Logo
COMPAGNIA MISSIONARIA
DEL SACRO CUORE
una vita nel cuore del mondo al servizio del Regno...
Compagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia Missionaria
Partire dalla realtà
Posted by Elisabeth Tiayna Mollo

Siamo già nel mese di settembre e mi rendo conto di come stia passando in fretta anche quest’anno! Condivido con voi quanto abbiamo vissuto come Paese durante questo tempo,  un tempo difficile però riconosciamo che nonostante tutto “stiamo camminando”, con l’aiuto di Dio.

Rifletto sull’elevato numero di persone che hanno avuto la possibilità di vaccinarsi e proteggersi dal Covid e con questo poter avere un poco più di libertà di movimento. Nel campo educativo ora c’è già la possibilità, per i bambini che lo desiderano, di partecipare di presenza alle lezioni, tenendo presente le varie precauzioni e attenzioni richieste. Questo ritorno ha permesso a noi insegnanti di renderci conto delle condizioni reali che stanno vivendo questi bimbi. Ci siamo accorte che il percorso scolastico ha subito un rallentamento e quindi i programmi pedagogici sono in ritardo e che in ogni modo dobbiamo supplire con i mezzi a disposizione. Rientrare in classe è stato per la maggior parte dei bambini un incontro che aspettavano con ansia ed è bello vederli contenti.

Anche nella parrocchia ora si può celebrare la messa con un gruppo più numeroso di persone, comunque sempre prenotandosi prima per non creare situazioni di assembramento. A poco a poco si stanno riprendendo anche le altre attività.

Come sta succedendo in altri paesi, anche da noi continuano ad arrivare migranti provati dalla fatica del viaggio, rischiando alcune volte la loro vita ... questo diventa un problema per le autorità ma per loro è speranza per il futuro. Un’altra situazione che è aumentata è la violenza nella zona sud, chiamata “conflitto mapuche”, con la perdita non solamente dei beni materiali, ma anche di vite umane sia civili che militari. Una situazione che permane e si vive da diversi anni.

Come non parlare del periodo attuale di campagna politica presidenziale dove i candidati propongono le loro “proposte popolari” nonostante il disincanto e la poca

credibilità di fronte agli elettori.

In questo tempo è stato rilevante ciò che è avvenuto riguardo “alla Convenzione Costituzionale”. In giugno il paese ha deciso di rivedere la Costituzione e questo per noi è stato un avvenimento storico, perché si è visto in questo passo un’opportunità per creare qualcosa di nuovo e rappresentativo con nuove norme per il paese.

Un altro evento importante è stato quello di vivere in maniera urgente la problematica relativa all’ambiente, accompagnato dalle ultime notizie sul cambio climatico. Questo tema rilevante del cambio climatico ci ha sorpreso e impressionato in maniera negativa, perché il riscaldamento globale si prospetta peggiore e rapido più di quanto si pensi. Si dice che attorno al 2030, dieci anni prima di quanto stimato, si potrà raggiungere la soglia del +1,5°C, con rischi disastrosi “senza precedenti” per l’umanità, già scossa da eventi e inondazioni. A meno di tre mesi dal vertice del clima COP26 in Glasgow (Regno Unito), gli esperti delle Nazioni Unite (IPCC) hanno responsabilizzato gli esseri umani su queste alterazioni ed hanno avvisato che non c’è altra scelta se non quella di ridurre drasticamente le emissioni di gas che producono l’effetto serra. Fonte: Emol.com

https://www.emol.com/noticias/Tecnologia/2021/08/09/1029078/calentamiento-global-acelera.html

A proposito di questa situazione, nel nostro paese già si stanno facendo passi a livello legislativo, anche se si dovrebbe fare di più. Vari movimenti e organizzazioni stanno trattando questo argomento per aiutare la gente a coscientizzarsi ed educarsi di più; molta gente giovane sta partecipando. Questo è quanto ho potuto osservare partecipando ad incontri e iniziative varie.

Nel mondo ecclesiale abbiamo l’enciclica “Laudato SI’”, che propone l’urgenza del tema ambientale: «Che tipo di mondo desideriamo trasmettere a coloro che verranno dopo di noi, ai bambini che stanno crescendo? Questa domanda non riguarda solo l’ambiente in modo isolato, perché non si può porre la questione in maniera parziale. Quando ci interroghiamo circa il mondo che vogliamo lasciare ci riferiamo soprattutto al suo orientamento generale, al suo senso, ai suoi valori. Se non pulsa in esse questa domanda di fondo, non credo che le nostre preoccupazioni ecologiche possano ottenere effetti importanti. Ma se questa domanda viene posta con coraggio, ci conduce inesorabilmente ad altri interrogativi molto diretti: A che scopo passiamo da questo mondo? Per quale fine siamo venuti in questa vita? Per che scopo lavoriamo e lottiamo? Perché questa terra ha bisogno di noi? Pertanto, non basta più dire che dobbiamo preoccuparci per le future generazioni. Occorre renderci conto che quello che c’è in gioco è la dignità di noi stessi» (N. 160).

Credo che, anche se l’impatto delle azioni che facciamo a livello sociale non siano tanto incisive ed il fatto di riciclare sia qualcosa di piccolo ... il nostro esempio servirà per camminare verso una “conversione ecologica “e diventa solidarietà verso le prossime generazioni. Un esempio viene dai miei bimbi della scuola che hanno già imparato a riciclare i loro residui.

E come non assumere la realtà, quella che viviamo nel quotidiano, già che è proprio da qui che possiamo vivere la nostra missione e consacrazione CM in mezzo al mondo: «Seguendo la via tracciata da Cristo, vogliamo ovunque elevare e risanare la dignità della persona; immettere nel lavoro quotidiano un più profondo significato; contribuire a rendere più umana la famiglia degli uomini e la sua storia (cf. CFL n.36)» (RdV n. 14).

Condividi l'articolo su:
Logo
COMPAGNIA MISSIONARIA DEL SACRO CUORE
Via A. Guidotti 53, 40134 - Bologna - Italia - Telefono: +39 051 64 46 472

Follow us on Facebook