Sacramento) In più c’è stata la festa delle prime Comunioni dei bambini del catechismo. Erano presenti Madalena, Celestina e Conceiçao. Insieme a loro c’era anche il fratello sacerdote di Madalena e sua sorella Helena. Hanno concelebrato 13 sacerdoti e io ho dato la mia piccola testimonianza, parlando della Compagnia Missionaria. Mi sono sentita a mio agio a parlare perché non ero io a parlare in una chiesa piena di gente , ma lo Spirito Santo. Poi fuori dalla Chiesa c’è stata una piccola con fraternizzazione, tra vari dolci, una torta ricoperta con il simbolo della CM. La parrocchia e i bambini del catechismo mi hanno offerto un quadro dipinto a mano con la mia fotografia. A casa mia sono poi venuti un gruppo di amici tra cui una giovane molto amica mia. Sono questi i segni di affetto con cui il Signore ci ricompensa. Obrigado, PAI.
bella esperienza di noi cm
 
Visita di Martina e Lucia ai gruppi del Portogallo L’aereo fa il ballerino dalla pista di decollo a Bologna fino alla pista di atterraggio a Lisbona, dopo aver attraversato un mare di nuvole e di nebbia, mentre io avevo sperato di godermi il paesaggio! Poiché arriviamo in ritardo, perdiamo la coincidenza per Porto, dobbiamo aspettare più di due ore. Insomma, partite alle 12,30 da Bologna, siamo a Porto alle 19! Ma ringrazio il Signore di toccare il suolo portoghese! E c’è Teresa Castro ad attenderci: ho sempre avuto un bel ricordo di quando abbiamo vissuto insieme a Bologna. Arriviamo a casa – quella casa che conosco solo dalle foto – sotto la pioggia battente e Lúcia ci accoglie. Sono felice di essere qui, in questa terra e in questa casa che è carica della presenza e dei ricordi di p. Albino e delle missionarie portoghesi e italiane che hanno vissuto qui e fatto crescere la CM portoghese. Nei giorni seguenti, è un via-vai di missionarie che vengono a salutarci e soprattutto a dialogare con Martina. È una gioia incontrarle: quelle che conosco da tanti anni e con le quali ho condiviso esperienze di lavoro e assemblee generali, quelle che ho incontrato solo una volta e quelle che non ho mai incontrato. La loro accoglienza, il loro affetto, la loro generosità mi fa sentire come è bello essere in Famiglia. C’è anche Bina, che è venuta a casa, in vacanza, dalla Guinea Bissau. Il venerdì, con Martina e Bina andiamo a trovare Odete, l’unica che non può venire e Porto, perché impegnata ad assistere la mamma novantenne gravemente inferma. È stata una gioia rivedere anche Odete, dopo tanti anni, e stare un po’ con lei. Mentre lei è in dialogo con Martina, Bina e io facciamo una passeggiata e abbiamo modo di raccontarci la nostra esperienza CM. Uno scambio semplice e fraterno, profondo, di cui ringrazio Bina e il Signore. Porto, Fatima, Coimbra Con Teresa Castro il primo giorno vado a messa nella chiesa del Carmine e visitiamo anche la chiesa dei Carmelitani, una a fianco dell’altra, bellissime. Il giorno dopo andiamo a Fatima: arriviamo con il cielo carico di nuvoloni neri, ma dopo uno scroscio di pioggia, mentre siamo a messa, scoppia un gran sole caldo. La messa nella basilica della SS. Trinità, la preghiera nella cappella delle apparizioni, la visita alla basilica di Nostra Signora del Rosario, alle case dei pastorelli e ai luoghi delle apparizioni dell’angelo, ci mettono in ascolto del mistero. A Maria affido la CM, le nostre famiglie, tutti coloro che chiedono la nostra preghiera, il mondo intero, soprattutto la causa della pace. Nei giorni seguenti ho modo di visitare Porto: il centro con la torre dos Clerigos, la splendida Cattedrale, la piazza della Libertà e l’Avenida dos Aliados, la Stazione s. Bento, la Chiesa dos Congregados… e infine vado con Laura a messa nella splendida chiesa della SS. Trinità, poi lungo il fiume Douro fino alla foce e a passeggiare lungo la riva dell’oceano. E passeggiando, anche con Laura ci raccontiamo la nostra vita e il dono di essere nella Compagnia Missionaria. Lúcia un giorno mi accompagna a visitare Coimbra, città che vanta la più antica e famosa Università del Portogallo, nella quale lei ha vissuto la sua giovinezza di studentessa, essendo cresciuta in un paese vicino. Una città tutta da scoprire, affascinante, non solo per la maestosità della sua Università, ma per le sue bellissime Chiese – Santa Cruz, la Vecchia e la Nuova Cattedrale –, le sue stradine e scalinate a picco del centro storico, le sue casette colorate che si affacciano sul fiume Montego, i ricordi di S. Antonio di Padova. Qui il giovane monaco agostiniano Ferdinando incontrò i seguaci di Francesco di Assisi a Los Olivaes, appena fuori città, e si consegnò a questo nuovo modo di servire Dio e la Chiesa, diventando fra Antonio, l’umile e grande teologo a cui Francesco affidò, con un biglietto autografo tuttora conservato, l’insegnamento della teologia ai suoi frati minori; il grande Santo di Padova che rischiò la vita nel difendere i poveri dalle prepotenze degli usurai, che convertì tanti eretici, che predicava ai pesci quando gli uomini si rifiutavano di ascoltare la Parola di Dio. Preziosa, nella visita a Coimbra, la presenza della sorella di Lúcia, che non solo ci accoglie e ci offre il pranzo, ma ci accompagna anche in auto a visitare parte della città. E preziosa la generosità di Amelia che ha messo a disposizione la sua auto con la quale possiamo realizzare i nostri spostamenti. Ascolto e dialogo Il sabato tutto il gruppo si riunisce per ascoltare la presidente che offre una lettura della vita della CM, negli sviluppi vissuti attraverso le Assemblee, cercando di cogliere i valori, l’impegno, le esigenze della situazione attuale. Pone alcune domande su cui il gruppo riflette in silenzio. Infine c’è un ampio e ricco dialogo, che evidenzia la disponibilità alla missione, il desiderio della comunione, l’impegno nel servizio, la ricerca faticosa e le difficoltà concrete nella scelta e nella realizzazione del bene. Tutto apre il cuore a una grande speranza per guardare con fiducia il futuro. All’incontro è presente e attiva anche Ermelinda, rappresentante del piccolo gruppo di familiares di Lisbona. Domenica ancora tutte insieme per il ritiro. Tocca a me proporre la meditazione, sul tema “Dall’ECCOMI al NOI CM”. Anche qui viviamo un profondo clima di ascolto e di condivisione, di preghiera e di ringraziamento per ciò che lo Spirito ci permette di comprendere e di vivere. La Messa è celebrata dal Vescovo ausiliare emerito di Porto, D. João, molto amico della CM, che resta poi con noi per la merenda e per le foto ricordo. Funchal E arriva il tempo di partire, dopo una settimana a Porto, per raggiungere quella sorprendente isola vicina al Marocco, che è Madeira. Anche in questa occasione il volo attraversa nubi nere e arriviamo a Funchal con la pioggia e il vento, ma la temperatura è più che mite. C’è Teresa Freitas ad attenderci e ci accompagna nell’appartamento, che è la sede della CM in questo avamposto atlantico, dove siamo attese da Paixão, la responsabile del gruppo. E arrivano subito le altre missionarie e alcuni familiares, felici di incontrarci. E noi ancora di più. Martina e io arriviamo qui per la prima volta. Tutto ci è nuovo e ci sorprende. Il tempo guarisce in fretta e ci ritroviamo in piena estate, tra monti e mare, in una città distesa sul fianco del monte, fatta di case circondate di fioritissimi giardini arricchiti di innumerevoli bananeti. Con gratitudine penso che le prime aspiranti missionarie portoghesi giunsero nella Compagnia Missionaria a Bologna, provenienti da Madeira. Dopo i saluti e gli abbracci, subito ci ritroviamo a gustare un video sulla vita di p. Albino, che abbiamo visto anche a Porto. Si crea un clima di silenzio che sa di preghiera e alla fine siamo commossi e grati. Nei giorni seguenti, mentre Martina incontra singolarmente le missionarie, trovo il tempo di andare a scoprire questa bellissima città con il suo lungomare e le sue stradine ripide. Mi ricorda molto la nostra costiera sorrentina. Ogni giorno a messa nella bellissima cattedrale o nella chiesa del Carmine, e quasi sempre qualcuna delle missionarie è a messa e a pranzo con noi. Calore familiare Momenti di relax e di caloroso clima familiare ci sono stati donati in casa di Madalena e di Paixão. A pochi passi dalla sede, c’è la casa di Madalena, dove vivono anche il fratello sacerdote e una sorella. Commovente la presentazione dell’album dei ricordi di famiglia – una famiglia di dieci figli – e dell’ordinazione sacerdotale del fratello. Per raggiungere la casa di Paixão invece, viaggiamo circa un ora su per i monti e, infine, dalla sua casa, vediamo ancora l’oceano! Ci attendono le sue due sorelle con un’accoglienza vivace e calorosa. Ci sono anche Madalena e Teresa Freitas. Veramente un’esperienza di fraternità semplice animata dalla carica di entusiasmo che caratterizza Paixão. Al ritorno in città, visita al cimitero, alla tomba di Teresa Carvalho. Sostiamo in preghiera, rendendo grazie al Signore per il dono della sua lunga vita e della sua passione per il Regno di Dio, vissuta in un grande spirito di appartenenza alla Compagnia Missionaria. La rivedo nelle tante occasioni in cui ci siamo incontrate in Italia: i suoi vivaci racconti, la sua carica di gioia nel cantare e ballare “Linda Morena”, i suoi interventi appassionati nelle Assemblee generali. Comunione ecclesiale Abbiamo vissuto alcune significative esperienze di comunione ecclesiale. Anzitutto la visita al Vescovo di Funchal, D. António Carrilho, con Madalena e Paixão. Ci ha accolte con affetto e con grande gentilezza, quasi con “rispetto”. Ci ha rivolto tante domande sulla vita della nostra Famiglia e sul suo carisma. Un dialogo davvero coinvolgente. Un’attenzione nei nostri confronti che ci ha stupite e commosse. Infine lo scambio di nomi e di indirizzi e la foto ricordo, ripetuta in varie posizioni per soddisfare il grande senso estetico del Vescovo, che vuole pubblicare una pagina sul notiziario diocesano. Altri incontri significativi sono stati le visite a due comunità dei padri Dehoniani: il seminario e il collegio. Anche in queste occasioni abbiamo ricevuto un’accoglienza semplice, simpatica e affettuosa. Martina e io non conoscevamo i padri, ma ci siamo proprio sentite in famiglia. Anche a Funchal momenti di grande comunione e condivisione sono stati gli incontri del gruppo con la presidente e il ritiro. Grande clima di ascolto reciproco, nel silenzio orante. Momenti di profonda gratitudine per quanto il Signore concede di scoprire e di vivere a ciascuno e insieme, secondo le proprie possibilità e nella consapevolezza dei propri limiti. Senso di rinnovata consegna allo stile e alla missione CM. Viva speranza in una rinnovata presenza e animazione missionaria e vocazionale nella comunità cristiana, nella possibilità di un maggiore coinvolgimento nella vita diocesana. Ringrazio il Signore e tutta la Compagnia Missionaria portoghese per l’esperienza di forte comunione che abbiamo vissuto. Soprattutto per la testimonianza di corresponsabilità e condivisione nella vita del gruppo, a Porto, tra missionarie di vita fraterna (solo due) e missionarie che vivono in famiglia. Per la comunione e la condivisione di vita, a Funchal, tra missionarie e familiares. Il Signore benedica e renda feconda questa bella realtà della nostra Famiglia.
uno zaino pieno di...
 
“Mettiamo sulle spalle uno zaino vuoto. In questi giorni metteremo dentro tutti i doni che il Cuore di Gesù ci offrirà”. Con queste parole pronunciate da Anna Maria ci siamo addentrate nella camminata degli esercizi spirituali “via e metodo particolarmente prezioso per cercare e trovare Dio, in noi, attorno a noi e in ogni cosa, per conoscere la sua volontà e metterla in pratica”. ( Benedetto XVI) Esercizi Spirituali che abbiamo fatto a Podomoro – Indonesia dal 30 giugno al 7 luglio 2015. C’eravamo tutte: Ludo, Antonia. Mudji, Susi, Lucy, Ibu Surtinah nostra amica, Santina ed Anna Maria . Simbolicamente ciascuna ha preso lo zaino sulle proprie spalle ed abbiamo iniziato il nostro cammino di ricerca della volontà di Dio. Ritornata a casa, con calma e tranquillità ho cercato di riaprire lo zaino per scoprire quanto avevo saputo accogliere e mettere dentro. Con mia grande sorpresa mi sono ritrovata con molti doni!!! Gioia, allegria, condivisione, momenti di preghiera, di ascolto, lo stare insieme con semplicità, sia nei momenti dei pasti che nei momenti degli incontri, la preghiera, la liturgia, il canto, e anche… lo scherzare insieme. Tanti piccoli gesti, che mi hanno aiutata a riprendere la mia vita quotidiana in modo diverso. La gioia più grande è stata quella di poter condividere insieme alle mie sorelle un po’ del nostro cammino e soprattutto di aver ascoltato da Santina ed Anna Maria la loro esperienza con p. Albino. E’ stato molto importante percorrere questo cammino in atteggiamento di silenzio. Silenzio che abbiamo voluto, accolto e concretizzato. Personalmente sento che anche questo aspetto ha segnato positivamente il nostro cammino. Durante l’anno abbiamo altri spazi e momenti per parlare e fare progetti, il fare silenzio in noi e attorno a noi ci ha aiutato a capire meglio cosa dovevamo mettere nello zaino. L’itinerario del percorso ci ha portato a riflettere sull’Eredità di P. Albino. Mi hanno colpito diversi aspetti concreti della vita di p. Albino: la sua fedeltà alla preghiera, la fedeltà alla missione ,al carisma, all’obbedienza . all’Ecce Venio e Ecce Ancilla… Questa figura ci è stata presentata in maniera molto concreta e ha veramente riempito lo zaino della mia vita. E’ stato molto importante conoscere la sua vita, la sua persona. Noi tutte ci siamo sentite disponibile all’ascolto perché abbiamo capito che dobbiamo continuare a far vivere dentro di noi la sua vita, e dire anche grazie. Abbiamo compreso che p. Albino ha avuto una grande influenza non solo per la vita della CM in generale, ma per ogni singola missionaria. In questo clima di ascolto, di serenità, di attenzione nel mio piccolo ho raccontato anch’io la mia esperienza perché anch’io ho vissuto momenti importanti con lui. Adesso sento che questa eredità che mi è stata presentata e raccontata deve continuare a vivere nella mia vita. Grazie!!!
"per lui vivo, per lui muoio"
 
Grande incontro della Famiglia Dehoniana Indonesia - La Verna Pringsewu, 14 - 15 -16 Agosto 2015 Come Compagnia Missionaria abbiamo ricevuto l’invito a partecipare all’incontro della Famiglia Dehoniana organizzata dai padri dehoniani. Dopo un confronto tra noi come gruppo,  abbiamo deciso che  sarebbero andate da Jakarta Mudji e da Palembang Lucy. Per 3 giorni, insieme al Provinciale SCJ dell’indonesia, è stato realizzato “alla grande” l’incontro della Famiglia Dehoniana, a Pringsewu, nella casa di ritiro a La Verna Padangbulan Lampung. A questa iniziativa sono state invitate le varie realtà dehoniane presenti in Indonesia : SCJ, Compagnia Missionaria, Dehoniani, OMK – Giovani anche ex SCJ e parenti, genitori dei dehoniani.. I partecipanti sono convenuti da varie città: Jambi, Belitang, Lampung, Palembang, Jakarta e Yogyakarta. Eravamo una cinquantina di persone di diverse età. Il primo giorno dell’incontro è cominciato alle 16,30 dopo la merenda con la cerimonia di apertura. Padre Agus SCJ ( membro della Commissione organizzativa ) nell sue parole di introduzione al convegno ci ha detto che il programma proposto per queste giornate doveva essere vissuto come luogo per approfondire e vivere sempre più il carisma di P. Leone Dehon. Abbiamo ricordato anche l’anniversario della morte di P. Leone Dehon avvenuta il 12 di agosto. L’incontro è iniziato alla grande con varie proposte di attività , con lo scopo, come aveva detto Padre Agus SCJ, di far crecere in ciascuno di noi lo spirito, l’eredità di P. Dehon. Praticamente questo era il primo incontro di tutta la famiglia dehoniana qui in Indonesia. Ha preso la parola anche Padre Madya Sriyanto SCJ, provinciale SCJ in Indonesia. Ha presentato la finalità di questo evento sottolineando quanto già detto da p. Agus. Ci ha spiegato anche come era sorta l’idea di questo incontro. Già alla fine dello scorso anno (2014), c’erano stati precedenti incontri in ogni gruppo di Famiglia Dehoniana, presenti in ogni regione. Da lì, venne l'idea di poter riunire queste realtà in un convegno, per uno scambio – verifica reciproca. Un incontro non per riunire tanta gente, ma i rappresentanti di queste realtà . “Si spera, ha continuato p. Madya, che questa iniziativa possa diventare un luogo, uno spazio per conoscersi meglio l'un l'altro. E infine, pensare anche a cosa possiamo fare insieme. Noi SCJ, vogliamo condividere con voi tutti la ricchezza spirituale che abbiamo ricevuto con l'eredità di P. Dehon.” Dopo questa introduzione p. Een ha costituito i gruppi di lavoro composti da vari elementi; per distinguersi, ad ogni gruppo ha assegnato un nome di personaggi dehoniani come per esempio, p. Andrea Prevot ecc. Una volta in gruppo,ci siamo presentati e abbiamo cercato di capire chi era e cosa aveva fatto il personaggio che ci era stato affidato. In seguito p. Madya ha presieduto la santa messa nella cappella. In questo giorno la liturgia ricordava San Massimiliano Kolbe. Nell’omelia ci ha parlato della vita di questo santo, soprattutto del sacrificio che aveva fatto per salvare una famiglia. Una testimonianza forte che richiamava anche noi a concretizzare questo aspetto nella nostra vita. La sera dopo cena abbiamo fatto una dinamica di gruppo animata da alcuni giovani. E’ stata per davvero una serata piena di allegria e fraternità. Abbiamo giocato e cantato insieme, come una vera famiglia. A conclusione di questa giornata c’è stata la via crucis meditata. Il giorno seguente, sabato, è iniziato con la celebrazione eucaristica presieduta da padre Kusmartono. La giornata si presentava con un programma abbastanza pieno. Le riflessioni sono state divise in due sessioni. La prima sessione svolta da P. Madya ci ha parlato della spiritualità dehoniana. Ci ha consegnato il materiale circa la Famiglia dehoniana. Poi ha spiegato ancora la storia: come è sorta , la spiritualità SCJ, l’opera, il lavoro e ciò che ci unisce nella Famiglia Dehoniana. Nella seconda sessione, Padre Yudistira SCJ, ha invitato i partecipanti a conoscere di nuovo il profilo e la spiritualità di Padre Dehon, attraverso un percorso spirituale (iter Formativo) e l'accordo Cagayan (frutto dell’incontro della famiglia dehoniana nelle Filippine ). In questa sessione, i partecipanti sono stati invitati a considerare quali misure possono essere prese, per crescere insieme e proseguire anche nel futuro questo camino di unità. Quali misure possono essere adottate per trasmettere lo spirito e la spiritualità. Poi, per conoscere anche il luogo dove i dehoniani hanno fatto i primi passi come discepoli di padre Dehon, dopo il pranzo è stata programmata la visita al noviziato di Gisting. Con il pullman siamo andati sul posto. Il viaggio è stato un po’ lento a causa del traffico e delle manifestazioni che c’erano perché si celebrava la festa dell’indipendenza in Indonesia. Comunque ci siamo divertiti cantando e raccontandoci barzellette. Abbiamo goduto di tutto quello che vedevamo… Quando ci stavamo avvicinando al noviziato, abbiamo visto padre Santo e alcuni studenti (postulanti e novizi) che ci stavano aspettando. Ci hanno invitato nella loro cappella per pregare. Si sentiva un clima di accoglienza calorosa e di allegria. Dalla cappella siamo passati in una sala dove abbiamo potuto conoscerci meglio e dialogare tra noi. E’ stato molto bello perché hanno fatto anche uno spettacolo per noi e abbiamo gustato insieme cibi tradizionali. Alla fine dopo un lungo viaggio di ritorno da Gisting siamo arrivate a La Verna e la cena ci ha ridato forze per continuare la nostra riflessione nei lavori di gruppo, anche se l’ora era già avanzata!!! I partecipanti in base al gruppo di appartenenza o di regione ( Lampung, Palembang, Jambi, Belitang, Yogyakarta e Jakarta) sono stati invitati da p. Yudis a riflettere e discutere tre cose: la situazione del gruppo in ambito locale, quali idee potrebbero attuare un percorso spirituale - formativo in ogni territorio, quali suggerimenti per sviluppare questa nostra realtà. Si è convenuto che un follow-up della riunione da parte dei partecipanti aiuterebbe a socializzare con gli altri membri nelle rispettive regioni e gruppi. L’ultimo giorno la messa è stata presieduta da p. Agus. Poi, in assemblea, ogni gruppo ha comunicato quanto si era maturato sulle tre proposte. Tutti siamo stati concordi di continuare con questi incontri e di trasmettere al nostro gruppo di appartenenza quanto avevamo vissuto in questi giorni. Padre Madya ha concluso facendo emergere i valori spirituali che sono stati presentati e vissuti in queste giornate. Prima di tutto i valori della nostra spiritualità che abbiamo vissuto in questa esperienza possiamo concretizzarli nella nostra vita quotidiana. Ha anche auspicato che attraverso questo incontro ogni partecipante possa ritornare al proprio gruppo con più convinzione e voglia di costruire l’unità anche con altri membri della Chiesa. “Non dobbiamo presentarci come un gruppo di elite separato dalla vita degli altri, tanto meno come un gruppo rivale o con una struttura rigorosa, distinta dalle altre realtà. Chi è giovane dehoniano, deve essere anche giovane della chiesa propria. Se si vuole essere un membro serio, dobbiamo collaborare tra noi per costruire una buona famiglia Dehoniana, in grado di diventare un buon membro della comunita di base in ogni ambiente…”. Come ultima attività e a chiusura dell’incontro abbiamo fatto un pellegrinaggio con la visita alla tomba dei dehoniani, vicino alla parrocchia di San Giuseppe. Di Pringsewu.- Lampung.
ottobre 2015
 
dicembre 2015
 
1 . 2 . 3 . 4 . 5 . 6 . 7 . 8 . 9 . 10 . 11 . 12 . 13 . 14 . 15 . 16 . 17 . 18 . 19 . 20 . 21 . 22 . 23 . 24 . 25 . 26 . 27 . 28 . 29 . 30 . 31 . 32 . 33 . 34 . 35 . 36 . 37 . 38 . 39 . 40 . 41 . 42 . 43 . 44 . 45 . 46 . 47 . 48 . 49 . 50 . 51 . 52 . 53 . 54 . 55 . 56 . 57 . 58 . 59 . 60 . 61
Logo
COMPAGNIA MISSIONARIA DEL SACRO CUORE
Via A. Guidotti 53, 40134 - Bologna - Italia - Telefono: +39 051 64 46 472

Follow us on Facebook