Logo
COMPAGNIA MISSIONARIA
DEL SACRO CUORE
una vita nel cuore del mondo al servizio del Regno...
Compagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia Missionaria
Compagnia Missionaria del Sacro Cuore
 La COMPAGNIA MISSIONARIA DEL SACRO CUORE è un istituto secolare, che ha la sede centrale a Bologna, ma è diffuso in varie regioni d’Italia, in Portogallo, in Mozambico, in Guinea Bissau, in Cile, in Argentina, in Indonesia.  All’istituto appartengono missionarie e familiares Le missionarie sono donne consacrate mediante i voti di povertà, castità, obbedienza, ma mantengono la loro condizione di membri laici del popolo di Dio. Vivono in gruppi di vita fraterna o nella famiglia di origine o da sole. I familiares sono donne e uomini, sposati e non, che condividono la spiritualità e la missione dell’istituto, senza l’obbligo dei voti.
News
  • 14 / 05 / 2021
    SOLENNITA\' DEL SACRO CUORE DI GESU\'
    Venerdì 11 giugno 2021... Continua
  • 14 / 05 / 2021
    SOLENIDADE DO SAGRADO CORAÇÃO DE JESUS
    Sexta-feira 11 de junho de 2021... Continua
  • 14 / 05 / 2021
    SOLEMNIDAD DEL SAGRADO CORAZÓN DE JESÚS
    Viernes 11 de junio de 2021... Continua
a cuore aperto
 
Festa dell’ ECCOMI a Brugherio (MB), 6 aprile L’Eccomi comincia nelle nostre case: la preparazione, le partenze, gli arrivi. Ma è subito famiglia quando arriviamo, il venerdì sera, felici di rivederci tutte insieme dopo quasi un anno. Siamo accolte da Lucia Maistro, Orielda e Cecilia. Graziella è un po’ più curva, ma sempre attiva in cucina a preparare il cibo per la festa. Lucia Capriotti, Luisa e l’amica Rosetta ci portano il respiro e la generosità del gruppo di S. Antonio Abate. Maria Grazia è accompagnata da una nuova amica, Vilma, che viene dal Perù, e subito si ambienta nella nostra casa che “ha allargato i paletti della tenda” per farci posto. Naturalmente il dopo-cena è tempo di ascolto e condivisione, che va in profondità. E pensavo, quando ci lasciamo guardare, nel dialogo fraterno, il cuore si apre a rivelare il mistero della persona. Così Dio, rivelandosi ha aperto il suo cuore, dove contempliamo il suo mistero. Ha aperto il suo cuore per non chiuderlo più! E veramente si vede, anche nei gesti del quotidiano, questo vivere a cuore aperto che ci fa missionarie. Il sabato mattina, finalmente ci siamo tutte: Franca Gherardi e Rita arrivano in mattinata. Stiamo preparandoci all’accoglienza degli Amici. L’appuntamento è per le 14.30. Arrivano, alla spicciolata, e rivediamo volti noti, qualcuno nuovo, e subito si vive la cordialità dell’incontro. Nella cucina dell’Oratorio intanto si completano i vassoi per la merenda: ognuno ha portato qualcosa da condividere per far festa. Nell’attesa che inizi la meditazione di Lucia C., ci scambiamo ricordi, ci presentiamo, ripercorriamo la vita CM rileggendo, sui cartelloni che sono stati preparati, la nostra storia. Ci siamo tutti, non molti: la data scelta coincide con molte attività programmate dalla Parrocchia, e ciò ha imposto una scelta a tanti amici che hanno dovuto rinunciare a questo incontro. E’ il tempo dell’Ascolto. Dopo le parole di accoglienza di Orielda, Lucia C. ci fa camminare, sui sentieri della Parola, per scoprire quell’ECCOMI di Dio e dell’uomo. Il tema: L’Eccomi di Maria nel quotidiano. Alla conclusione ho ringraziato Lucia perché, le ho detto, ci hai portato un po’ qui, un po’ lì, restando qui: sembrerebbe un enigma. Ma Lucia ci ha fatto sentire quell’Eccomi per te pronunciato da Dio nella Creazione, ripetuto nella Alleanza, e infine riflesso, come in uno specchio, da Maria: DONNA, UMANITA’. Era davvero un invito a una festa nuziale: la commozione profonda di essere presenti a questa unione sponsale tra Dio e l’umanità che in Maria trova il suo compimento, grazie al suo Eccomi. E l’Eccomi di Cristo ha preso carne. Lucia ci ha fatto cogliere questo grande respiro della vita dell’uomo, amato da Dio, dall’Eden, a Nazareth, a Brugherio: per vivere da UMANITA’ che dice SI’ a Dio che l’invita: Rallegrati, donna! Xaire, Maria! E ora è il tempo della condivisione e della festa. Si comunicano le risonanze, il cuore si allarga ad accogliere l’oggi nella sua concretezza, là dove siamo, attenti a discernere e ascoltare quella voce del Dio AMORE, quella voce del Pastore bello, che è inconfondibile: Eccomi, sono qui per te! Rallegrati! Ed ECCOMI per vivere la festa: la bella e buona merenda preparata da tante mani. l’ascolto reciproco si srotola tra dolcetti e salatini, ECCOCI, insieme, a Brugherio, nel rallegrarsi di Maria, nella Speranza dell’umanità, Donna in dialogo con Dio. Grazie Lucia, Grazie Orielda e Lucia Maistro. Grazie P. Albino per questa Famiglia che hai generato nella fede!
all'alba del primo giorno
 
Liberazione della luce La nuova creazione nel tempo della grazia Ci sono giorni in cui devo pregare il Signore che mi restituisca l’udito, altri in cui la Parola fa breccia nel cuore, e non vorrei perderne una sola. Così, per fare memoria della mia fede, sto ripercorrendo, alla lettura del Vangelo, quelle parole che hanno segnato la mia vita, cambiandomi. Ma il Signore fa nuove tutte le cose, e vedo e ascolto come per la prima volta parole già udite e conosciute. Come mai non le avevo sentite prima? E in questa riscoperta e nuovo ascolto si sono fatte spazio le parole di Matteo che racconta la Pasqua di Gesù. All’alba del primo giorno Il racconto è scandito con determinazioni temporali precise, a partire dal capitolo 26: “Voi sapete che fra due giorni è la Pasqua…”, “Il primo giorno degli azzimi”, “Venuta la sera”, “Questa notte”. Poi la scansione temporale accelera in crescendo: “Venuto il mattino”, “a mezzogiorno”, “Verso le tre del pomeriggio” “Venuta la sera”, e dilatarsi poi in un TEMPO senza confini: “il giorno seguente”, “dopo il Sabato”, “all’alba del primo giorno”. Mi ritornavano note familiari, con altre profondità: primo giorno, e fu sera, e fu mattina… Graziella mi dice al telefono che loro, diocesi di Ambrogio, stanno leggendo Genesi. Anch’io torno ai primi passi della creazione, al soffio che dà la vita al primo Adamo, e mi sembra di riconoscere quei segni del Creatore che rivela nel nuovo Adamo la Sua Immagine: e torno indietro ad ascoltare Matteo: che cosa mi racconti? Di Chi mi parli? Ecco l’identità del nuovo Adamo, Dio-Uomo: Gesù avverte i suoi, fra due giorni, è la pasqua, anche lui sente l’avvicinarsi dell’ora, si preoccupa di avvisare gli amici, statemi vicino, insieme siamo più forti nella notte. Ma è SOLO, anche il Padre sembra tacere, e lui tace, tace davanti al Sinedrio, tace davanti a Pilato. Solo la verità parla, e parla con la voce di chi lo accusa: Tu lo dici, Io sono il Figlio di Dio, Tu lo dici, il mio Regno… Figlio di Dio e Re, ma quale nuova creazione dell’uomo: mite, non oppone resistenza, oltraggiato, perdona, tradito e rinnegato, guarda con amore, e in quel sabato santo, in cui il tempo della notte sembra non aver fine, cielo e terra si riconciliano, all’uomo si apre il tempo della grazia: era l’alba del primo giorno Non è il fine settimana che ci fa tornare con la faccia triste al lavoro del lunedì, no. È l’alba del primo giorno del tempo che ci è dato da vivere, nella vita del Risorto, è il primo giorno della nostra Pasqua!
servitori di cristo morto e risorto
 
Carissime/i, eccomi di nuovo a voi. Stiamo vivendo questi mesi di preparazione della nostra Assemblea della Compagnia Missionaria che celebreremo insieme e che ci coinvolge tutte. É un tempo di grazia, tempo di ascolto di ciò che lo Spirito ci suggerisce, tempo nel quale desideriamo aprirci alle novità ed alle sorprese di Dio; tempo per guardare il presente ed il futuro con i criteri del Vangelo. Sentiamoci impegnate a fare la nostra parte sia a livello personale che di gruppo mettendo in comune ciò che siamo e ciò che ci sta a cuore per il bene della nostra famiglia. Chiedo a tutte/i una preghiera più intensa perché il Signore guidi le nostre scelte con la luce dello Spirito Santo. Un tempo prezioso ci è dato per preparare la prossima Pasqua che celebriamo quest’anno il 21 aprile. Ci piace collegarla al 21 aprile 2014 e ricordare il 5° anniversario del passaggio alla vita piena nella casa del Padre, di p. Albino Elegante, fondatore della CM. A questo proposito mi è parso provvidenziale, ritrovare una sua riflessione dell’aprile 1980 alle missionarie. Ne propongo una parte che ritengo significativa. … “Questo atto “ricreativo” avviene mediante la morte di Cristo per amore. E’ talmente sconvolgente questa rinascita dell’umanità alla grandezza di Dio, che ci vuole la morte e la risurrezione dello stesso Figlio di Dio per realizzarla”… Difatti anche dopo il battesimo noi rimaniamo fragili, pur avendo la possibilità e la grazia di vivere una vita nuova. Siamo sotto il peso della fragilità “storica”, sotto il condizionamento della “carne”… Nasce in noi la spontaneità della risposta, spontaneità che non è superficiale, di occasione, condotta dalla improvvisazione e dalla emotività … Si concretizza, prevalentemente e con entusiasmo in quelle espressioni di donazione e di servizio che già costituiscono l’intelaiatura del proprio essere nella Chiesa, la “strada maestra” del proprio andare verso Dio e i fratelli … Ø Si tratta di trascinare nel proprio impegno tutto se stessi: con la propria posizione spirituale, ecclesiale, sociale, familiare, di lavoro ... Ø Si tratta di accettarsi, volersi bene, valorizzarsi nell’amore, accettare i propri limiti, i propri difetti, il proprio temperamento, la propria salute, i propri tempi  … Ø Si tratta di arrivare a modificare le nostre abitudini nel vedere, nel considerare, nel valutare … le persone e le realtà che ci circondano. Tutto è da Dio. Lo sono anche i miei fratelli e le mie sorelle. Anche loro sono stati redenti con il sangue di Cristo con la sua morte e risurrezione. E sono attualmente anche loro amati da Dio. E Dio come vuole me salvo e santo, vuole salvi e santi pure loro. Quanto diventa bella la mia vita e come si apre alla gioia, quando nella pazienza e nella speranza cerco di farmi servitore di Cristo morto e risorto!”. Trovo molto attuali queste parole ripensando anche al suo modo di essere con noi. Interpella la nostra vita di relazione con Dio e tra di noi e ci chiede di ritornare “al primo amore” a ciò che è essenziale per seguire il Signore e vivere rinnovate dalla Sua Parola nel nostro cammino quotidiano. Sono una chiamata di Dio a lasciarci affascinare dalla bellezza delle meraviglie del Signore Risorto, per vivere nella gioia e nella festa perché Lui è la nostra Pasqua. Auguro a tutte e a tutti una buona e bella Pasqua In comunione. Martina
ricordo di p. albino elegante
 
Leggendo i due libri: “60 anni di storia sulle strade del mondo” e “Gettare tutto nelle fondamenta” (lettere scritte da p. Elegante ancor prima che nascesse la Compagnia Missionaria) ho trovato fervore e zelo apostolico, pagine intense, riflessioni che continuano nel cammino della nostra storia, perché P. Albino le ha riproposte e donate anche a noi. Punti fermi che ancora oggi possono aiutarci a vivere la nostra donazione con un amore grande al Cuore trafitto di Gesù e alla Chiesa. Nelle lettere ho ritrovato le fondamenta della nostra spiritualità e dello stile di vita della Compagnia Missionaria. Questa nuova pubblicazione dà voce a tutti coloro che lo hanno conosciuto: membri della Compagnia Missionaria, confratelli Dehoniani e altri amici che attraverso il loro ricordo, ci donano queste “perle”, perché ci aiutino a conoscere altri aspetti e sfumature della sua vita, a noi forse sconosciute. Una persona si può conoscere in molti modi: attraverso ciò che ha scritto, ciò che ha realizzato o altro.. ma penso che la “statura” di una persona si possa misurare e conoscere a fondo, guardando a come ha saputo tessere relazioni. Attraverso queste testimonianze possiamo aggiungere altre piccole perle a ciò che già conosciamo. Sì, ha camminato con noi e questo cammino ci ha fatto crescere insieme: P. Albino e noi. Poter mettere in comune ciò che ciascuno ha vissuto è come comporre un mosaico armonioso fatto di piccole cose, che danno significato e colore alla nostra vita. Ringraziamo tutti coloro che hanno contribuito a comporre questo mosaico che ci stimola a ringraziare il Signore, per averci donato p. Albino e aver potuto costruire insieme un po’di storia. Questa pubblicazione è un dono di riconoscenza a P. Albino nel 5° anniversario della morte e nel centenario della sua nascita. Lo ringraziamo per questa rete di relazioni che ha saputo tessere, e riconosciamo che attraverso queste testimonianze il nostro caro P. Albino ci parla ancora. Anna Maria Berta
n. 1 - marzo
 
servire in umiltà
 
Studiamo il contenuto del secondo termine della nostra denominazione: Compagnia Missionaria. Etimologicamente la parola è derivata  dal verbo latino: “mittere”= “mandare” e precisamente dal participio passato: “missus” = “mandato”. Nella Scrittura questo verbo è usato spessissimo in tutta la sua coniugazione per significare una finalità ben precisa: l’investitura da parte di Dio di una missione di salvezza. Così, ad esempio, in Genesi (45,5) Giuseppe dice ai fratelli: “Iddio mi mandò avanti a voi in Egitto per il vostro bene”. Mosè, in nome di Dio, si presenta al Faraone per dichiarargli: “Jahve Dio degli Ebrei, mi ha mandato da te per dirti: lascia partire il mio popolo affinché mi renda un culto nel deserto” (Es 7,16)… Anche Gesù si dice mandato dal Padre  come  dono  d’amore  “affinché  ognuno  che  crede  non  perisca, ma abbia la vita eterna” (Gv 3,16). La presenza della volontà salvifica di Dio deve durare senza sosta sul cammino degli uomini. Per questo Gesù risorto trasmette la consegna della sua missione agli apostoli: “Come il Padre ha mandato me, così io mando voi”(Gv 20,21). “Andate e istruite tutte le genti, battezzandole nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo”(Mt 28,19). L’investitura da parte di Dio importa l’accompagnarsi della sua onnipotenza contro tutte le resistenze e tutte le difficoltà. “Prima che ti formarsi nell’utero ti ho conosciuto, prima che tu uscissi dal seno ti ho santificato: ti ho stabilito profeta per le nazioni” (Ger 1,5). “Tu poi, cingiti i fianchi, levati e di loro quanto ti ordinerò: altrimenti ti farò temere la loro faccia. Ecco io ti pongo, oggi, come città fortificata, come un muro di bronzo contro tutto il paese, contro i re di Giuda e i suoi capi, contro i suoi sacerdoti e il popolo della terra. Ti faranno guerra, ma non ti sopraffaranno perché io sono con te per salvarti” (Ger 1,17-19) Le pagine della Scrittura sono indistintamente segnate da questa certezza e testimoniano la “strana” azione di Dio. Nella prima lettera ai Corinti, l’apostolo Paolo ha tentato di descriverla così: “Ciò che è stolto per il mondo, Dio lo sceglie per confondere quello che è forte….affinché nessuna creatura possa vantarsi davanti a lui” (1Cor 1,27-29)… Noi e il dono di Dio 1. La chiamata di Dio alla fede è certamente per tutti gli uomini, ma alla perfezione della fede in una integrale imitazione di Cristo e ad una esplicita missione di apostolato, è solo per alcuni. Noi dobbiamo raggiungere la morale certezza di essere fra questi. Come? Forse un indice particolarmente rivelatore è il senso di Dio che lentamente ci invade. E’ la forza del cuore che trascina di prepotenza tutte le facoltà verso colui che sta diventando il grande amore e il grande interesse della nostra vita: “Proseguo la mia corsa, scriveva San Paolo ai Filippesi, per vedere di afferrare Cristo Gesù perché anch’io sono stato afferrato da Lui”. Uno scambio di attenzione. Se la nostra non riesce a diventare preponderante per Dio, arrischieremo di fare un passo che forse non era nei suoi disegni o che, comunque, svuota la sua scelta di quella stabile serenità che egli voleva donarci per farci testimoni della sua vita e della sua gioia in mezzo ai fratelli. La volontà dunque di conquistarci brano per brano a Dio, in un lavoro paziente, sofferto, ma tenace e soprattutto soddisfatto perché è prova d’amore, è ricambio d’interesse, perché è dono di noi stessi a lui, immedesimazione della nostra vita con la sua vita….è un buon criterio per affermare che egli ci ha scelti e portati tra le file della Compagnia Missionaria. 2. La vocazione di Dio è sempre per un dono di salvezza che egli vuol porgere agli uomini per mezzo nostro. “Come posso essere nel mio ambiente una luce che elevi dalle bassezze della quotidiana oscurità, luce che riscalda, illumina e vivifica? Solo se io spesso sto nel cerchio luminoso di Dio. “Il Cristo mi deve illuminare: allora potrò irradiare diffusamente ed efficacemente la sua luce” (B.Naegele). Il filtrare quotidianamente tutto noi stessi: pensieri, sentimenti, parole, atteggiamenti, attività attraverso il Vangelo, perché tutto sappia di Cristo, perché tutto ripeta, quanto meglio è possibile, l’esempio di Cristo, non è solo un lavoro necessario per rendere certa la nostra vocazione “radicandola nell’amore” ma è anche una questione di….onestà professionale. “Investiti di questo ministero,... ripudiamo i sotterfugi dettati dalla vergogna e, invece di comportarci con astuzia e di falsare la parola di Dio, ci affidiamo al giudizio coscienzioso di ogni uomo con la chiara manifestazione della verità al cospetto di Dio….Poiché noi non predichiamo noi stessi, ma Gesù Cristo” (2Cor 4,1-5). Sembra legittimo concludere che, per essere degni del mandato di Dio, noi dobbiamo tendere ad essere sacramento di Cristo, come Cristo fu sacramento del Padre. Con il termine “sacramento” intendiamo una realtà umana che ci accosta ed immerge in una realtà soprannaturale. Questo fu certamente il compito dell’umanità di Cristo rispetto alla divinità e all’amore del Padre. “Il Padre ed io siamo una cosa sola” (Gv 10,30). Ecco perché “chi vede me, vede anche il Padre mio”(Gv 14,9). Possiamo ambire lo stesso traguardo nei confronti della santità e dell’amore di Cristo? Credo sia più esatto dire che “dobbiamo”perché “noi siamo gli operai di Cristo e gli amministratori dei misteri di Dio. Ebbene dagli amministratori non si esige altro se non che siano fedeli”(1Cor 4,1-2). 3. Una parola anche sul contesto in cui Dio ha “calato” la nostra vocazione. Senza dubbio diversi erano i compiti di una vocazione di Dio e re, a profeta, a liberatore del suo popolo. Altrettanto, ai giorni nostri, di una vocazione di Dio all’una o all’altra famiglia di consacrati. La nostra si attua nella Compagnia Missionaria del Sacro Cuore. Peccare di astrattismo è una tentazione facile, ma se seguita ci condurrebbe alla insoddisfazione e alla sterilità. Le linee, dunque, su cui noi dobbiamo erigerci a “segno” di Dio in mezzo ai fratelli ed espletare il dono di grazia che egli ci ha affidato, sono quelle che nello studio, nella pazienza, nell’obbedienza all’indirizzo di Dio e della Chiesa sono maturate per la Compagnia Missionaria. Porci decisamente nelle modalità di servizio che sono proprie della nostra famiglia, amarne la fisionomia, rispettarne le tradizioni, donarci con intelligenza e iniziativa alle sue attività, riscaldare gli ideali e le energie al fuoco del suo spirito, significa vivere nella piena aderenza al piano di Dio e nella soddisfazione di sentirci “realizzati”come lui ha pensato e scelto per noi. “Chi di voi, ha detto Gesù, se ha un servo ad arare o al pascolo, al suo ritorno dalla campagna, gli dice: “Svelto, vieni a metterti a tavola! Non gli dirà invece:”Preparami da mangiare, cingiti per servirmi…poi mangerai e berrai anche tu? Forse il padrone ha degli obblighi con il servo perché ha eseguito gli ordini ricevuti? Così anche voi: quando avrete fatto tutto ciò che vi è stato comandato, dite: siamo servi inutili. Abbiamo fatto semplicemente quello che dovevamo fare” (Lc 17,7-10). Servire con umiltà, dove e come desidera Dio, è tutto il senso della sua chiamata. Infatti “non siete stati voi che avete scelto me, ma io ho scelto voi e vi ho posto sul cammino perché andiate e portiate frutto e il vostro frutto rimanga” (Gv 15,16). Il pensiero conclusivo Questa mattina, celebrando la Santa Messa, sono stato particolarmente colpito dalle parole della consacrazione: “Prendete e mangiate tutti: questo è il mio corpo offerto in sacrificio per voi”. Ho pensato che l’essere scelto da Dio era anche una domanda che egli ci faceva di seguire il suo Figlio in tutti i passi del suo cammino, eventualmente anche fino al calvario. Dal giorno infatti in cui Cristo ha compiuto il suo sacrificio, sembra diventata ineluttabile la legge della sofferenza per il traguardo della redenzione. Ho detto al Signore di “si” per me e per voi. Sono stato indiscreto? Spero di no, perché per noi “chiamati”,  il vivere “è una moneta da spendere” per comperare la salvezza nostra e dei fratelli. (Dagli scritti di P. Albino, Bologna, 2-2-1971)
1 . 2 . 3 . 4 . 5 . 6 . 7 . 8 . 9 . 10 . 11 . 12 . 13 . 14 . 15 . 16 . 17 . 18 . 19 . 20 . 21 . 22 . 23 . 24 . 25 . 26 . 27 . 28 . 29 . 30 . 31 . 32 . 33 . 34 . 35 . 36 . 37 . 38 . 39 . 40 . 41 . 42 . 43 . 44 . 45 . 46 . 47 . 48 . 49 . 50 . 51 . 52 . 53 . 54 . 55 . 56 . 57 . 58 . 59 . 60 . 61 . 62 . 63 . 64 . 65 . 66 . 67 . 68 . 69 . 70 . 71 . 72 . 73 . 74 . 75 . 76 . 77
Logo
COMPAGNIA MISSIONARIA DEL SACRO CUORE
Via A. Guidotti 53, 40134 - Bologna - Italia - Telefono: +39 051 64 46 472

Follow us on Facebook