Logo
COMPAGNIA MISSIONARIA
DEL SACRO CUORE
una vita nel cuore del mondo al servizio del Regno...
Compagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia Missionaria
Compagnia Missionaria del Sacro Cuore
 La COMPAGNIA MISSIONARIA DEL SACRO CUORE è un istituto secolare, che ha la sede centrale a Bologna, ma è diffusa in varie regioni d'Italia, in Portogallo, in Mozambico, in Guinea Bissau, in Cile, in Argentina, in Indonesia.  All'istituto appartengono missionarie e familiares Le missionarie sono donne consacrate mediante i voti di povertà castità, obbedienza, ma loro abbandonate la loro condizione di membri la povertà di Dio. Vivono in gruppi di vita fraterna o nella famiglia di origine o da sole.
News
  • 14 / 05 / 2021
    SOLENNITA\' DEL SACRO CUORE DI GESU\'
    Venerdì 11 giugno 2021... Continua
  • 14 / 05 / 2021
    SOLENIDADE DO SAGRADO CORAÇÃO DE JESUS
    Sexta-feira 11 de junho de 2021... Continua
  • 14 / 05 / 2021
    SOLEMNIDAD DEL SAGRADO CORAZÓN DE JESÚS
    Viernes 11 de junio de 2021... Continua
mistero e grandezza di donne incinte
 
«39In quei giorni Maria si alzò e andò in fretta verso la regione montuosa, in una città di Giuda. 40Entrata nella casa di Zaccaria, salutò Elisabetta. 41Appena Elisabetta ebbe udito il saluto di Maria, il bambino sussultò nel suo grembo . Elisabetta fu colmata di Spirito Santo 42ed esclamò a gran voce: "Benedetta tu fra le donne e benedetto il frutto del tuo grembo! 43A che cosa devo che la madre del mio Signore venga da me? 44Ecco, appena il tuo saluto è giunto ai miei orecchi, il bambino ha sussultato di gioia nel mio grembo . 45E beata colei che ha creduto nell'adempimento di ciò che il Signore le ha detto» (Lc 1,39-45) Una donna incinta: sacramento di speranza. Testimone della presenza creatrice e salvatrice di Dio, nel mondo. Attesa di una donna incinta è attesa di un popolo. Una donna incinta contiene, custodisce e alleva un progetto di vita, un progetto di Dio. Una donna incinta rivela Dio al mondo. L'agire di Dio creatore e padre passa attraverso un rapporto d'amore umano, attraverso il mistero che vive nel corpo di una donna incinta. E quando il tempo giunge a pienezza, finalmente partorirà colei che deve partorire, colei che è sgorgata dal cuore del Creatore fin dai giorni più remoti; il Figlio, infatti, ha le sue origini nell'antichità. Ma nascerà dalla carne di una donna, nella piccola Betlemme. E sarà la pace del suo popolo. Proprio perché sceglie ciò che è piccolo, come Betlemme. Ciò che non è riconosciuto, apprezzato, ciò che non è sacro, come il corpo di una donna, incinta. Un Figlio che è l'attesa, la speranza, la gioia, la salvezza. Un Figlio che è la pace, perché nel suo corpo compie la volontà di amore, di vita, di salvezza del Padre. Un corpo umano di questo Figlio è il luogo sacro in cui si celebra e si compie la volontà del Santo. Volontà di pace e di salvezza. Nell'incontro di due donne incinte si compie la proclamazione di un evangelo, lieto annuncio di salvezza, che raggiunge l'umanità nella beatitudine della fede. Una donna incinta porta Dio nel frutto del suo grembo e il frutto del grembo dell'altra lo riconosce e lei è piena di Spirito Santo. Una pentecoste che passa attraverso i grembi di due donne incinte. Profezia di una umanità chiamata a diventare gravida di Dio, chiamata a generare Cristo nel mondo, attraverso la beatitudine della fede. Come Maria di Nazaret, proclamata beata e benedetta da Elisabetta, in casa dell'incredulo Zaccaria, sacerdote. L'attesa, la santa fragilità della speranza, la dolorosa tribolazione e la gioia esuberante del parto diventano paradigma che illumina e rivela il senso della vita di ogni persona che nasce dal  grembo di una donna, per essere figlio amato del Padre, destinato alla vita. Perché ciò che il Signore dice, si compirà. Per la fede. Attraverso un cammino misterioso e impensabile, sorprendente, come la danza di un nascituro nel grembo di sua madre. Come la generazione, nella carne umana di una donna, del Verbo di Dio che deve nascere nella piccola Betlemme, Casa del Pane.
gioia della bellezza
 
«14,15Se mi amate, osserverete i miei comandamenti; 16e io pregherò il Padre ed egli vi darà un altro Paràclito perché rimanga con voi per sempre, 17lo Spirito della verità, che il mondo non può ricevere perché non lo vede e non lo conosce. Voi lo conoscete perché egli rimane presso di voi e sarà in voi.  15,9Come il Padre ha amato me, anche io ho amato voi. Rimanete nel mio amore. 10Se osserverete i miei comandamenti, rimarrete nel mio amore, come io ho osservato i comandamenti del Padre mio e rimango nel suo amore. 11Vi ho detto queste cose perché la mia gioia sia in voi e la vostra gioia sia piena. 12Questo è il mio comandamento: che vi amiate gli uni gli altri come io ho amato voi» (Gv 14,15-17. 15,9-12) La gioia cristiana è nel consegnarsi  a un Dio che è famiglia. Una famiglia feconda. La gioia cristiana è nel contemplare nella famiglia l’immagine vera del Dio che è famiglia. L’amore - un amore fatto di carne, non di pensieri, di filosofia, di emozioni - è la radice dell’esistenza umana, la prima esperienza di vita che ci è data. Siamo generati nell’amore, un amore di carne e sangue. La carne e il sangue che un uomo e una donna si scambiano. La carne e il sangue che una donna offre alla persona generata nel suo seno. Da sempre, dal primo istante di esistenza so che cos’è l’amore. Dal primo istante di esistenza, in me è scritto l’amore come marchio di fuoco, incancellabile. L’immagine di Dio Amore. Il Dio Amore che vedo nella famiglia umana, generata nell’amore umano. La gioia cristiana è nel poter contemplare la bellezza di Dio famiglia. Gioisco della tua bellezza, o Padre del Figlio Gesù. Della tua bellezza che è il tuo nome: Dio misericordioso e pietoso, lento all’ira e ricco di amore e di fedeltà. Non è l’amore e la fedeltà il desiderio più profondo del mio cuore? Quell’amore e quella fedeltà così piccoli e pure così prepotenti in me, quell’amore e quella fedeltà che sono la lotta, la povertà e la ricchezza, la ricerca e la sete, il dolore e la gioia di ogni istante? E in mezzo alle rughe del mio cuore e alle povertà della mia carne scopro la bellezza inesauribile del tuo volto, o Babbo - Abbà, in cui ogni paternità ha origine in cielo e in terra! La bellezza del tuo volto di Babbo, tenero e perciò esigente, paziente e perciò luminoso di speranza, amante e perciò ferito dal sorriso e dalle lacrime. Libero di imprigionarsi nelle catene eterne dell’amore. Gioisco della tua bellezza, o Figlio del Padre, Signore Gesù. Gioisco di scoprire in te, nella tua carne e nel tuo sangue, la mia carne e il mio sangue, quello di una Donna, Maria di Nazaret. Gioisco della tua bellezza di Fratello mio, Fratello nostro, Gesù, Figlio dello stesso Padre e di Maria. Gioisco della tua bellezza di Figlio, perché anch’io sono figlia. Cos’è essere figlio se non essere piccolo, ricevuto e consegnato, amato e portato tra le braccia? Nella tua carne crocifissa e nel tuo sangue sparso scopro e contemplo ineffabilmente la bellezza di essere figlio, in te, con te. Perché quando sono ferita, abbandonata, spaventata, sofferente, là arriva la tenerezza e l’abbraccio sicuro e forte del Babbo, che piange e sorride con me  e con te. E prepara la risurrezione, la vittoria, la libertà. Gioisco della tua bellezza, o Figlio Gesù, Fratello, perché in te, nei tuoi occhi e nelle tue mani, nel tuo cuore di carne, nei tuoi pensieri e nei tuoi sentimenti umani e divini, scopro la bellezza di essere sorella, la bellezza di non essere sola. Gioisco della tua bellezza, o Amore del Padre e del Figlio, che li unisci e li rendi grembo fecondo da cui sgorgano figli amati nell’Amato: NOI UMANITÀ, NOI CHIESA. Non è bene che l’uomo sia solo, perché Dio è famiglia, è amore. Gioisco della tua bellezza, o Amore che unisci e apri, che generi nascostamente ogni vita, che respiri umilmente in me e in noi, che accarezzi con il respiro dell’aria, che  guidi con la mitezza forte della Luce della Parola, che curi e vivifichi con il Sangue e la Carne dell’Agnello immolato e vivente in eterno.   SANDRO BOTTICELLI, Trinità, 1491 Eccomi, Bellezza Trinitaria nascosta e rivelata, potente e debole della potenza e della debolezza dell’Amore. Eccomi, Bellezza Trinitaria che ha tanto amato il mondo, da non arrendersi al rifiuto e al tradimento, all’oblio e all’odio. Eccomi, Bellezza Trinitaria, invincibile, perché crocifissa e risorta, Famiglia Divina, ricca di amore e di fedeltà.
aprire gli occhi, e la mente e il cuore
 
Entro nel silenzio: del corpo (cerco una posizione in cui stare comoda, ma concentrata e ferma), della mente, del cuore, della bocca. Prendo consapevolezza della presenza di Dio, che vuole parlarmi e invoco lo Spirito Santo. Leggo attentamente il brano. Se siamo in gruppo una persona proclama la Parola: Gv 9,1-41 In silenzio rileggo, cercando di cogliere, anche sottolineando, le parole o frasi che attirano la mia attenzione, che suscitano un sentimento di commozione, di gioia, di timore, che provocano perplessità, incomprensione… Per cogliere il significato di alcune frasi o parole, è utile andare a leggere ciò che precede il brano che voglio meditare, o cercare in altri brani frasi simili. Si tratta di leggere la Bibbia con la Bibbia. È molto utile entrare nell’episodio descritto, fare la composizione del luogo: immaginare il posto, al situazione, le persone, l’avvenimento che viene narrato, e porre me stessa all’interno del racconto, trovare il mio ruolo; posso identificarmi con uno dei personaggi presenti, comunque è importante coinvolgermi in ciò che leggo. Medito. Se siamo in gruppo, una persona può suggerire alcuni spunti di meditazione. vv. 1-5: “Chi ha peccato? …. Io sono la luce del mondo” Se sei malato, sicuramente sei colpevole e la malattia è la punizione del peccato. Una delle certezze più diffuse, purtroppo anche tra i discepoli del Signore, ancora oggi! Una certezza che rivela una non conoscenza di Dio, del Dio di Gesù Cristo. Una certezza che scandalizza, soprattutto davanti al dolore innocente, e impedisce di incontrare Dio, il Dio di Gesù Cristo. È misterioso il dolore, spesso incomprensibile, ma Gesù assicura che anche il dolore può diventare strada per incontrare Dio. Questi primi versetti sono la chiave di lettura di tutto il brano. Siamo davanti a uno che è nato cieco, che non ha mai visto un volto umano, il sole, i fiori… nulla. Solo buio. Poi ci sono i discepoli di Gesù, che sono ancora in penombra, ma hanno la possibilità di arrivare a vedere pienamente, perché chiedono luce a Gesù. Solo alla sua luce vediamo la luce (cf Salmo 36,10), la mente e il cuore possono comprendere la verità, rivelata da ciò che gli occhi possono vedere. E poi ci saranno altri ciechi… vv. 6-7: “Fece del fango … va’ a lavarti … e ci vedeva” Nella prima creazione Dio formò l’uomo dal fango della terra. Ora il fango è prodotto con la saliva di Gesù, un liquido che sgorga da lui, come lo Spirito che sgorgherà con l’acqua dal suo costato trafitto. Quel fango è segno di Gesù stesso, l’uomo nuovo, venuto a ricreare l’umanità a sua immagine di Figlio di Dio. Pone se stesso-luce sugli occhi bui del cieco. E lo manda a lavarsi alla piscina di Siloe-inviato. Gesù vuole che il cieco “collabori” alla guarigione miracolosa, chiede la sua adesione alla sua volontà di guarirlo. Nessuno guarisce veramente se non vuole guarire, se non fa nulla per guarire. Il cieco, necessariamente accompagnato da qualcuno - è fondamentale la compagnia umana – si lava alla piscina dell’Inviato e ci vede. Anche l’acqua con cui si lava è segno di Gesù, l’Inviato del Padre per sanare l’umanità ferita e accecata dal male. vv. 8-12: “Non è lui? … Sono io!” Lo stupore e la fatica di capire ciò che è accaduto. Inizia un processo di ricerca per comprendere ciò che si vede, ciò che è accaduto. Cercare il significato di ciò che vediamo è essenziale, altrimenti siamo come ciechi. Ma l’ex cieco, anche se deve fare un percorso fino alla piena illuminazione, è già testimone di verità. Ha assunto in pieno la sua nuova condizione: “Sono io!”. Colui che prima non vedeva è lo stesso che ora vede: una nuova creazione è avvenuta. Nel buio del caos, Dio creò per prima la luce, perché la luce è la radice della vita. vv. 13-17: “Era un sabato il giorno in cui Gesù aveva fatto quel fango” Ci si stupisce davanti all’agire di Dio, ma può essere uno stupore positivo, come quello dei discepoli, della gente, oppure uno stupore negativo, quello provocato dal pregiudizio, dall’ideologia, quando la legge e la tradizione vengono prima del bene della persona. Il pregiudizio e l’ideologia vivono nel buio. La luce li stupisce perché li disturba. Pregiudizio e ideologia rifiutano la luce, perché la luce li minaccia, li vince, li uccide. Invece di vedere l’uomo che era cieco e ora vede, l’uomo “ricreato”, i farisei vedono solo che il fango è stato fatto in giorno di sabato, quando era proibito fare questa azione. Quando la legge fatta per il bene e la libertà dell’umanità diventa ideologia, si trasforma in prigione per l’umanità. E l’ideologia è sempre a servizio di un potere disumanizzante. La luce, invece, mette in crisi il potere e dà la libertà di incamminarsi sulla via della verità: l’uomo guarito può dichiarare, anche se non lo conosce, che Gesù è un profeta. vv. 18-34: “Non credettero … e lo cacciarono fuori” Il cieco era andato a togliersi il buio dagli occhi, lavandosi alla piscina; i farisei si bendano per non vedere e per continuare a negare la luce: sono ridicoli. L’uomo che era nel buio ora è felice perché è nella luce. Era al buio, come un morto nella tomba. Ora è venuto alla luce, come un neonato, un uomo nuovo. Coloro che si arrogano il potere di giudicare perché dicono di “vedere”, rifiutano la luce, scelgono il buio. Negano la realtà: decidono che non era cieco. Anche i genitori identificano il loro figlio, assicurano che era nato cieco, ma la paura del potere impedisce loro di gioire e sostenerlo. Forse anche loro avrebbero preferito che nulla fosse cambiato: non si troverebbero ad essere chiamati in giudizio, con il rischio di essere scomunicati (=cacciati dalla sinagoga). E’ sempre rischioso schierarsi per la verità. Tutto il Vangelo di Giovanni mostra lo scontro tra le tenebre e la luce, cioè tra la menzogna e la verità, tra Gesù e i poteri del mondo. E chiede inesorabilmente di schierarsi, o per l’una o per l’altro. Non c’è via di mezzo. “Non lo sappiamo” significa scegliere le tenebre. Non potendo negare ciò che è sotto gli occhi di tutti, il bene compiuto da un uomo e ricevuto da un altro uomo (in fondo è un’immagine di paradiso un uomo che fa il bene di un altro uomo), per salvare un potere iniquo e geloso, quindi cieco, che si nasconde dietro la legge e il nome di Dio, non sanno fare altro che condannare ed escludere: cacciano l’ex cieco dalla sinagoga, cioè dalla comunione con Dio, come se questo fosse nel loro potere. Ciechi e quindi illusi. Una condizione in cui facilmente possiamo trovarci. Una condizione che ci rassicura e addormenta la coscienza. vv. 35-41: “Tu credi nel Figlio dell’uomo?” La scena cambia: cacciato dalla sinagoga, l’uomo che ora vede, incontra Gesù, che non aveva mai visto. Sembra che Gesù abbia fatto in modo di incontrarlo. Gesù introduce l’incontro e il dialogo con una domanda decisiva: “Tu credi nel Figlio dell’uomo?”. Dopo avergli aperto gli occhi, vuole condurlo alla fede, cioè alla pienezza della luce. Mi metto nei panni dell’ex cieco che ha solo cominciato a vedere. E vedo Gesù davanti a me che mi chiede: “Tu credi nel Figlio dell’uomo?”. Resto in silenzio. Riascolto in silenzio il dialogo tra l’uomo e Gesù. Mi lascio coinvolgere. Sono io che chiedo: “Chi è, Signore, perché io creda in lui?”. “Lo hai visto: è colui che parla con te”. Davvero voglio sapere chi è per poter credere? Davvero lo vedo davanti a me? Davvero lo ascolto per vederlo? Perché non potrò vederlo, se non lo ascolto. La sua Parola è la luce. Posso rispondere: “Credo, Signore!”, prostrandomi davanti a lui? Sono un ex cieco che arriva alla piena illuminazione? Egli è la luce e la luce giudica, perché rivela la verità, perché manifesta l’amore. E allora gli chiediamo: “Siamo ciechi anche noi, Signore?”. Se è così, vinci le nostre tenebre con la dolce violenza della tua luce, perché non restiamo nel nostro peccato. Dacci il desiderio della tua luce! Se siamo in gruppo, dopo qualche momento di silenzio, è bene fare la condivisione, dove ciascuno parla e ascolta, senza discussione. È lo Spirito che parla in ognuno. Infine prego o preghiamo a partire dalla Parola ascoltata.
sint unum
 
Vivere la comunione e farsi comunione “Padre santo, custodisci nel tuo nome coloro che mi hai dato, perché siano una cosa sola, come noi…” (Gv. 17,11b). “Io conservavo nel tuo nome coloro che mi hai dato e li ho custoditi…” (Gv.17,12a). “E la gloria che tu hai dato a me, io l’ho data a loro, perché siano come noi una cosa sola. Io in loro e tu in me, perché siano perfetti nell’unità…” (Gv. 17,22-23a). Queste parole vengono pronunciate in un contesto di grande solennità, di altissima comunione Trinitaria e di intenso “pathos”. Non ci sorprende che queste stesse parole abbiano toccato il cuore attento e sensibile di P. Dehon fino al punto da trasformarsi in una delle leve più stimolanti della sua vita ed in uno dei motti del suo messaggio. Non sorprende che le stesse continuino a toccare il cuore di quelli e di quelle che si sono messi alla sequela di Cristo, secondo lo stile dehoniano. La comunione come realtà e come appello Per noi, della Compagnia Missionaria, la realtà e l’appello contenuti in queste parole, sono al centro della nostra vita e della nostra missione. Come missionarie del Sacro Cuore, “siamo chiamate a vivere la vita di amore sino a farci comunione con Dio e con i fratelli…” (St. nº6). Mi pare importante intendere la comunione, prima di tutto, come l’inserimento gratuito, da parte di Dio, nel dinamismo della Sua vita Trinitaria. Prima di essere un impegno, una risposta mia, è un dono e una realtà già presente nel mio essere e nel tessuto della mia esistenza. Questa certezza è stata e continua ad essere decisiva sia per la mia crescita che per quella di coloro che sono stata chiamata ad accompagnare nel cammino di formazione. Intendere la comunione alla luce della sua matrice Trinitaria, comporta anche altre conseguenze importanti. Quando facciamo autentica esperienza di Dio comunione di persone, nella misura in cui entriamo nella Sua intimità, sperimentiamo proprio che l’intimità non si oppone alla differenza, anzi cresce insieme a questa. La distanza e l’alterità assolute non significano separazione. Questo ha delle implicazioni nel nostro modo di intendere le relazioni con gli altri: anche qui la distanza significa la dualità che permette il riconoscimento, lo spazio dell’incrocio di sguardi che fa progredire la comunione, il luogo dell’altro come colui che non è per niente la proiezioni di me o un semplice doppio. Accettazione della differenza, riconoscimento del mistero dell’altro, salto per una libertà che non è caduta nell’isolamento e nella solitudine ma l’inaugurarsi di un regno dove pluralismo e solidarietà di uomini e donne, sono atteggiamenti che si possono sviluppare nella misura in cui ci esponiamo al calore della vita Trinitaria, nella misura in cui ci lasciamo liberamente condurre nel dinamismo della sua VITA. Coscienza delle rotture… Ho detto e dico molte volte, a me stessa e alle altre missionarie più giovani che sono stata e sono chiamata ad accompagnare, che avendo la comunione un luogo così centrale e così decisivo nella nostra vita e nella nostra missione, tutte le rotture, anche quelle che sembrano insignificanti, sono da noi avvertite e sentite come qualcosa di grave. Ricevere un carisma è, in un certo modo, diventare esperte di un determinato dono. È come se fossimo chiamate ad essere nella Chiesa e nel mondo artigiane di comunione… e, nel frattempo, verifichiamo che anche noi siamo capaci di creare dinamismi che non favoriscono o che provocano proprio la rottura della stessa comunione. A questo proposito evocherò quello che è successo un Giovedì Santo, in uno dei nostri gruppi. Era un giorno molto bello di una Primavera che già si annunciava. La casa dove abitavamo era una bella casa antica dove abbondava il legno. Avevamo fatto pulizie, il pavimento passato a cera scintillava, c’erano cascate di camelie cosparse qua e là … una grande dolcezza sembrava impregnare tutto e anche i nostri gesti. Avevamo programmato un pomeriggio di adorazione, sarebbe poi seguita la cena in clima di festa e poi la Cena del Signore… Però, prima dell’ora del pranzo, sorge un alterco tra due missionarie del gruppo. Volano parole insensate e smisurate che spazzano via la dolcezza e l’armonia fino ad allora esistente e che rimangono lì come un pungente contrasto con il messaggio e l’appello di un giorno come quello. Nonostante quell’incidente, o proprio a causa di esso, il messaggio di Amore e Comunione di quel Giovedì Santo, è rimasto per sempre scolpito dentro di me. Accogliere la fragilità e il peccato, rispettare il tempo psicologico necessario per riallacciare una relazione spezzata, accettare la misteriosa solidarietà che ci lega agli altri, aprirsi alla Parola e alla Presenza sanante e rigenerante del Signore della Vita – sono stati aspetti che ho capito più profondamente e che sono passati nel patrimonio della mia esperienza spirituale. È sempre una cosa grave attentare contro la comunione; le nostre rotture dovrebbero arrecarci sofferenza come se si realizzassero sempre il Giovedì Santo; ma è anche importante non dimenticare che la garanzia della comunione che ci viene offerta dal dinamismo della vita teologale è decisivamente maggiore e più determinante di tutto quello che può essere provocato dalla precarietà del nostro equilibrio psicologico o dalla cattiveria del nostro cuore. “Custodisci nel tuo nome coloro che mi hai dato” Penso sia successo, a coloro che sono stati incaricati di una missione di servizio (soprattutto formativo) all’interno di una comunità o di un gruppo, di trovarsi frequentemente a pregare con queste parole di Gesù. Personalmente le trovo straordinariamente espressive, con una notevole capacità di stimolare e rappacificare. Ritengo che la parola custodire è molto bella ed evoca un atteggiamento tipicamente femminile e materno. Vigilanza di un amore che protegge, difende e cautela. “Custodiscili”, custodiscile perché non si perdano, perché non si allontanino dalla fonte della vita piena, perché non vengono disintegrate e frammentate ma “siano uno, come noi”. Non perderle di vista, Signore, guarda a loro… Ricevile nel silenzio del Tuo amore, come in un seno fecondo, dove si possano creare e ricreare. “Ho custodito coloro che Mi hai dato…”. Alle volte anch’io, Signore, ho custodito quelle che mi hai dato. Le ho custodite con la mia sollecitudine, con il mio servizio disinteressato, con la tenacia della mia presenza discreta, le ho custodite nel silenzio del mio amore, nell’accoglienza rispettosa del mistero di ciascuna, nell’attesa paziente del loro sbocciare. Ma alcune volte mi sono distratta, altre volte ho rifiutato di allargare la mia tenda perché trovassero lì un riparo, non sempre sono stata capace dell’austera vigilanza del pastore… mi sono addormentata, mi sono chiusa nella fortezza dei miei gusti, dei miei interessi e dei miei diritti… e le ho perse di vista, ho lasciato che si disperdessero. Proprio per questo, custodiscile, Tu, Signore. Nascondile nel Cuore del Tuo Figlio, tuffale nelle acque abbondanti del Tuo Spirito, piantale stabilmente nell’alveo della Tua volontà e del Tuo disegno di Amore. Fa che comprendano quanto è rilevante per loro stesse e per il mondo, dove le invii, la spiritualità di comunione di cui sono ereditiere e portatrici. Fa che siano capaci di grandi desideri, come quelli che hanno modellato il Cuore di Tuo Figlio – il sint unum è uno di questi desideri – e dona a loro il realismo dell’umiltà che le renderà capaci di concretizzarli nelle pieghe nascoste della storia complessa del nostro tempo.
l'adultera perdonata
 
Entro nel silenzio: del corpo (cerco una posizione in cui stare comoda, ma concentrata e ferma), della mente, del cuore, della bocca. Prendo consapevolezza della presenza di Dio, che vuole parlarmi e invoco lo Spirito Santo. Leggo attentamente il brano. Se siamo in gruppo una persona proclama la Parola: Gv 8, 1-11 In silenzio rileggo, cercando di cogliere, anche sottolineando, le parole o frasi che attirano la mia attenzione, che suscitano un sentimento di commozione, di gioia, di timore, che provocano perplessità, incomprensione… Per cogliere il significato di alcune frasi o parole, è utile andare a leggere ciò che precede il brano che voglio meditare, o cercare in altri brani frasi simili. Si tratta di leggere la Bibbia con la Bibbia. È molto utile entrare nell’episodio descritto, fare la composizione del luogo: immaginare il posto, al situazione, le persone, l’avvenimento che viene narrato, e porre me stessa all’interno del racconto, trovare il mio ruolo; posso identificarmi con uno dei personaggi presenti, comunque è importante coinvolgermi in ciò che leggo. Medito. Se siamo in gruppo, una persona può suggerire alcuni spunti di meditazione. vv. 1-2: … si recò di nuovo nel tempio…. e si mise a insegnare loro. Nel tempio di pietra, Gesù che è il vero tempio in cui Dio si rivela, insegna. Lui stesso, Parola fatta carne, è l’insegnamento: la sua persona, le sue parole, i suoi genti. vv. 3-4: … una donna sorpresa in adulterio… L’adulterio era punito con la morte, perché considerato come un omicidio. Tradire l’amore significa uccidere. Il Dio della Bibbia considera adulterio il peccato di idolatria, perché Egli si considera e si comporta come lo Sposo del suo popolo, ma il popolo amato tradisce Dio/Sposo seguendo i propri idoli. Storia che si ripete sempre, anche nella nostra vita. Il peccato, ogni peccato è adulterio, perché ogni peccato è idolatria. Come Israele, noi cristiani e tutta la Chiesa siamo adulteri. Meritevoli di morte. vv. 6: … Gesù si chinò e si mise a scrivere con il dito per terra. Per due volte, in questo brano, l’evangelista nota che Gesù, in silenzio, si china a scrivere per terra, cioè sulle pietre del pavimento del tempio. Gesto misterioso. Proprio per questo ci interpella. Quando una parola della Scrittura ci sembra incomprensibile, troppo misteriosa… è su quella che dobbiamo fermarci, ascoltarla dentro… riascoltarla… Non inventarci delle spiegazioni, ma cercare nella stessa Scrittura una luce. Sono presente a questa scena e osservo Gesù e coloro che lo interpellano, e la donna là in mezzo… e Gesù che scrive sul pavimento… Che cosa mi dice questa scena, questo gesto di Gesù? Quando Dio dà la legge a Mosè, scrive con il suo dito sulle pietre. Scrive una legge che è atto di amore perché il popolo viva; è alleanza di amore con il suo popolo. I profeti, constatando l’adulterio del popolo, avevano annunciato un tempo in cui Dio avrebbe scritto la legge non più sulle pietre, ma nel cuore di carne dell’umanità. Il cuore di carne su cui è incisa perfettamente la Parola del Padre è il Cuore di Gesù. Se non siamo uniti a Lui dallo Spirito, i nostri cuori restano di pietra. Possiamo immaginare che forse Gesù, sulle pietre del tempio, scrivesse il pieno compimento della legge: l’amore. vv. 7-9: Chi di voi è senza peccato… Ci poniamo una domanda: se la donna era adultera, con quale adultero aveva commesso adulterio? Se era stata sorpresa in adulterio, dunque era stata sorpresa con un uomo. Ma era più facile condannare solo lei. E sono solo uomini quelli che la accusano. Non si parla di marito, eppure era il marito che decideva la morte della moglie. Ciò che è in ballo, ciò che interessa a scribi e farisei – esperti e osservanti della legge – è mettere alle strette Gesù, coglierlo in fallo, dimostrare ai presenti che è un impostore. Se dice di applicare la legge, che prevede la morte violenta, allora smentisce tutti i suoi insegnamenti sulla misericordia. Se dice di non ucciderla si mette contro la Legge di Mosè, è un bestemmiatore. Osservando la scena, non è possibile riconoscere il marito della donna, ma vediamo Gesù, il vero Sposo di Israele, della Chiesa, dell’umanità. E vediamo la donna, immagine di Israele, della Chiesa, dell’umanità, che ignora, dimentica, tradisce l’amore dello Sposo. È Gesù lo sposo, il giusto senza peccato, che può condannare l’adultera. E può condannare anche coloro che la accusano, perché nessuno è giusto davanti a Dio e il giusto pecca sette volte al giorno: così dice la Scrittura. Ma Gesù non è venuto a condannare; è venuto a salvare l’una e gli altri. Ciò che gli sta a cuore, perché si salvino, è che prendano coscienza di essere peccatori e dunque tutti bisognosi della sua salvezza, del suo amore. E infatti uno per uno se ne vanno. Nessuno è senza peccato. E resta Gesù solo con la donna, là in mezzo. “La misera e la misericordia” scrive Agostino di Ippona. Prima era in mezzo al cerchio degli accusatori. Ora è in mezzo al cuore misericordioso di Cristo: al centro della sua attenzione amorosa. Gesù ha rivendicato e manifesta in modo sublime la sua identità e la sua missione di Sposo. vv. 10-11: Gesù si alzò…. “Neanch’io ti condanno. Va’ e d’ora in poi non peccare più”. Sorprende e commuove questo gesto di Gesù, che si alza in piedi davanti a questa donna, disprezzata perché adultera. E la chiama “donna”, come chiama sua Madre, la samaritana e Maria di Magdala. “Donna” cioè icona di Israele e dell’umanità, sposa amata da Dio. Alzarsi in piedi davanti a qualcuno significa onorarlo, rispettarlo. È ciò che fa Gesù davanti a ogni peccatore: non ci disprezza, non ci umilia. A volte, anche quando facciamo il bene siamo capaci di umiliare la persona che pure aiutiamo. Gesù, invece, ci rispetta, ci onora, perché in ogni peccatore egli riconosce l’immagine e somiglianza del Creatore, l’impronta del Padre nei figli, il volto sfigurato della Sposa. Davanti al peccatore, davanti all’adultera, Gesù non ignora la gravità del peccato, non la sminuisce, non dice: In fondo che male c’è? Passiamoci sopra, tanto lo fanno tutti… Il peccato ferisce, umilia la sposa di Dio, deforma, uccide i figli del Padre, quindi umilia e ferisce il Cuore del Padre e il Cuore del Figlio Unigenito. Ma Gesù è venuto proprio, con la sua morte e risurrezione, a risuscitare il peccatore dal male, a salvarlo, a vincere il peccato. E allora “Nessuno ha potuto condannarti, Donna. Neanch’io, il Giusto, ti condanno, perché la mia giustizia è salvezza. Accogli il perdono, rinunciando d’ora in poi al tuo peccato”. L’adultera è rigenerata sposa. Icona della speranza di Dio sui peccatori.
il nuovo
 
Il nuovo della vita! S. Paolo afferma che: c'è una misura, quando l'uomo si guasta, lo Spirito lo rinnova! Nel tempo pasquale, viviamo e annunciamo un nuovo mondo, il nuovo Uomo Gesù Cristo. L'Apocalisse ci indica un nuovo cielo e una nuova terra ... Tutto è stato rinnovato! Sento che lo Spirito Santo continuamente mi rinnova. Mi vedo con uno sguardo risorto. Ogni giorno è un giorno nuovo! Una nuova opportunità per risorgere con Cristo. Una nuova creatura, la prima nel resto della mia vita! Il passato è passato non torna! In questa nuova visione, che tutto ha il suo tempo, tutto è fugace, niente è sicuro e irremovibile. Ho notato che tante volte i miei occhi erano miopi, guardando il nuovo che sembrava così lontano, ma era così vicino. Il nuovo dell’altro Nessuno cambia nessuno. I miei occhi nuovi videro l'altro con gioia, è mio fratello e anche quello con cui non simpatizzo. Questo nuovo che mi ha fatto mettere in comunione con ogni fratello con tutto ciò che è ed ha, e allo stesso tempo mi ha messo in comunione con tutto ciò che ho e che sono. Il nuovo della mia famiglia È solo che la mia famiglia è come tutte le famiglie del mondo. Nuove sfide, nuove situazioni, nuovi modi di vivere. Questa novità porta con sé uno sguardo limpido al reale che a volte non ha soluzione, però il nuovo è viverlo come un cuore accogliente e misericordioso. Essere presenti e approfittare di questa opportunità che si può trovare solo nell'unione con il Signore Risorto, che vive per sempre nella sua Chiesa e nel mondo. Il nuovo nella professione Nessuno cambia nessuno! Per quanto quello che devo cambiare è il mio aspetto, vedere nella persona che condivide lo stesso lavoro che è il figlio preferito di Dio. Ha una storia che solo Dio conosce, di cui vedo solo una piccola parte del suo essere. Ciò che si fa in silenzio è contribuire al bene comune così spesso invisibile. Amare senza parole, ma a gesti, nel confortante silenzio di Dio. Il nuovo della mia consacrazione «Non sei stato tu a scegliere me, sono stato io a scegliere te» … «Fai quello che ti dice» … La vita di consacrazione di castità, povertà e obbedienza è sempre vecchia e sempre nuova. «Il Saggio sa trovare le cose dal cuore, nuove e vecchie». Con la sana crescita dell'età vedo nella castità la bellezza dell'essere di Dio in tutte le circostanze della vita. Nei giorni gioiosi e meno gioiosi, vivere il presente con uno sguardo di tenerezza, facendo quello che si deve fare, se non si può fare, non lasciarlo diventare un peso. Obbedienza a Dio, nella Compagnia Missionaria, nella Chiesa, nel mondo; è un dono ineffabile. Ho imparato che chi obbedisce è perché si fida, anche nelle giornate più fredde, o più calde e grigie della vita! Obbedire è essere disponibili a Dio, agli altri e a sé stessi, essere in equilibrio tra l'essere e il fare nella gioia che viene dallo Spirito Santo. Questa è la mia forza, lo Spirito Santo che mi aiuta ad obbedire anche senza capire, così è stato il Sì di Maria, il Sì di Gesù, così è ciò che cerco di vivere. Povertà, il nuovo modo di vivere con il necessario, prudenza in quello che sto acquistando, se ho bisogno compro, se non ho bisogno non comprerò. Saper dare saper ricevere, sia materialmente che spiritualmente. Ho imparato a ricevere una critica che non mi piace, ma da essa prendo ciò che mi fa crescere e lascio da parte il resto. Ho imparato a vivere in modo diverso con maggior sobrietà. Il nuovo della preghiera Pregate incessantemente, dice Gesù ai suoi discepoli. Fedeltà alla preghiera e credo che lo Spirito Santo prega in me e con me nella Chiesa. Ripetizione dell'uno o dell'altro salmo, affidando le preoccupazioni alle gioie. Io vivo nel presente. Nella preghiera ho vissuto il presente, mi sono disconnesso dal passato, ho tagliato le mie paure, guardo con delicatezza al futuro senza grandi allarmismi. Il nuovo del gruppo comunitario Ognuno di noi è unico, amato da Dio, redento da Gesù, sostenuto dallo Spirito Santo. Sento sempre più che il mio gruppo sperimenta la debolezza della vita! Anche questo ha la sua bellezza; questo mi fa pensare alla brevità della vita, e che sono entrata nel tempo del decadimento e, contemporaneamente, dell'ascensione della vita a Dio. Il nuovo: vivere ogni momento come l'ultimo della mia vita ed assaporare il momento presente con la sua luce e colore e con le sue ombre. Il nuovo da Internet: Ho vissuto nell'apprendimento di questi beni preziosi, se usati per il bene comune. Il lontano che è diventato vicino. A questo proposito, ho visto il valore della comunicazione a distanza. Con Maria, Madre, Guida e Custode della Compagnia Missionaria del Cuore di Gesù, dico: Ecco la serva del Signore, avvenga di me secondo la sua Parola. Tutto è stato rinnovato! Il nuovo della mia storia, della storia dell’umanità, della Chiesa e della Compagnia Missionaria ... lo sappia accogliere con misericordia.
1 . 2 . 3 . 4
Logo
COMPAGNIA MISSIONARIA DEL SACRO CUORE
Via A. Guidotti 53, 40134 - Bologna - Italia - Telefono: +39 051 64 46 472

Follow us on Facebook