Logo
COMPAGNIA MISSIONARIA
DEL SACRO CUORE
una vita nel cuore del mondo al servizio del Regno...
Compagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia Missionaria
Compagnia Missionaria del Sacro Cuore
 La COMPAGNIA MISSIONARIA DEL SACRO CUORE è un istituto secolare, che ha la sede centrale a Bologna, ma è diffuso in varie regioni d’Italia, in Portogallo, in Mozambico, in Guinea Bissau, in Cile, in Argentina, in Indonesia.  All’istituto appartengono missionarie e familiares Le missionarie sono donne consacrate mediante i voti di povertà, castità, obbedienza, ma mantengono la loro condizione di membri laici del popolo di Dio. Vivono in gruppi di vita fraterna o nella famiglia di origine o da sole. I familiares sono donne e uomini, sposati e non, che condividono la spiritualità e la missione dell’istituto, senza l’obbligo dei voti.
News
  • 14 / 05 / 2021
    SOLENNITA\' DEL SACRO CUORE DI GESU\'
    Venerdì 11 giugno 2021... Continua
  • 14 / 05 / 2021
    SOLENIDADE DO SAGRADO CORAÇÃO DE JESUS
    Sexta-feira 11 de junho de 2021... Continua
  • 14 / 05 / 2021
    SOLEMNIDAD DEL SAGRADO CORAZÓN DE JESÚS
    Viernes 11 de junio de 2021... Continua
convivialità
 
                            Siamo arrivati ​​al Santuario di São Bento da Porta Aberta, terre di Bouro, un luogo fertile, che ci ha regalato un germoglio per la Compagnia Missionaria alcuni decenni fa. (la nostra Teresa Gonçalves). Ok, per arrivare c'è stata una partenza. Partenza che abbiamo realizzato la mattina dell'8 agosto presto, con i primi raggi del sole. Tutte traspiravamo la felicità di trovarci insieme, lontane dalla fatica quotidiana, contemplando la casa comune, che ci aiuta a vivere in pace, con salute e ci regala quotidianamente tanti doni meravigliosi. Ai piedi della montagna, sulle rive del fiume Minho, abbiamo gustato un delizioso caffè, in compagnia di altri turisti che hanno goduto di un paesaggio così magnifico. Il fiume a poco a poco, adornato dal verde delle colline, invitava ad un tuffo rilassante, tuttavia, rimaneva solo l'invito. Il sole scintillante accarezzava tutti i sensi. Momento delizioso, di convivialità e riflessione. Proseguendo il percorso arriviamo al santuario di São Bento da Porta Aberta, dove la bellezza circostante ci ha immerso nel mistero di Dio. Assaporammo il delizioso pranzo. Regnava entusiasmo per la convivenza. Poiché era impossibile rimanere per sempre in questo luogo ameno, abbiamo ripercorso la strada del ritorno. Non si poteva andare avanti senza fermarsi al Santuario di Bom Jesus do Monte, e rivedere la Passione di Gesù così incisivamente scolpita, e chi aveva la giovinezza delle gambe ha contato tutti i gradini della salita fino al Santuario. Alla fine della giornata, non poteva mancare una visita al santuario di Nossa Senhora do Sameiro, che domina la città di Braga. La città “invicta” ci ha accolto intorno alle 18 con un sorriso esuberante, con un cuore traboccante di gioia. Sia lodato Dio!
esercizi spirituali del gruppo di funchal
 
Presi dallo stupore Gli esercizi si sono svolti presso il Collegio Missionario del Sacro Cuore dal 19 al 23 luglio 2021, orientati da P. Pascoal, sacerdote diocesano. Il tema scelto: "Presi dallo stupore" comprendente vari sottotemi. Si iniziava con un testo biblico facendo riferimenti anche a diversi autori sia religiosi che laici. Il tema del primo giorno è stato: “il silenzio” iniziando con un testo di Matteo 1,18-25, con riferimenti a vari testi della Sacra Scrittura e ad opere attuali come "Il Libro del Silenzio" di Sara Mailand, scritti di Santa Teresa di Calcutta, di Thomas Merton… “Dio è silenzio ed è nel silenzio che si rivela quando stabiliamo un dialogo con lui”. San Giuseppe è una figura che deve interpellarci e sfidarci. La seconda conferenza riguardava “l'umiltà”, (Matteo 11, 25-30). La beatitudine: “Felici i poveri in spirito, perché di essi è il Regno dei Cieli". S. Teresa d'Avila veniva indicata con la frase "L'umiltà è la verità"; S. Agostino "Saremo più grandi se fossimo più umili". Vivere l'umiltà è riconoscersi peccatore, fragile, piccolo, ma Dio mi ama e io posso comunicare, testimoniare e diffondere il suo Amore. (frase di San Bernardo). Seguì poi ”La Delicatezza”, (Luca 10,38-42). Papa Francesco dice che dovrebbero essere recuperati gli atteggiamenti: "Scusa; Perdono; Permesso; Grazie". Il racconto di Betania (Lc. 10, 38-42) mostra una Marta indaffarata che riceve Gesù ma interiormente assente, mentre Maria sta ai piedi di Gesù il Maestro e lo ascolta. Sorprende quando Gesù dice che Maria ha scelto la parte migliore perché ha assunto un atteggiamento contemplativo. Nel ritiro dobbiamo essere contemplativi. Il Dono, (Luca 7, 36-49). "La felicità è più nel dare che nel ricevere" (Atti 20,35). Il dono di sé che viene fatto, simboleggia il nostro apprezzamento, la nostra stima, l’amicizia. Il significato cristiano del dono è “darsi”, essere dono per l'altro. Nel testo del Vangelo, citato sopra, una peccatrice della città irrompe nella sala e, senza chiedere permesso, si avvicina a Gesù, l'ospite, che reagisce in modo insolito, non stabilito dalla legge. Gesù rovescia la situazione. Quella che ne ebbe grande vantaggio è stata la donna peccatrice perché ha goduto del dono più grande che è Gesù. La Gratitudine, (Luca 17,11-19). Nella nostra vita, dire "grazie" (essere grati, ringraziare) è riconoscere nell'altro il favore, il beneficio, il bene che è stato fatto. Tuttavia, nella vita pratica ci sono molte situazioni di ingratitudine, mancanza di riconoscimento nei confronti degli altri. Il brano biblico della guarigione dei dieci lebbrosi in cui chiedono a Gesù misericordia e Lui li invia ai sacerdoti. Dopo essere stati curati solo uno di loro - uno straniero - torna indietro per ringraziare e dare gloria a Dio. La priorità è dare gloria a Dio, lodare Dio. E io ho dato gloria a Dio? Ho ringraziato? Lodato? La mia preghiera è il campo in cui spargo lode e ringraziamento a Dio per tutto ciò che mi dà? La Speranza, (Romani 5, 1-11). La speranza è una delle virtù teologali, assieme alla fede e alla carità. La speranza è un regalo meraviglioso per coloro che sono in cammino, che non hanno tutto ciò che vogliono. La speranza suscita una sensazione di presenza. San Tommaso d'Aquino diceva: "La giovinezza è la ragione della speranza ... la giovinezza ha molto futuro e poco passato". La speranza è la virtù che ringiovanisce tutte le persone (Isaia 40,31). Nella Bibbia è speranza di un buon futuro. Il garante del futuro è Dio. Un futuro buono e santo, migliore del passato e del presente. Nella nostra storia portoghese, i portoghesi passarono il Cabo das Tormentas, che divenne noto come Cabo da Boa Esperança. Dante nella "Divina Commedia", guardando l'inferno, formula la frase: "Abbandonate ogni speranza o voi che entrate". Vivere senza speranza è un inferno. Papa Benedetto XVI ha scritto un'enciclica col titolo: "Salvati nella speranza". Negli scritti di san Paolo la Speranza è unita alla Fede ed alla Carità. Non si possono separare perché l’una si appoggia all’altra. Il pellegrino è qualcuno che sta cercando: la bussola è la fede, la carità – amore, è il programma e la speranza è lo stimolo che è la forza per credere nel domani. L’Eucaristia, (Giovanni 6, 35-51). L'Eucaristia è il sacramento in cui Gesù si rivela e si dona. È la celebrazione di una Presenza; è il Memoriale, è l'Alleanza. Papa Francesco nella catechesi sulla Santa Messa ci riferisce che un gruppo di cristiani perseguitati da Diocleziano aveva affermato "Senza la domenica non possiamo vivere". L'Eucaristia è un evento meraviglioso in cui è presente Gesù Cristo, la nostra vita. Partecipare alla Messa è rivivere la passione e la morte redentrice del Signore. È la teofania: il Signore si fa presente sull'altare per essere offerto al Padre per la salvezza del mondo. La Messa è preghiera, dialogo, relazione personale con Dio ed è un momento privilegiato per stare con Gesù e con Lui, con il Padre e con i fratelli e sorelle; è partecipare alla vittoria del Risorto per essere illuminati dalla sua Luce. Eucaristia è lo Spirito Santo che ci fa partecipi della vita divina, ci fa incontrare con Gesù, ascoltare la sua Parola, nutrirci alla sua mensa e diventare Chiesa, Suo Corpo mistico nel mondo. Servizio, (Marco 10, 35-45). Ciò che rende credibile la Chiesa è la sua capacità di essere al servizio degli altri, come ad esempio nelle istituzioni e movimenti ecclesiali, nelle Conferenze di san Vincenzo de' Paoli, nelle catechesi ... Nel contesto dell'Ultima Cena (Giovanni 13,3-17) Gesù si inchina per lavare i piedi ai suoi... In Matteo 20,20-28 la madre dei figli di Zebedeo fa la richiesta che i suoi figli si siedano in posti di rilievo. Anche in Marco 10,35-45 sono i figli di Zebedeo che formulano la supplica di stare nei primi posti. La richiesta è sinonimo di tentazione: idea trionfalista, progresso nella carriera, «voler distinguersi», affermazione dell'io che si giudica superiore o migliore degli altri = vanità. Luca nel suo vangelo afferma: “ colui che governa sia come colui che serve” (Luca 22,26). La risposta del Maestro: “Poiché anche il Figlio dell'uomo non è venuto per essere servito, ma per servire e dare la sua vita in riscatto per molti”; (Marco 10,45; Matteo 20,28). Servire alla maniera di Gesù Cristo è mettere in pratica ciò che Egli ha vissuto e ci ha lasciato in eredità. “Vi do un comandamento nuovo: che vi amiate gli uni gli altri come io vi ho amato. Per questo sapranno che siete miei discepoli, se vi amate gli uni gli altri”; (Giovanni 13,34 -35) Maria, Testo biblico (Giovanni 2,1-12). Maria è per eccellenza la pedagoga del silenzio. Con Maria impariamo a coltivare atteggiamenti di: ascolto, accoglienza, contemplazione, fedeltà, attenzione, cura, umiltà. Temi citati in questi giorni e che si adattano alla Persona e alla vita di Maria. La sua spiritualità è legata all'amore per gli altri: la visita alla cugina Elisabetta. La gioia celebrata e vissuta nell'incontro delle due donne ... La risposta al momento dell'Annunciazione: "Avvenga di me secondo la tua parola" traduce e sintetizza tutto ciò che è accaduto nella sua vita, compresi gli eventi più drammatici nella vita di suo Figlio. Maria è Madre e Discepola. È l'Arca della Nuova Alleanza. Il suo “Eccomi” è l’accettazione nella Fede, un cammino alla presenza di Dio perché compie la volontà divina. È la discepola di suo figlio. È stata lei per prima ad accogliere la Buona Novella della Salvezza. Nel testo delle Nozze di Cana, in Galilea, anticipa la missione del Figlio suo: "Fate quello che vi dice". L'obiettivo è sempre mettere al primo posto Gesù. Maria percorre la vita di Gesù fino alla crocifissione e accetta la missione che gli affida il Figlio: essere Madre di tutta l'umanità. Maria e i santi sono intermediari presso Gesù. L'essenziale è Gesù. La guida poi ha invitato ogni partecipante a comunicare ciò che Maria rappresenta per lui/lei. L’Angelo Gabriele saluta Maria dicendo "Ave”, che è l'opposto di Eva, la prima peccatrice, mentre Maria è il modello della creazione di Dio. Che la Madonna ci aiuti ad essere fedeli al disegno di Dio. Maddalena Ribeiro La bontà e la delicatezza di Gesù “Gli apostoli tornarono da Gesù e gli raccontarono tutto ciò che avevano fatto e insegnato. Egli disse loro: Venite in disparte, in un luogo deserto e riposatevi un po'”.  (Mc. 6, 30-31). Meditando questo brano del Vangelo di Marco, mi vengono in mente molte cose. Rifletto sulla cura, la delicatezza, lo zelo che Gesù ha per tutti i suoi seguaci: Il discepolo deve riposare. “La delicatezza non si insegna, è diversa dal rispetto. La delicatezza è un meraviglioso difetto, una consegna irreversibile" (Fabrício Carpinejar) La delicatezza deve essere nel nostro DNA. “È la cultura della cura, come cammino di pace per sradicare l'indifferenza, lo scarto, il conflitto” (Papa Francesco). Marta, tutta presa dai lavori di casa, venne da Gesù e disse: Signore, non ti dispiace che mia sorella mi lasci sola a servire? Digli di aiutarmi. Il Signore le rispose: - Marta, Marta, tu ti affanni e ti agiti per molte cose, ma di una cosa sola c’è bisogno. Maria ha scelto la parte migliore che non le sarà tolta (Lc.10,40-42). Nel vangelo di Giovanni (11, 5) troviamo scritto che Gesù amava Marta e Maria. Ma mentre Marta non si fermò un attimo dal suo lavoro, Maria seduta ai piedi del Signore, ascoltava la sua Parola. Delicatezza è: ascolto attento dell'altro. Non possiamo dedicarci solo all'attivismo. Dobbiamo essere contemplativi, in ascolto della Parola che ci riempie il cuore e ci illumina. La vita interiore spirituale e la vita concreta esteriore hanno le stesse radici. Le architetture di senso si costruiscono con piccoli gesti che sembrano insignificanti! C'è qualcosa di sacro nel prendersi cura dell'altro! Riposiamoci per amare di più, per evangelizzare di più. San Giuseppe, specchio di bontà e delicatezza, prega per noi. Vieni, Spirito Santo, in aiuto delle nostre necessità della mente e del cuore! Vieni, Spirito Santo, a rinnovare la Terra! Celestina Camacho L'Eucaristia In che modo i cristiani la comprendono (cf Giovanni 6, 35-51) L'Eucaristia fa la Chiesa. Questa celebra l'Eucaristia, che è la convocazione che Dio fa al suo popolo. È il Sacramento dove Gesù si dona; è la celebrazione di una Presenza; è il memoriale; è l'Alleanza. L'Eucaristia è il mistero dell'amore di Dio che si rivela; è l'opportunità che abbiamo di incontrarci con la vita divina rivelata in Gesù Cristo il solo che è la Via, la Verità e la Vita. È attraverso l'Eucaristia che siamo chiamati all'unione con Cristo e alla fratellanza umana. Eucaristia è comunione con il Signore e con i fratelli. L'Eucaristia è un dono gratuito. Gesù non chiede nulla; Dà sé stesso e dà tutto gratuitamente. Gesù vuole essere l’alimento universale poiché si fa alimento per tutti. Gesù ha detto che non c'è prova d'amore più grande che dare la vita per i suoi amici. Nell'Eucaristia celebriamo la vita. Sull'altare del sacrificio, chi non offre anche sé stesso non offre niente. Nell'Eucaristia entra in gioco tutta la nostra vita. Comprendiamo veramente il dono della vita di Gesù Cristo solo quando faremo di tutta la nostra vita un dono, un'offerta, un sacrificio. C'è tutto un dinamismo di consegna che inizia con l'Eucaristia e finisce con la vita. Non riesco a comprendere la mia vita senza riferimento all'Eucaristia, nei momenti più vari e particolarmente quando le prove si sono manifestate più dolorose. Maria da Conceição Teixeira da Silva
corso di formazione permanente del gruppo di porto
 
Ciao carissime missionarie, amici e amiche della Compagnia Missionaria. Il gruppo di Porto (come al solito) si è riunito dal 22 al 25 febbraio, approfittando del periodo di Carnevale, per favorire le missionarie che lavorano. Il tema scelto per la riflessione è stato: "ATTI DELLA IX ASSEMBLEIA G.O." Tre Missionarie hanno scelto di partecipare alla “Settimana Di Studio Della Vita Consacrata”, che si è tenuta a Fatima nella stessa data. Dopo aver accolto e ascoltato Martina, arrivata dall'Italia il giorno prima, Lúcia ha presentato il lavoro su gli Atti che, ci erano già stati consegnati un mese prima, per prenderne visione e facilitare così la riflessione di questi giorni. Lúcia ha indicato anche un metodo di lavoro e ha consigliato di iniziare a leggere da pagina 6 a 23 partendo dai titoli per focalizzare l’attenzione su ciò che veniva indicato. Abbiamo formato due gruppi di lavoro e abbiamo preso in esame le seguenti domande : 1 ° Cosa troviamo più significativo? 2 ° Cosa c'è di più impegnativo per noi? 3 ° In quali aspetti troviamo le maggiori difficoltà? PLENARIA - Formazione del Consiglio centrale: 1° Il primo aspetto importante è stato il decentramento del Consiglio Centrale, che fino a quest’ultima Assemblea, la Presidente e la Vice-Presidente risiedevano a Bologna / Italia nella casa madre. Ora invece le cose sono cambiate, Presidente e membri del Consiglio centrale risiedano in diversi paesi e continenti. Questo è di grande importanza per l'internazionalità e la multiculturalità dell’Istituto. Un altro aspetto significativo è stata la nomina di una segretaria per supportare il Consiglio centrale e occuparsi anche degli Archivi, per i quali, deve rimanere in Italia. 2 ° Questo cambiamento richiede molto più sforzo e creatività, è un salto di qualità, come è stato detto in Assemblea è "... un vento di rinnovamento ... di apertura allo Spirito, di maggiore consapevolezza da parte di ogni singolo CM. 3 ° In relazione al CC, il percorso sta procedendo, non ci sono echi di difficoltà, anche se da parte dell'una o dell'altra missionaria, si avverte un certo disagio. - La formazione delle aspiranti nel contesto africano: Su questo aspetto, il Gruppo Porto è molto favorevole nell'accogliere le giovani per la formazione, è anche una risorsa per l'animazione vocazionale. È necessario continuare a indagare su come facilitare il visto di soggiorno, sia in Portogallo che nel paese di origine, i visti SCHENGEN, ma di lunga durata. Amministrazione ed equipe economica Per quanto riguarda la questione, il Gruppo non ha commentato molto, riferendosi solo alla difficoltà di sostituire l'Amministratrice anche se si ricorresse ad un commercialista credibile. Questa è un'altra questione che ricade sulle spalle del CC. Assemblea dei familiares Il Gruppo è già a conoscenza di questo evento, per questo sta seguendo la preghiera, l'uno o l'altro ha già letto i testi di preparazione, Teresa Castro sta pensando di partecipare all'Assemblea e dopo, dare un aiuto per sostenere Monguelfo. Il corso di formazione, oltre ai temi da noi scelti ogni anno, ha momenti molto forti di preghiera, comunione, condivisione e sostegno negli acquisti e nei pasti, ecc. Un abbraccio, Laura Gonçalves
vagliate ogni cosa e tenete ciò che è buono (1tess 5,21)
 
(PAPA FRANCESCO, Gaudete et esultate n. 168 ) Questa frase di San Paolo ai Tessalonicesi e ripresa da Papa Francesco nell'enciclica "Gaudete et esultate" mi ha fatto venire voglia di comunicare con voi, cosa che non faccio da molto tempo. Mi piace scrivere e lo faccio con piacere, ma quest’ultimo periodo è stato difficile e la vita non è stata facile. Esamina tutto. Posso fare un esame della mia vita che è azzurra come il colore del cielo della mia isola e come i colori bianchi e grigi che coprono il cielo dell'isola. La mia vita è stata bellissima per la famiglia: nonni e genitori che ci hanno educato molto bene, in campo spirituale, formativo e culturale. Dall'eucaristia quotidiana alla quale i miei genitori hanno sempre partecipato, alla confessione frequente, alla preghiera quotidiana della sera che abbiamo fatto insieme, tutto ciò ha formato gli 11 figli che avevano, anche se uno è morto da bambino. Uno è un sacerdote, una suora - Missionaria francescana di Maria che è deceduta - e io, consacrata nell'Istituto Secolare della Compagnia Missionaria del Cuore di Gesù, altri sposati e il rimanente single, ma dedicati a opere di natura religiosa e sociale. Da parte mia, essendo insegnante, ho fatto lezione per 36 anni. La mia vocazione si è risvegliata quando sentivo le suore parlare delle missioni in Africa. Anche se ha ristagnato, per molti anni. In quel tempo, insieme alla mia attività professionale, facevo incontri di catechesi e partecipavo a movimenti religiosi: corsi di cristianità, azione cattolica e visitavo i carcerati nella prigione di Funchal. Durante un ritiro a Fatima, chi orientava le meditazioni, mi ha chiesto cosa stessi facendo e la mia risposta: "sto dando lezioni" , ha capito che non ero ben realizzata e mi ha dato suggerimenti indicandomi nomi di Missionarie della Compagnia Missionaria del Sacro Cuore venute a Funchal e, da allora in poi, ho capito che la mia vocazione era di consacrata nella CM. Faccio parte del gruppo di Funchal da 36 anni e ho collaborato alla formazione di alcuni missionarie e ho fatto parte del Consiglio centrale. Come persona consacrata inizio la mia giornata con la recita delle Lodi, partecipo all'Eucaristia (spesso celebrata in casa da mio fratello), alla recita quotidiana del Rosario e, quando possibile, alle riunioni e ai ritiri organizzati dal Gruppo. Ultimamente sono mancata alcune volte a causa della situazione familiare che vi descrivo. Mio fratello sacerdote ha 90 anni con problemi di salute, a volte è ricoverato in clinica e alle volte è in casa ma richiede molte cure. Vivo anche con una sorella di 87 anni con qualche debolezza psicologica e altro. Ho un fratello in pensione e medico, sposato nel Continente e che ha problemi finanziari e ultimamente fisici con la rottura del coccige. Inoltre, ha un figlio disoccupato e drogato. Ho nipoti che vivono a Madeira e ci danno supporto psicologico. Il mio impegno quotidiano è quello di assistere i due fratelli con cui vivo e svolgere le attività quotidiane: fare la spesa, gestire e guidare le persone che ci aiutano. Il gruppo CM è costituito maggiormente da anziane, ma alcuni più giovani e più capaci si dedicano alle attività del gruppo e diocesane. Il gruppo dei familiares ha vitalità e partecipa alle attività del CM oltre alle attività professionali e diocesane. Concludo con la lode al Signore e agli amici che mi accompagnano e curo ciò che è buono.
corso di formazione permanente del gruppo di porto
 
Il lavoro che ci siamo prefissati di fare in questo Corso è stato di riflettere sugli Atti dell'ultima Assemblea G.O. del 19-28 luglio 2019. È stata un'opera di grande ricchezza che ci ha rese più consapevole delle dinamiche di un'Assemblea e dello spessore dei suoi contenuti. Era presente anche Martina che ha partecipato al Corso di formazione con noi. Alla fine mi ha posto una domande a cui cercherò di rispondere, secondo le mie capacità.  Cosa ti è piaciuto del Corso di formazione? 1. Mi è piaciuta la dinamica del corso stesso: Ci siamo divise in piccoli gruppi e a ciascun gruppo sono stati proposti alcuni punti su cui riflettere al fine di aprire nuovi orizzonti e ravvivare il dono della nostra missionarietà. 2. La presenza di Martina, è stata per il gruppo e anche per lei ... una presenza ricca. Ha condiviso le sue opinioni e la sua esperienza di vita CM, con la competenza e la serenità che le sono caratteristiche, segno di una donna molto matura! 3. Le sfide per il futuro del nostro gruppo devono essere o potrebbero essere: ANIMAZIONE VOCAZIONALE. Per fare ciò, è necessario essere disponibili, dinamiche, con capacità di rischiare, di lavorare, di uscire … questo alla nostra età non è così facile per mancanza di salute, ecc ... sarebbero necessarie persone giovani ... 4. Al corso hanno sono intervenuti anche due Parroci: Il parroco della parrocchia di Giustina e Gloria è venuto a celebrare domenica nel tardo pomeriggio, mentre il Parroco della parrocchia di Cármen e di Laura è venuto ​​lunedì mattina; assieme abbiamo recitato le lodi, poi ci siamo incontrate come gruppo in un dialogo sereno e aperto che ha favorito la conoscenza reciproca. Il Parroco ci ha parlato di sé, della sua vocazione, dalla sua famiglia. Abbiamo poi continuato l’incontro con la Lectio Divina:  Gesù e il samaritano.  Le tentazioni di Gesù.  La trasfigurazione del Signore.  La guarigione del cieco alla nascita.  Resurrezione di Lazzaro. Alla fine di questa condivisione, abbiamo celebrato l'Eucaristia e concluso con il pranzo. La presenza del Parroco l’abbiamo ritenuta molto salutare e felice, sia per noi come gruppo che per lui: una mattinata di preghiera, condivisione e convivialità, molto fraterna. 5. Ho sentito di aver vissuto in questi giorni, così come ognuno, credo, come una grande ricchezza: preghiera, riflessione, profondità, ascolto, e nell’accoglierci l’un l’altra sempre con desiderio di crescere nell’amore reciproco. Questo ci fa assaporare e sentire la bellezza di quanto sia bello conoscerci meglio e amarci di più, come gruppo e come consacrate CM. Martedì giorno conclusivo del corso, abbiamo avuto con noi il Vescovo emerito di Porto, D. João Miranda che da molti anni è nostro amico ed è sempre stato disponibile per accompagnarci e sostenerci nel nostro cammino. A te, Martina, il nostro grazie , per la tua presenza, per ciò che hai trasmesso e che hai vissuto con noi. Concludo con queste parole: L'audacia e la grandezza della fede, uniscono fraternamente le cose più belle della vita, che sono le persone.
segni dei tempi
 
Ho iniziato a pensare a come potrei essere utile, in questo momento, per un servizio a questa umanità sofferente. In questo periodo di pandemia in cui il mondo non ha più piedi per camminare, sembra che tutto si sia fermato. Angoscia e paura hanno preso il sopravvento sulle persone, ma poiché Dio è misericordia, ho fiducia in Lui e prego per la liberazione di tutti i popoli. In questi giorni in cui il tempo si è fermato, incertezze, angoscia e paure stanno affliggendo la nostra fragile umanità, a me non è venuta meno la serenità e la gioia di vivere i doni e le meraviglie del gruppo di Porto e del mio gruppo Guinea-Bissau. Attualmente mi trovo nel gruppo di Porto, ad approfondire la mia formazione umana e spirituale e ad allargare gli orizzonti di altre realtà. Con tutta semplicità e affetto sento la Compagnia Missionaria presente nel mio cammino, alcune persone, anche lontane, pregano, comunicano … e tutti questi sono segni che non possiamo dimenticare. Il nostro fondatore ci diceva: “perdete tutto, ma non perdete la carità”. Ho sentito in questo momento di pandemia, questa grande connessione tra noi e con gli altri. La mia esperienza nel gruppo portoghese è un momento di grazia per me; Vorrei esprimere il mio amore e la mia ammirazione a tutte, per il loro modo di rapportarsi l’una con l’altra con amore e cura. Sin dal primo giorno mi sono sentita coinvolta nel gruppo come amica e sorella. Come consacrate siamo chiamate a vivere nella logica di Gesù e Maria, che è una logica di servizio; è la logica dell’ "Ecce venio" di Cristo e dell’ "Ecce ancilla" di Maria. Questo è il discepolato: seguire i passi del Maestro. Dire di sì, come Maria, a un amore più grande non è facile, ma con l'aiuto di Dio potrò dare quel poco che ho nel mio cuore e essere una testimone per tutto il popolo della Guinea-Bissau. In verità, il mondo ha bisogno di amore, di comunione e di condivisione. Il mio desiderio è di testimoniare l'amore di Dio per ogni essere umano, la mia gratitudine per tutti.
1 . 2 . 3 . 4 . 5 . 6 . 7
Logo
COMPAGNIA MISSIONARIA DEL SACRO CUORE
Via A. Guidotti 53, 40134 - Bologna - Italia - Telefono: +39 051 64 46 472

Follow us on Facebook