Logo
COMPAGNIA MISSIONARIA
DEL SACRO CUORE
una vita nel cuore del mondo al servizio del Regno...
Compagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia Missionaria
Amerò sempre questa Guinea, Terra Sacra
Posted by Serafina Ribeiro

L’emozione e il timore, dopo gli attacchi terroristici in Francia e la situazione di massima allerta in Belgio, la sofferenza delle persone più direttamente colpite dal terrorismo e la mia fragilità fisica erano lo scenario di fondo nei giorni precedenti alla mia partenza per la Guinea Bissau. Ricordavo un canto che avevo imparato nella chiesa dello “Espinheiro”, in Brasile: “Da solo non posso niente” e pensavo: ma io non sono sola, Dio è presente, anche se nascosto nelle pieghe di questo mondo perturbato, negli incontri e scontri, nella salute e nella malattia, nelle situazioni di unione e di separazione…In terra, nell’aria, in mare, di notte e di giorno e nella gioia io so e sento che da sola non posso niente ed è per questo che Lui mi prende in braccio, mi conduce in pascoli erbosi e rigenera l’anima mia.

Il giorno 25 novembre, nella tratta Bologna-Casablanca, l’equipaggio era quasi tutto di colore. Pregavo, chiedendo la benedizione per tutti e per ciascuno perché, come me, con i piedi lontani dalla terra, portava certamente nel cuore le persone che aveva lasciato e quelle che avrebbe incontrato. Ho vissuto questo volo come un tempo privilegiato per stare solo con Dio e per decifrare quanto di più genuino abitava il mio essere. Quando spensero le luci per prepararsi all’atterraggio, ho sentito dentro di me una tenerezza libera e leggera come una farfalla, semplice come un bimbo, delicata come i gigli e le camelie, umile come le violette…non avevo con me né oro né argento, solamente la tenerezza da dare a tutte le persone, a tutte le creature.

Le 4 ore d’attesa nella sala d’imbarco in Marocco sono state un tempo di fraternità animato da musica di fondo; conversazioni incrociate; bambini che giocavano, correvano e piangevano; la condivisione di cioccolata e di piccoli gesti e sguardi.

Finalmente in Guinea Bissau. Mi aspettava Roberto, un giovane della comunità di San Paulo, impiegato dell’aeroporto, che mi chiese: Sei Serafina? Bina ti sta aspettando, dammi il passaporto così riempio i moduli. Simpatico! Bina, Antonieta e Nhamo, dopo abbracci e sorrisi, mi portarono a casa. Appena due messaggi per dire che ero arrivata bene e via a letto, alle 5 del mattino del 26 novembre.

Dopo giorni di riposo, i primi contatti e una visita alla città, abbiamo fatto il ritiro mensile. La mattina, mentre aspettavamo il relatore, regnava un clima di silenzio e di raccoglimento. Avevo davanti a me un gruppo giovane, pronto ad ascoltare, ad accogliere, a lasciarsi incontrare da Dio. Nelle giovani di questo gruppo traspariva la freschezza di un “” rinnovato e sempre nuovo e la bellezza della fecondità con la presenza di tre giovani: Marisol (periodo di orientamento), Claudia era la prima volta che si avvicinava il gruppo, Luzia (giovane universitaria che già frequenta i ritiri mensili e che molte volte si trova a pregare con il gruppo).

All’esterno c’era un ambiente di festa. Si sentiva pulsare la vita presente nella natura: il canto degli uccelli, delle colombe, del gallo, il coccodè delle galline, il pio-pio dei pulcini, il mormorio dei bambini nei diversi e grandi gruppi per la catechesi sotto i giganteschi alberi di caju e di carrube, la danza delle foglie degli alberi e degli arbusti e i più diversificati suoni che facevano parte dell’orchestra. Tutto invitava a cantare inni e salmi di lode a Dio per le sue creature.

Abbiamo iniziato il ritiro con una dinamica che ci ha aiutato ad assumere un atteggiamento di spogliamento e distacco per lasciarci incontrare da Colui che ci ha creati liberi per la vera libertà di figli. Ho ammirato particolarmente la capacità di silenzio delle tre giovani per tutto il giorno e anche durante il pranzo. L’ascolto silenzioso ha generato un clima di tranquillità e di disponibilità interiore in sintonia con il salmo 23 (22): “Il Signore è il mio pastore”. Ho riposato, ho recuperato forze, mi sono saziata alla mensa che Lui mi aveva preparato…. Davvero bello, molto bello.

L’11 dicembre vennero a pranzo due giovani portoghesi: David e Tiago che erano di passaggio in Guinea per studiare la possibilità di fare volontariato in campo educativo. Fu un momento emozionante quando presentarono il loro progetto, la loro associazione, l’impegno e il lavoro per racimolare fondi anche con la raccolta di carta… Così ho finito per scoprire, quando dissero che erano di Lixa, che conosco il loro parroco e che Zé, un mio ex alunno di Amarante, è un membro dell’associazione da loro fondata. Mi sono sentita pronta ad adottare, dentro di me, ciascuno di questi giovani e il loro progetto.

Il giorno dopo ho visitato la scuola di S. Paulo. Mi ha commosso la gioia dei bambini, le domande che mi rivolgevano: “Anche tu sei una missionaria come Antonieta”? Le canzoni e soprattutto la bellezza e la vivacità dei loro sguardi quando parlavo con loro. Ho raccomandato loro di non dimenticarsi di essere felici tutti i giorni della loro vita e li ho salutati con le parole di papa Francesco: “Per favore, non dimenticatevi di pregare per me!” ed ho promesso che avrei pregato per loro.

Il 13 dicembre, 3° domenica di Avvento e della gioia, è stata davvero segnata dalla gioia che ho notato nel sorriso del parroco e dei suoi accoliti che si preparavano all’Eucarestia, nel clima di festa di quella comunità giovane che avevo trovato quando sono arrivata al tempio della natura, sotto l’albero di caju. Alcuni già seduti, altri arrivavano con la loro sedia, i catechisti portavano panche e accoglievano bambini e adolescenti. Il silenzio invitava all’intimità, alla contemplazione e a prepararci alla celebrazione del giorno del Signore. Tutto era musica e armonia sotto l’albero di caju. Non riesco a trovare parole per descrivere l’esperienza del divino che manifestava la sua presenza amorosa e affettuosa. Il cielo era lì nell’Assemblea cristiana pronta e predisposta a celebrare il banchetto Eucaristico, nella Parola, nel Corpo di Cristo spezzato e condiviso. La Messa in criolo per cui capivo poco dell’omelia e dei canti, ma senza impedire minimamente la mia partecipazione. Ringrazio la comunità di San Paulo che, saggiamente, rispetta il tempo del Signore, sotto l’albero di caju, con il silenzio prima e durante le celebrazioni.

Nel pomeriggio siamo andate a casa di Marisol, la giovane in formazione nel periodo di orientamento. Nei villaggi (tabanca) dove passavamo si vedevano galline, capretti, maiali neri che mi sembravano cinghiali. Un viaggio piacevole e tutte ridevano quando confondevo i capretti con i porci e viceversa. Quando siamo arrivate ci aspettavano, sotto l’albero di caju, Marisol, i genitori, la sorella e alcuni bambini. L’incontro con questa famiglia è stato bello, un vero incontro di comunione. La brezza soave che ci sfiorava, il dialogo semplice e affettuoso, le canzoni, la natura piena di vitalità: pulcini, galline e cuccioli di cane, zucche, maracujà, alberi di papaia, nidi di uccelli sulla cupola della palma, la piantagione di mandioca… tutto pareva un canto di lode al Creatore. Alla buona maniera guineense ci hanno offerto una pollastra e due zucche.

Al ritorno ci siamo fermate nella comunità dei padri di Murialdo per comprare il miele. Abbiamo incontrato p. Giovanni, italiano, da 30 anni in Guinea. Subito ci ha fatto entrare, Ci ha offerto un dolce da lui preparato. E’ stato un vero momento di condivisione fraterna di vita: progetti pastorali, la necessità di un’animazione vocazionale lì a Bula, zona di Antonietta e di Marisol.

Dopo siamo andate a casa di Mario, cugino di Ivone. Era felicissimo per la nostra visita! Uomo semplice, lavoratore, accogliente e desideroso di condivisione. Tutto coltivato a mano da chi sa coltivare, trattare, curare e imprestare le mani a Dio nella continua creazione. Ci ha offerto un sacchetto di noccioline, un secchio di limoni e vino di caju. Ho sempre sentito dire che c’è più gioia nel dare che nel ricevere, ma quel giorno ho visto brillare negli occhi, nel sorriso aperto di quest’uomo dal volto nero il fratello che dà il frutto del suo lavoro come il tesoro più prezioso che possiede.

Il 17 dicembre sono andata con Bina e Antonieta a far visita al vescovo di Bissau, D. Josè. Un incontro breve, centrato sulle sfide pastorali, nella preparazione del Sinodo Diocesano di Bissau nel 2017, nell’urgenza di accelerare il proseguimento della costruzione della chiesa della comunità S. Paulo, nella gioia e nella speranza che ci offre il giubileo della misericordia, nella necessità dell’animazione vocazionale e della formazione di questa Chiesa giovane e assetata dell’annuncio della Buona Novella. E’ una Chiesa che tende la mano e chiede una collaborazione, anche se temporanea soprattutto per la formazione e animazione.

Nei giorni 19 e 20 ho animato un incontro con le giovani che partecipano al ritiro. Abbiamo lavorato sull’onestà, la contemplazione della bellezza dell’universo e delle meraviglie di Dio. Come base del lavoro personale di ciascuna e in gruppo hanno scritto un inno di lode a Dio. C’è stata anche l’opportunità di fare un piccolo percorso storico della CM con la proiezione di un PowerPoint.

Il 19 dicembre, mentre le giovani facevano il loro lavoro personale, mi sono trovata con gli insegnanti della scuola di S. Paulo, dove ho sottolineato che essere insegnanti è un privilegio, una vocazione, una missione sacra in quanto si agevola la crescita e lo sviluppo integrale degli alunni; che ciascun alunno è unico irrepetibile e quindi è fondamentale trattare ciascuno per nome, conoscerlo e aiutarlo a far emergere le ricchezze del suo essere, ad essere se stesso; che la dimensione affettiva è molto importante nella relazione insegnante-alunno e viceversa; che i nostri alunni hanno bisogno di trovare nella scuola un riferimento positivo, sentire che vogliamo loro bene, che sono importanti per noi e che hanno bisogno di essere accolti e amati. Ho messo in risalto l’importanza di insegnare “non solo i contenuti di una materia, ma anche i valori e costumi di vita…Per imparare i contenuti è sufficiente il computer, ma per capire come si ama, quali sono i valori e i costumi che creano armonia nella società è necessario essere un buon insegnante”(papa Francesco).

Ho lasciato loro l’appello ad essere suscitatori di sogni, “giardinieri” della vita.

Nello stesso giorno, nel pomeriggio, mi sono trovata con le funzionarie della sicurezza ed era presente anche Antonieta. Ho messo in risalto l’importanza di sentirsi agenti dell’azione educativa; che il loro lavoro e impegno è fondamentale per il buon funzionamento della scuola e contiamo su tutti per favorirne maggiormente la qualità per rendere questo spazio più accogliente, più pulito e più bello. Ho ricordato loro che hanno il compito di collaborare nell’aspetto educativo della scuola, compiendo e facendo osservare le norme di convivenza sociale e civica.

Ho anche incontrato tutte e ciascuna delle giovani che frequentano il gruppo e tutte mi hanno detto che piace loro pregare e fare l’adorazione con le missionarie. Ecco la testimonianza di Luzia:” L’esperienza che sto facendo nel gruppo CM mi aiuta a scoprire che il Signore ha bisogno di me e che io ho bisogno di uno stile di vita di preghiera, di fraternità, di formazione e di condivisione. Capisco anche che devo essere coraggiosa per essere fermento cristiano e per mettere al centro della mia vita la spiritualità di amore e di vivere con impegno il Vangelo. Lodato sia il Signore per il dono della vita e per le meraviglie che ha operato in me”.

Mi sono trovata anche con le donne del laboratorio di sartoria diretto da Ivone. Questa attività ha come finalità la promozione dell’autonomia e della dignità della donna mediante il lavoro. Mi sono messa in ascolto di queste donne e delle loro testimonianze. Mi hanno comunicato che era la prima volta che si trovavano a parlare dei benefici di questa esperienza lavorativa e dell’interiorizzazione dei valori che qui hanno scoperto. Sono molto grate a Ivone per la sua dedizione e aiuto. Sono rimasta contenta perché alcune di queste donne sono riuscite a fare un corso di scuola superiore, grazie al frutto del lavoro di sartoria.

Il giorno dopo il Natale siamo andate al mare per stare insieme e riposare un poco. Una giornata meravigliosa e con la voglia di dire: Facciamo qui tre tende…ma la missione ci aspettava a S. Paulo e siamo rientrate a casa felici e contente.

Dal 27 al 31 dicembre abbiamo fatto il ritiro annuale nella casa del PIME, a Takir. Ci siamo sentite accolte e come a casa nostra. Ho capito che i padri del PIME in Bissau sono molto uniti alla CM fin dagli inizi.

La fame e la sete di Dio che ho sentito durante il ritiro ha suscitato in me un atteggiamento di accoglienza e di apertura allo Spirito perché fosse Lui a saziarmi. Le riflessioni, che avevano come base il nostro Statuto, la Parola di Dio e documenti ecclesiali mi hanno aiutato a creare uno spazio interiore e una disponibilità piena ad accogliere il dono di Dio. Ho sentito come non mai il fascino per la vita consacrata e la disposizione a lasciarmi interpellare, potare e rinnovare… E’ stato un vero tempo di grazia.

Camminare più intensamente, in questi quattro giorni, con Nhamo per la preparazione della sua consacrazione, mi ha aiutato a rivedere la mia storia di vita consacrata, a rinnovare il mio “sì”e a contemplare in una luce nuova la grandezza del dono ricevuto. Ringrazio il Signore che in questo anno della vita consacrata mi ha preso e, per puro dono, mi ha portato sul Tabor per farmi contemplare il suo volto pieno di tenerezza e di bontà. Al termine del ritiro mi sono sentita interiormente inviata ad essere “padre/madre” di misericordia e ad amare tutti incondizionatamente e sempre, a non lasciarmi cadere nella mediocrità dell’egoismo, ma amare come Gesù sino alla fine, senza limiti. La misura dell’amore che Gesù propone è incommensurabile: “Amatevi come io vi ho amati”. Questo “come io” mi spinge ad uscire, a donare e donarmi nell’unica ricchezza che possiedo: “Gesù Cristo e il suo Vangelo”.

Il 31 dicembre abbiamo celebrato l’Eucarestia nella “cappella” improvvisata nella nostra casa qui a S. Paulo e Nhamo ha fatto la sua prima emissione dei voti. E’ stato un momento alto della mia visita al gruppo. Tutti erano raggianti di gioia per avere un’altra missionaria guineense. La celebrazione eucaristica è stata presieduta da p. Domingos (ofm) che aveva orientato il ritiro annuale e quelli mensili. Tra i partecipanti erano presenti la famiglia di Nhamo, le giovani in discernimento e altri amici… E’ stata una manifestazione di comunione per la nuova missionaria, la CM, la Chiesa e il mondo. Nhamo era raggiante, serena… molto bella.

Mi ha fatto molto piacere visitare, alla vigilia del mio rientro in Italia, la famiglia di Antonieta. Ho ringraziato di cuore per il modo caldo e generoso con cui mi hanno accolto, stimato e condiviso quanto avevano. Ho colto che lì tutti vengono accolti e che anche i vicini sono famiglia per loro… Che bello!

Al gruppo CM di Bissau va il mio grazie e riconosco la loro apertura allo Spirito Santo che le aiuta a camminare unite, l’accoglienza delle proposte di formazione da me offerte, la disponibilità per gli incontri personali e di gruppo, la fiducia che hanno avuto in me, i momenti di preghiera, di fraternità, la capacità di fare comunione tra noi e con chi entra in casa anche senza suonare il campanello. Ho ricevuto davvero molto dal gruppo, dalla comunità di S. Paulo, dalla Chiesa locale e da tutti coloro che ho incontrato.

Ho visto ognuna di loro come missionarie giganti nella loro donazione agli altri, nella loro capacità di uscire per andare agli altri: accompagnare all’ospedale, giocare con i bambini che cercano un appoggio, ascoltare e consigliare gli insegnanti e i bidelli, sostenere le famiglie in difficoltà… Un via vai costante che spinge ad un’uscita da loro stesse in modo costante. Mi sento di dire che questo gruppo è un’autentica Betania aperta tutti i giorni e a tutte le ore verso chi cerca un incontro, una parola amica, un insegnamento o un pugno di riso per saziare la fame.

Lì c’è tempo e spazio per scoprire novità nelle più piccole cose. Mi divertivo molto con le peripezie che Bina mi raccontava del gallo che era stato abbandonato dalla madre ed era nato in cima ad una parabolica. Ogni giorno il gallo ne inventava una per confermarsi capo del pollaio. Sapeva accogliere e difendere le pollastre che ci avevano offerto e, con il suo sguardo, tono di voce e canto, metteva ordine nel pollaio e non permetteva che le nuove arrivate venissero aggredite dalle altre galline.

Qui c’è sempre spazio per un’altra missionaria, un volontario o amico che sia disposto a uscire, ad andare alle periferie esistenziali, disponibile per accogliere il dono di Dio, per dare e donarsi. Può darsi che oggi, come allora per il Samaritano, Dio ti chiami a farti prossimo, con amore, di questo popolo ricco di speranza e avido di una mano amica che formi, condivida e accolga le diverse ricchezze personali e culturali che può donare. “Se oggi udite la voce del Signore, non chiudete i vostri cuori”. Il popolo ha bisogno di te, di voi e anche il gruppo di S. Paulo ha bisogno di un rinforzo anche se temporaneo.

Amerò sempre questa Guinea, terra sacra, che mi ha offerto uno spazio vitale di incontro con il divino, con le persone, con la madre terra fertile di saporosi cereali, legumi e frutti, con l’orchestra formata da variati toni e suoni degli uccelli, canti acuti della natura…

Condividi l'articolo su:
Logo
COMPAGNIA MISSIONARIA DEL SACRO CUORE
Via A. Guidotti 53, 40134 - Bologna - Italia - Telefono: +39 051 64 46 472

Follow us on Facebook