Logo
COMPAGNIA MISSIONARIA
DEL SACRO CUORE
una vita nel cuore del mondo al servizio del Regno...
Compagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia Missionaria
Testimoni ai margini della città
Posted by Ludovika Endang Sulastri

Vorrei  condividere con voi alcune idee sul titolo che ho dato a questo piccolo articolo. Sono semplici pensieri che possono “toccare” il nostro cuore e stimolarci a iniziare qualcosa di nuovo nella nostra vita.

Sappiamo che quest'anno per tutta la famiglia dei cattolici sparsi in tutto il mondo è l’anno dedicato alla vita consacrata, cioè alle persone che rispondono alla chiamata di Dio, si consacrano a Lui e dedicano la loro vita e disponibilità alla costruzione del Regno, inseriti in varie attività o lavoro come testimoni di speranza.

Per questo scopo sono sorte un po’ dappertutto diverse iniziative che aiutano a sensibilizzarsi su questo stato di vita. Anche nel nostro paese si sta cercando di fare animazione in questo senso: far conoscere cioè questa realtà cercando contatto con varie parrocchie vicine e anche lontane. Dato che questi spostamenti richiedono anche un costo economico,si cerca di agevolare queste iniziative con prezzi accessibili a tutti. Sono piccoli segni e passi in avanti che si ripercuotono e bussano positivamente sul cuore della città. Tutto è fatto per ricordare, a noi soprattutto ma anche agli altri, che la presenza della vita consacrata nel nostro mondo di oggi e nella Chiesa cattolica è una realtà ancora valida, anche se a volte ci chiede di vivere “ai margini della città”.

Il magistero e gli insegnamenti della Chiesa in diverse circostanze ci parlano delle preoccupazioni globali e sociali che esistono nel mondo attuale: dalla politica alle calamità naturali, la violenza alla dignità umana e tanto altro. Siamo stimolati a entrare in queste realtà servendoci e usando anche quei mezzi tecnologici che il mondo di oggi ci offre: facebook, siti vari, elettronica, WEB…Come la Parola di Cristo risuona i tutto il mondo e continua a scrivere la storia di un chiesa universale, così noi collegati ad altri gruppi di consacrati dobbiamo scegliere di collaborare al Regno di Dio su questa terra. Questa è la nostra missione!

Papa Francesco nel recente messaggio per la cinquantaduesima Giornata Mondiale di preghiera per le Vocazioni ci invita a non considerare la vocazione come qualcosa che riguarda solo chi sceglie il sacerdozio o la vita religiosa, perché ogni vocazione è un esodo , e ci chiede di “uscire” da noi stessi e di sentire come compito e destino la missione che comprende anche l’annuncio e la messa in pratica della dottrina sociale. Ecco alcuni stralci:

“…Questo esodo liberante verso Cristo e verso i fratelli rappresenta anche la via per la piena comprensione dell'uomo e per la crescita umana e sociale della storia. Ascoltare e accogliere la chiamata del Signore non è una questione privata e intimista che possa confondersi con l'emozione del momento; è un impegno concreto, reale e totale che abbraccia la nostra esistenza e la pone al servizio per la costruzione del Regno di Dio sulla terra. Pertanto, la vocazione cristiana,in quanto esodo, è radicata nella contemplazione del Cuore del Padre; ma non è mai una fuga dalla vita del mondo, anzi, spinge al tempo stesso all’impegno solidale, per la costruzione di una società di verità, di giustizia e di pace.

Questa dinamica esodale, verso Dio e verso l'uomo riempie la vita di gioia e di significato. Vorrei dirlo, soprattutto ai più giovani che ,anche per la loro età e la visione del futuro che si spalanca davanti ai loro occhi, sanno essere disponibili e generosi. A volte le incognite e le preoccupazioni per il futuro e l’incertezza che intaccano la quotidianità rischiano di paralizzare questi loro slanci,di frenare i loro sogni, fino al punto di pensare che non valga la pena impegnarsi e che il Dio della fede cristiana limiti la loro libertà Invece,cari giovani, non ci sia in voi la paura di uscire da voi stessi e di rimettervi in cammino! Vivere l’esodo renderà la vita di ogni giovane, come di ogni cristiano, ogni giorno più ricca e gioiosa. E qualcuno si lascerà sorprendere dalla chiamata di Dio.

La vita di una grande città è molto diversa da 20 anni fa. L’era della globalizzazione, ha continuato a svilupparsi e a premere sullo stile di vita delle persone, a renderci alle volte più distanti le une dalle altre anche perché tutto deve funzionare e vivere rapidamente e in fretta. Tutto questo è causa anche di un certo individualismo, solitudine, dove si cercano soluzioni basate sulla convenienza, soddisfazione, consumismo. Ho notato che anche nella scuola i bambini piccoli sono ora riluttanti a parlare molto a stabilire strette relazioni. Alcuni di essi tendono a sedersi in disparte preoccupati solo col gadget.

Personalmente, come membro di un Istituto secolare sto cercando di stare al passo, di stare aggiornata su quanto succede nel mondo e anche seguire le notizie attraverso face book o un sito web. Ricerco questi aggiornamenti anche per il mondo della vita consacrata entrando nel sito della Compagnia Missionaria, e dei siti che appartengono ad altri Istituti a livello mondiale. E’bello questo sentire - insieme con altri che vivono la tua stessa scelta e abitano lontani in altri paesi. Questo è un modo per conoscere meglio la vita secolare, per vedere come può essere la nostra testimonianza ai margini delle nostre città.

La nostra presenza come Compagnia Missionaria a Palembang è semplice. Oltre all’inserimento di ciascuna nel suo lavoro e nella parrocchia con alcune attività, come gruppo ci siamo impegnate a mantenere fermi i nostri incontri una volta al mese per riflettere e pregare insieme. .Cerchiamo di stare in contatto con Mudji e Susi che sono lontane, di accogliere, le esigenze di amici che hanno bisogno di essere aiutati e sostenuti materialmente e spiritualmente. E portiamo le loro difficoltà nelle nostre preghiere.

Qualsiasi nostra iniziativa è importante per far conoscere qui in Indonesia la realtà degli Istituti Secolari ancora al loro inizio di cammino. E’ un seme piantato ma ancora necessario di cure per essere sviluppato e capito bene.

Tra gli impegni di lavoro e vita frenetica, io personalmente continuo a cercare di prendermi tempo per me stessa, per riflettere e fare silenzio. Questo mi aiuta a continuare serenamente il mio cammino a discernere le priorità nella mia giornata , a cercare di costruire sempre l'unità, nonostante i molti ostacoli che posso incontrare. E capisco che tutto questo se accolto e vissuto può essere strategia di crescita e maturità per la mia vita di consacrazione.

In questo periodo abbiamo vissuto del momenti molto importanti per la nostra vita sia di gruppo che di famiglia CM.

Il 25 marzo 2015 a casa di Ludo, con circa 60 persone e il Vicario Generale Padre Felik Astono SCJ abbiamo celebrato l’Eucaristia e vissuto la Festa dell’Eccomi ricordando la prima approvazione del nostro Statuto. La morte di una cugina di Lucy è stato un altro momento forte per sentirci tutte unite nella preghiera.

Il 22 aprile con p. Elis SCJ e altre persone abbiamo celebrato la messa nella casa CM per ricordare l’anniversario della morte di p. Albino.

Siamo state presenti in varie parrocchie per la giornata vocazionale di qualche domenica fa.

Ringrazio il Signore per tutto questo e vorrei concludere con la stessa preghiera che Papa Francesco ha fatto a conclusione del suo discorso per la Giornata delle Vocazioni:

“ La vergine Maria, modello di ogni vocazione, non ha temuto di pronunciare il proprio “fiat” alla chiamata del Signore. Maria “ha cantato la gioia di uscire da sé stessa e affidare a Dio i suoi progetti di vita. A lei ci rivolgiamo per essere pienamente disponibili al disegno che Dio ha su ciascuna di noi; perché cresca in noi il desiderio di uscire e di andare, con sollecitudine, verso gli altri”.

Condividi l'articolo su:
Logo
COMPAGNIA MISSIONARIA DEL SACRO CUORE
Via A. Guidotti 53, 40134 - Bologna - Italia - Telefono: +39 051 64 46 472

Follow us on Facebook