Logo
COMPAGNIA MISSIONARIA
DEL SACRO CUORE
una vita nel cuore del mondo al servizio del Regno...
Compagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia Missionaria
Maria nostro modello nella fede
Posted by Gabriela Sitoe

Il nostro discernimento vocazionale secondo l'esempio di Maria.

Molto diversa da questa è la figura della donna che emerge dai racconti evangelici a lei correlati: una pellegrina della fede, che sta gradualmente scoprendo la sua vocazione e missione. Per lei, come per ogni giovane donna, “il discernimento vocazionale non si completa con un singolo atto, sebbene nella narrazione di ogni vocazione sia possibile identificare momenti o incontri decisivi. Come tutte le importanti realtà della vita, anche il discernimento vocazionale è un lungo processo, che si sviluppa nel tempo, durante il quale si deve continuare a vegliare sulle direzioni con cui il Signore determina e specifica una

 vocazione, che è personale e irripetibile ».

La risposta di Maria alla Parola ascoltata è quella di una persona di fede, che crede nella promessa di Dio e nella potenza della sua Parola. Quando sente le prime parole dell'Angelo, è turbata e perplessa, sorpresa. Non tanto per quello che le viene detto, ma per averlo detto a lei. L'annuncio della sua divina maternità solleva in lei, non il dubbio , ma la domanda sulla Fede che interroga e cerca, la domanda di coloro che hanno uno sguardo realistico sulla sua condizione: "Come sarà se non conosco un uomo?" Lc. 1, 34). Poi arriva il completo consenso, la totale disponibilità, l'abbandono nella Fede: "Ecco, l'ancella del Signore, si faccia di me secondo la tua parola" (Lc 1,38). Maria è l'ascoltatrice della Parola. La sua Fede è quella della donna che ascolta la Parola di Dio e le risponde ogni giorno in preghiera. Dio chiama ma non impone, chiede sempre la nostra risposta. Possiamo accettare o rifiutare. Maria accettò in completa libertà; poiché era completamente era disponibile all'amorevole volontà di Dio. Si è donata completamente a Dio e ha creduto in Lui in ogni istanza del suo essere e quindi "tutte le generazioni la chiameranno Beata". (Lc 1,38).La missione di Maria è di dare Gesù al mondo.

È la prima evangelizzatrice, la prima a portare la Buona Novella della salvezza. Maria è la fedele compagna di Gesù, lo segue fino alla croce. Con il silenzio accompagna la missione di suo Figlio identificandosi pienamente con Lui. La sua vita è tutta incentrata su Gesù. Questo modo di essere è assolutamente suggestivo per noi che cerchiamo di seguire Gesù nella Compagnia Missionaria, perché accettare la missione implica la volontà di rischiare la vita e di seguire il cammino della croce, sulle orme di Gesù, con determinazione e umanità. Solo se uno rinuncia ai propri bisogni, lo spazio sarà aperto per ricevere il piano di Dio nella vita consacrata come membro del CM, seguire rigorosamente la specifica spiritualità e cercare seriamente il bene comune. Soprattutto dove l'amore e la pace sono più profondamente segnati dall'individualismo, è necessario accertare quanto le scelte siano dettate dalla propria autorealizzazione o dalla volontà di vivere la propria esistenza nella logica del generoso dono di se stessi. Il cammino della vocazione e missione di Maria è estremamente stimolante per noi CM. “Lei, che in ogni fase della sua esistenza accoglie la Parola e, come serva, “ meditando su di essa nel suo cuore ”(Lc 2,19), è stata la prima a seguire questa strada.

Ognuno di noi può scoprire nella vita di Maria lo stile di ascolto, il coraggio della fede, la profondità del discernimento e la dedizione al servizio. È stata anche chiamata a vivere i suoi progetti, imparando ad offrirsi e ad avere fiducia, non sentendosi sola, ma pienamente amata e sostenuta da Dio. Consapevole che Dio è con lei, Maria apre il suo cuore all' ECCOMI! Inaugurando in questo modo la via del Vangelo (Lc 1,38). Ai suoi occhi ogni giovane può riscoprire la bellezza del discernimento e nel suo cuore può sperimentare la tenerezza dell'intimità e il coraggio della testimonianza e della missione.

La benedizione di Papa Francesco in Mozambico ha lasciato le seguenti parole di incoraggiamento: se il nostro cammino è radicato nella fonte dell'Amore, che è Dio, allora c'è anche il movimento reciproco: dai fratelli a Dio; L'esperienza della comunione fraterna mi porta alla comunione con Dio. Essere uniti tra noi ci porta ad essere uniti con Dio, ci porta a questa connessione con Dio che è nostro Padre, la nostra fede ha bisogno del sostegno degli altri, specialmente in tempi difficili. Se siamo uniti, la fede diventa forte.

Che bello sostenersi a vicenda nella meravigliosa avventura della fede! Seguiamo questo percorso con fiducia, con gioia. Un cristiano deve essere gioioso con la gioia di avere tanti fratelli battezzati che camminano con lui; percorri questa strada con gioia! 
Condividi l'articolo su:
Logo
COMPAGNIA MISSIONARIA DEL SACRO CUORE
Via A. Guidotti 53, 40134 - Bologna - Italia - Telefono: +39 051 64 46 472

Follow us on Facebook