Warning: getimagesize(zanetti[1].jpg) [function.getimagesize]: failed to open stream: No such file or directory in /web/htdocs/www.compagniamissionaria.it/home/class/init.php on line 1700
Logo
COMPAGNIA MISSIONARIA
DEL SACRO CUORE
una vita nel cuore del mondo al servizio del Regno...
Compagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia Missionaria
Inno all'amicizia
Posted by Martina Cecini
Mi hanno chiesto di parlare di P. Giuseppe Zanetti, missionario in Mozambico, morto il 17 luglio 2000, dieci anni fa. Non aveva ancora compiuto 62 anni.
Lo faccio molto volontieri pensando alle cose belle vissute insieme a lui e ad altri missionari dehoniani in Mozambico e non solo.
Ho intitolato questo scritto “Inno all’amicizia” perchè davvero l’amicizia con Zanetti (come lo chiamavamo normalmente), è continuata semplicemente anche dopo la sua morte e rimane nel mio cuore come un dono davvero grande.
Un dono di libertà, di umorismo, di presenza che supera il tempo e lo spazio.
Il primo incontro con lui a Namarroi, in Zambezia, al mio arrivo in Africa per la prima volta nel 1973. Nel mese di settembre, dopo poche settimane dal mio arrivo, Fratel Piero Camplani viene a Namarroi per prepararsi alla sua professione perpetua e per fare gli esercizi spirituali guidati da Zanetti, io mi aggiungo a loro. Il 29 settembre grande festa, e qui divento la perpetua di Fratel Piero.
Mi piace anche l’amicizia che c’è tra lui padre Giorgi e padre Ciscato e di come parla dei confratelli del suo anno di messa; nei suoi innumerevoli racconti ci sono sempre presenti tanti amici. E’ stato un periodo d’oro con Giorgi, Ciscato, Irene, Lisetta... Mi piaceva questo mettere insieme le varie capacità di ognuno e tentare di capire come entrare nel modo giusto nel mondo africano e come portare avanti le comunità cristiane, i ministeri, e formare le persone per diventare Chiesa – Famiglia.
Ci sono stati anche momenti delicati, i suoi lunghi silenzi, un mistero che non sono mai riuscita a spiegarmi o il modo come a volte voleva che cercassimo il nostro ruolo nelle comunità cristiane senza voler essere semplicemente quelle che accompagnano il prete e gli preparano le cose per la messa. Ci stimolava a creare il nostro spazio preciso di donne, di missionarie, nella comunità. Impresa ardua. Forse l’abbiamo vissuta con l’equipe successiva perchè le cose hanno bisogno sempre di molto tempo per maturare.
Anche Muiane – Ligogna è sempre stato un luogo importante per lui. La prima missione dopo un breve periodo ad Alto Molocue. Ne parlava sempre, raccontava molte cose di questa prima esperienza africana.
Dopo qualche tempo gli chiedo di essere il mio direttore spirituale e lui mi dice semplicemente e chiaramente di no perchè sono troppo complicata. Ammiro la sua libertà e la sua chiarezza.
Il tempo di Namarroi per lui è scandito tra noviziato scj e pastorale nelle comunità. Insieme facciamo l’esperienza di visitare non solo le comunità cristiane ma anche le famiglie una per una. Molto bello perchè si capiscono molte cose conoscendo la vita della gente da vicino.
Riusciamo anche a visitare i lavoratori a Milange con questo stile di conoscenza da vicino della vita delle persone. Poi insieme a lui e ai missionari e missionarie presenti in quel periodo, scriviamo anche delle lettere periodiche ai lavoratori di Namarroi che per sei mesi all’anno sono obbligati ad andare a Milange nei campi di te.
Poi Zanetti va a Ile ed ogni tanto ci si rivede. E sempre quello che ci unisce è l’amore alla gente e questa amicizia che ci aiuta a cogliere molte cose nel dialogo e in un certo modo umoristico di vivere le cose. Noto che legge e rilegge Guareschi... Libri che mi fa conoscere: Sequela, La vita comune di Bonhoeffer; Esperienze Pastorali di Don Milani, e molti altri che non ricordo ora.
Dopo Ile, Zanetti ha vissuto in varie altre missioni sempre in Zambezia. Noi missionarie CM, nel 1979 ci trasferiamo forzatamente a Quelimane. Con la situazione della guerra iniziamo a scriverci anche perchè nel frattempo da parte mia inizio il lavoro nella Diocesi di Quelimane. Ci vediamo sempre meno ma le lettere ravvivano e approfondiscono la nostra amicizia.
Poi mi affida anche i suoi diari dove i punti ricorrenti e che lui ritiene importanti sono: l’Eucaristia, l’amore alla gente e l’amicizia.
Ed ora un sogno che abbiamo nel cassetto è quello di pubblicare un libro dove trascrivere i suoi diari, alcune sue lettere, testimonianze. Non sappiamo se riusciremo ma sarebbe davvero bello.
Un capitolo a parte è la sua amicizia con le missionarie e la Compagnia Missionaria. Molte di noi hanno vissuto un bel legame di amicizia con Zanetti, Gina Santana, Edy, Santina, Rosanna, Irene, Lisetta, Elisabetta, Giuseppina, Angela, Fiora... Ci accompagnava nel nostro modo di intendere la nostra presenza in Mozambico e non solo. Molte volte dissentiva e diceva chiaramente quello che pensava ma non per questo si rompeva l’amicizia e la fraternità.

Un altro aspetto da notare e che forse lo caratterizzava di più era il suo modo di intendere la vita missionaria e le cose più importanti da curare: le relazioni. Molte volte si definiva un vagabondo o vagamondo perchè viaggiava per andare a trovare i missionari e per passare con loro un poco di tempo dialogando, chiaccherando ed anche bevendoci su. Cercava di capire le situazioni che le persone vivevano e sapeva stare assieme con grande comprensione, amicizia e fraternità. Rallegrare le relazioni con quel tocco di simpatia, di humor, leggerezza e perspicacia. A volte lo vivevo anche come una persona un poco impertinente, provocatorio e, da buon emiliano di una grande schiettezza.
Nell’amicizia non ci sono dei clichè, molte cose sono creative, sono anche intuizione fantasia e lui aveva un po’ di tutte queste cose. Un suo modo di vivere l’amicizia era la libertà ed una certa saggezza che si coglieva nel modo come intendeva la vita nel suo modo essenziale di essere.
Ed è con questa libertà che ho vissuto e vivo questa bella amicizia di cui ringrazio il buon Dio che elargisce i suoi doni con magnanimità e benevolenza.
Condividi l'articolo su:
Logo
COMPAGNIA MISSIONARIA DEL SACRO CUORE
Via A. Guidotti 53, 40134 - Bologna - Italia - Telefono: +39 051 64 46 472

Follow us on Facebook