Logo
COMPAGNIA MISSIONARIA
DEL SACRO CUORE
una vita nel cuore del mondo al servizio del Regno...
Compagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia Missionaria
Compagnia Missionaria del Sacro Cuore
 La COMPAGNIA MISSIONARIA DEL SACRO CUORE è un istituto secolare, che ha la sede centrale a Bologna, ma è diffuso in varie regioni d’Italia, in Portogallo, in Mozambico, in Guinea Bissau, in Cile, in Argentina, in Indonesia.  All’istituto appartengono missionarie e familiares Le missionarie sono donne consacrate mediante i voti di povertà, castità, obbedienza, ma mantengono la loro condizione di membri laici del popolo di Dio. Vivono in gruppi di vita fraterna o nella famiglia di origine o da sole. I familiares sono donne e uomini, sposati e non, che condividono la spiritualità e la missione dell’istituto, senza l’obbligo dei voti.
News
  • 21 / 06 / 2019
    IX ASSEMBLEIA GERAL ORDINÁRIA DA COMPANHIA MISSIONÁRIA DO CORAÇÃO DE JESUS
    Realizar-se-á no CENÁCULO MARIANO em Borgonuovo di Pontecchio Marconi – Bologna – Italia ... Continua
  • 21 / 06 / 2019
    IX ASAMBLEA GENERAL ORDINARIA DE LA COMPAÑÍA MISIONERA DEL SAGRADO CORAZÓN
    a realizarse en el CENÁCULO MARIANO en Borgonuovo di Pontecchio Marconi – Bolonia - Italia DE... Continua
  • 21 / 06 / 2019
    IX ASSEMBLEA GENERALE ORDINARIA DELLA COMPAGNIA MISSIONARIA DEL SACRO CUORE
    si terrà al CENACOLO MARIANO a Borgonuovo di Pontecchio Marconi – Bologna - Italia DAL 19 AL ... Continua
cuore di gesu'
 
fonte di vita e santità Carissimi, siamo ancora nel solco della solennità di Pentecoste e lo Spirito, insistentemente invocato, ci prepara a vivere la festa del Sacro Cuore. Festa che ci aiuta a contemplare il centro e la sorgente della nostra spiritualità. P. Dehon scriveva: “ Ho bisogno di contemplare il costato aperto, per vedere come sono stato amato e come io sono chiamato ad amare”. Questo cuore diventa per noi scuola di amore. E’ da questo cuore che ha amato senza misura e senza calcolo che possiamo intraprendere cammini nuovi per dire al mondo l’Amore che salva. Un’invocazione che troviamo nelle litanie del Sacro Cuore ci può aiutare a cogliere questo programma di vita: contemplare il dono totale di Gesù e imparare come rispondere a questo appello: “Cuore di Gesù, fonte di vita e di santità.” Ci lasciamo guidare da questa espressione per cogliere alcune riflessioni che ci possono aiutare a vivere bene la nostra festa. Cuore di Gesù fonte. La fonte ci richiama tutta la simbologia dell’acqua: l’acqua del nostro battesimo; l’acqua che purifica che disseta…; l’acqua che promette alla Samaritana… l’acqua che io darò diventerà in lui sorgente di acqua che zampilla per la vita eterna…; Gesù stesso ci richiama che è lui che disseta… chi ha sete venga a me e beva chi crede in me perché fiumi di acqua sgorgheranno dal suo grembo… Il Cuore di Gesù fonte ci invita ad attingere acqua alla vera fonte con l’impegno ad essere a nostra volta sorgente di acqua che zampilla per la vita. Cuore di Gesù fonte di vita. Siamo chiamati alla vita! Gesù il risorto, colui che è vivo ci chiama ad una vita piena, significativa, propositiva, carica di speranza. Il soldato romano quando trafigge il costato di Gesù, è come se mettesse la parola fine, per lui tutto è terminato… per Gesù TUTTO E’ COMPIUTO… e da quel cuore sgorga la vita. Attingere alla vera fonte, essere a nostra volta sorgente per vivere e testimoniare una vita di santità. Cuore di Gesù fonte di vita e santità! Vivere la santità è vivere in pienezza le esigenze del Battesimo. Vivere il nostro battesimo è alla base per poter vivere la nostra donazione totale al servizio del Regno. Vivere il battesimo nell’ordinarietà della nostra vita con l’impegno di essere portatori dell’amore del Cuore di Cristo e nello stesso tempo saper scorgere la presenza di Dio intorno a noi. A proposito di santità così si esprime M. Delbrel: “Compiere il proprio dovere quotidiano è accettare di rimanere dove si è, perché il regno di Dio giunga fino a noi e si estenda su questa terra che noi siamo. E' accettare con un'obbedienza magnanima la materia di cui siamo fatti, la famiglia di cui siamo membri, la professione in cui lavoriamo, il popolo che è il nostro, il continente che ci circonda, il mondo che ci serra, il tempo in cui viviamo”. La festa del Sacro Cuore ci richiama a contemplarlo come fonte di vita e santità e dalla croce con il fianco trafitto dice ancora a noi: “…quando sarò elevato da terra attirerò tutti a me… non c’è amore più grande di dare la vita… se il chicco di grano caduto a terra non muore non porta frutto… Padre che tutti siano uno… per loro io consacro me stesso…” Cuore di Gesù, fonte di vita e santità Donaci un cuore capace di discernere tra le tante fonti la vera fonte che scaturisce da te. Donaci il gusto della bellezza di una vita donata alla causa del Regno. Insegnaci il camino di santità per meglio seguirti e con passione annunciarti. Cuore di Gesù fonte di vita e santità, benedici tutti coloro che confidano in te. Conforta, chi tra noi è chiamato a salire il calvario della sofferenza e malattia. Maria, tua Madre, ci insegni a stare ai piedi della croce e con lei rinnoviamo il nostro Ecce Ancilla. Amen Il Cuore di Cristo, fonte di vita e santità, ci benedica! In comunione
coraÇÃo de jesus
 
fonte de vida e de santidade Caríssimos: Estamos ainda no sulco da solenidade do Pentecostes e o Espírito, insistentemente invocado, prepara-nos para vivermos a festa do Coração de Jesus. Festa que nos ajuda a contemplar o centro e a nascente da nossa espiritualidade. P. Dehon escrevia: “Preciso de contemplar o lado aberto, para ver cono fui amado e como sou chamado a amar”. Este coração torna-se para nós uma escola de amor. É a partir deste coração que amou sem medida e sem cálculo que podemos empreender caminhos novos para dizer ao mundo o Amor que salva. Uma invocação que encontramos nas ladaínhas do Coração de Jesus pode-nos ajudar a captar este programa de vida: contemplar o dom total de Jesus e aprender como responder a este apelo: Coração de Jesus, fonte de vida e de santidade”. Deixamo-nos guiar por esta expressão para fazer algumas reflexões que nos podem ajudar a viver bem a nossa festa. Coração de Jesus fonte. A fonte traz até nós toda a simbologia da água: a água do nosso baptismo; a água que purifica e dessedenta...; a água que prometa à Samaritana...a água que eu darei tornar-se-à uma nascente que jorra para a vida eterna...;o próprio Jesus nos lembra que é ele mesmo que apaga a sede...quem tem sede venha a mim e beva ...quem crê em mim do seu seio jorrarão rios de água viva... O Coração de Jesus fonte convida-nos a ir buscar água à verdadeira fonte, empenhando-nos à nossa volta a ser nascente que jorra para a vida. Coração de Jesus fonte de vida. Somos chamados à vida! Jesus o ressuscitado, aquele que está vivo chama-nos para uma vida plena, significativa, propositiva, carregada de esperança. O soldado romano, quando trespassa o lado de Jesus, é como se pusesse a palavra fim, para ele tudo está terminado...para Jesus TUDO ESTÁ CONSUMADO...e daquele coração jorra a vida. Ir beber à verdadeira fonte, ser por nosso lado nascente para viver e testemunhar uma vida de santidade. Coração de Jesus fonte de vida e de santidade. Viver a santidade é viver com plenitude as exigências do Baptismo. Viver o nosso baptismo é a base para podermos viver a nossa doação total ao serviço do Reino. Viver o baptismo no dia a dia comum da nossa vida com o empenho de sermos portadores do amor do Coração de Cristo e, ao mesmo tempo, saber descobrir a presença de Deus à nossa volta. A propósito de santidade assim se exprime M. Delbrel: “Cumprir o próprio dever quotidiano é aceitar ficar onde estamos, para que o reino de Deus chegue até nós e se estenda por esta terra que somos nós mesmos. É aceitar com uma obediência magnânima a matéria de que somos feitos, a família de que somos membros, a profissão em que trabalhamos, o povo que é o nosso, o continente que nos envolve, o mundo que nos encerra, o tempo que vivemos”. A festa do Coração de Jesus leva-nos a contemplá-Lo como fonte de vida e santidade e da cruz, com o lado trespassado, diz-nos ainda hoje: “...quando serei elevado da terra atrairei todos a mim...não existe maior amor do que dar a vida...se o grão de trigo caído na terra não morre não pode dar fruto...Pai, que todos sejam um...por eles eu consagro-me a mim mesmo...”. Coração de Jesus, fonte de vida e de santidade, Dá-nos um coração capaz de discernir entre as muitas fontes a verdadeira fonte que brota de Ti. Dá-nos o gosto da beleza de uma vida doada à causa do Reino. Ensina-nos o caminho da santidade para melhor Te seguirmos e com paixão anunciar-Te. Coração de Jesus, fonte de vida e santidade, bendiz todos aqueles que confiam em Ti. Conforta quem, entre nós, é chamado a subir o calvário do sofrimento e da doença. Maria, Tua Mãe, nos ensine a estar aos pés da cruz e com ela renovamos o nosso Ecce Ancilla. Amen. O Coração de Cristo, fonte de vida e santidade, nos abençoe! Em comunhão
corazÓn de jesÚs
 
fuente de vida y santidad Querida Familia, aún estamos en el arco de la solemnidad de Pentecostés, y el Espíritu ,insistentemente invocado, nos prepara para vivir la fiesta del Sagrado Corazón. Fiesta que nos ayuda a contemplar el centro y la fuente de nuestra espiritualidad. P. Dehon escribía: “ Necesito contemplar el costado abierto, para ver como he sido amado y como yo estoy llamado a amar”. Este corazón se convierte para nosotros en escuela de amor. Y desde este corazón que ha amado sin medida y sin calculo podemos emprender nuevos caminos para gritar al mundo el Amor que salva. En las letanías del Sagrado Corazón encontramos una invocación que nos puede ayudar a vivir este programa de vida: contemplar la total donación de Jesús y aprender como responder a este llamado: “ Corazón de Jesús, fuente de vida y santidad.” Nos dejaremos guiar por esta expresión para profundizar algunas reflexiones que nos pueden ayudar a vivir bien nuestra fiesta. Corazón de Jesús, fuente. La fuente nos recuerda toda la simbología del agua: el agua de nuestro bautismo; el agua que purifica que apaga la sed…; el agua que promete a la Samaritana… ...” el agua que yo le dé se convertirá en él en fuente de agua que brota para vida eterna” ; Jesús nos dice que El es el agua que apaga la sed… “quién tenga sed venga a mi y beba quién crea en mi, porque rios de agua viva brotarán de su seno...” … El Corazón de Jesús, fuente, nos invita a sacar agua de la verdadera fuente con el compromiso de ser nosotros también una fuente de agua que brota para la vida. Corazón de Jesús, fuente de vida. ¡Estamos llamados a la vida! Jesús, el Resucitado, el que está vivo nos llama a una vida plena significativa, propositiva, llena de esperanza. El soldado romano cuando traspasa el costado de Jesús , es como si diera todo por terminado … para Jesús TODO ESTA CUMPLIDO... y de ese corazón brota la vida. Sacar de la fuente verdadera, ser a nuestra vez una fuente para vivir y dar testimonio de una vida de santidad. ¡Corazón de Jesús, fuente de vida y santidad!, Vivir la santidad es vivir en plenitud las exigencias del Bautismo. Vivir nuestro bautismo es la base para poder vivir nuestra total donación al servicio del reino. Vivir el bautismo en lo ordinario de nuestra vida con el compromiso de ser portadores del amor del Corazón Traspasado y al mismo tiempo saber descubrir la presencia de Dios alrededor nuestro. A propósito M. Delbrel se expresa así: “Cumplir el deber cotidiano es aceptar permanecer donde se está, para que el reino de Dios llege hasta nosotros y se extienda sobre esta tierra que somos nosotros. Es aceptar con una obediencia magnánima la materia de que estamos hechos, la familia que tenemos, la profesión en la que trabajamos, el pueblo que nos pertenece, el continente que nos rodea, el mundo que nos encierra, el tiempo en que vivimos.” La fiesta del Sagrado Corazón nos llama a contemplarlo como fuente de vida y santidad, y desde la cruz con el costado traspasado nos dice hoy a nosotras: “…cuando sea elevado sobre la tierra atraeré a todos hacia mi... no hay amor más grande que dar la vida...si el grano de trigo que cae en tierra no muere, no dará fruto... Padre que todos sean uno...por ellos yo me consagro a mi mismo ...” Corazón de Jesús , fuente de vida y santidad, Dános un corazón capaz de discernir entre las tantas fuentes, la verdadera fuente que mana de Ti. Dános el gusto por la belleza de una vida entregada A la causa del Reino. Enséñanos el camino de la santidad Para mejor seguirte y con pasión anunciarte Corazón de Jesús fuente de vida y santidad, bendicenos a todos los que confíamos en Ti Fortalece, a quien de entre nosotros , está llamado a subir al calvario del sufrimiento y de la enfermedad. Que María, tu Madre, nos enseñe a estar al pie de la cruz , con ella renovamos nuestro Ecce Ancilla.. Amén ¡El Corazón de Cristo, fuente de vida y santidad , nos bendiga! En comunión
rischio di amare
 
E’ gia trascorso un mese dalla mia entrata nel periodo di orientamento nella Compagnia Missionaria. Con questo scritto voglio condividere quanto ha significato per me la cerimonia tanto semplice e significativa. Guardando indietro, al cammino della mia vita, ritrovo persone, cisrcostanze, popoli fratelli, la Parola di Dio, che hanno dato senso a tutto il percorso e mi hanno fatto sentire nel profondo del cuore che la strada percorsa finora non è stata vana, che niente è successo per caso. La vita è un mistero che si deve imparare a scoprire piano piano, anche se tutto questo può avvenire attraverso lacrime ne varrà sempre la pena, perchè verrà anche il tempo del raccolto, quando tra gioia e canti raccoglieremo i frutti che ci verranno offerti da Dio Padre. Quando si è già sperimentato la chiamata di Dio alla vita, al Regno, alla missione è difficile non rispondere a Colui che ci muove e dà senso alla nostra vita. E’ stato per questo che dopo un tempo vissuto un po’ pellegrinando da un posto all’altro e un po’ in solitudine mi sono sentita un’altra volta chiamata da Dio Padre, attraverso il testo di Luca al capitolo 5, dove la Parola torna ad interpellarmi e a chiedermi di gettare nuovamente le reti, di avere speranza, di mettere la mia fiducia in Lui e nel suo progetto. Eccomi di nuovo lanciata in un’avventura per cercare il posto nella vita. Dopo aver bussato a varie porte ecco che incontro la CM, un Istituto dove si coniuga una proposta di consacrazione secondo lo stile del Cuore di Gesù, con un carisma missionario, attraverso il quale ho conosciuto di più il Signore ,che da sempre mi ha attratto. Ripenso all’incontro e gli esercizi vissuti ad Alta Gracia, la presenza di Dio tra noi , insieme a persone per me quasi tutte sconosciute, ma allo stesso tempo molto vicine e familiari, tutte in sintonia con il progetto di Dio. La preghiera tranquilla e profonda mi hanno confermato ed incoraggiato che questo passo dato è “ per annunciare l’anno di grazia del Signore” ( Lc.4,19) nella mia vita, è una nuova opportunità che mi dà la possibilità di essere testimone della bontà di Dio nei miei confronti. Con questa attenzione da parte di Dio è quasi impossibile non rispondere al suo Amore e correre il rischio di amare. Spero che questa tappa iniziale possa aiutarmi ad essere attenta alle manifestazioni di Dio, negli incontri di formazione, nel mio lavoro in mezzo ai bambini dell’altopiano, con la mia famiglia, con la comunità parrocchiale e nella preghiera fedele che mi dispone ad ascoltare in quali avvenimenti Dio sta passando . Ho fiducia che Dio porti a buon termine l’opera che ha iniziato e che la CM sia intermediaria di tutto questo. .
vocazione difficile
 
Sabato e domenica 14 – 15 Maggio presso la parrocchia di Sant’ Antonio di Padova a Jakarta ci sono state due giornate dedicate all’animazione vocazionale. Il programma è stato preparato da una apposita commissione composta da vari rappresentanti tra i quali Ibu Surtina, nostra grande amica e Mudji. Sono stati invitati alcuni Istituti maschili e femminili e la Compagnia Missionaria. Ciascuno ha lavorato per allestire degli stand, dove ognuno poteva presentare un po’ l’itinerario della storia del suo Istituto attraverso foto e scritti vari. Eravamo presenti più di una decina di istituti...alcuni avevano esposti anche dei libri di lettura spirituale... La partecipazione è stata numerosa. Tante persone sono venute alle messe del sabato e della domenica e poi hanno visitato i vari stand. Le persone potevano girare liberamente fermandosi ad osservare quanto esposto sui tavoli e ascoltare le nostre spiegazioni. Qualche Istituto era ben organizzato per presentarsi attraverso film e foto al computer. Anche noi avevamo i nostri cartelloni dove attraverso foto e scritte varie abbiamo presentato la Compagnia Missionaria nel mondo, in particolare in Indonesia. Sabato pomeriggio ha piovuto forte, però questo non ha influenzato negativamente lo spirito che animava tutti quanti: sacerdoti, seminaristi, suore e noi. Nel programma ci è stato dato anche lo spazio di dare la nostra testimonianza nelle messe. Noi della CM abbiamo parlato alla domenica, in due messe. Prima ha parlato Ludovika alla messa delle 7,15 e poi Lucy alla messa delle ore 9. Ludovica ha condiviso la storia della sua vocazione, come ha conosciuto e scelto la CM. Ha presentato anche la CM nelle tre modalità di vita ecc. E’ stata molto semplice e concreta. Poi nella messa seguente anche Lucy ha dato la sua testimonianza continuando sulla linea di Ludo, sottolineando soprattutto la diversità che esiste tra Istituti religiosi e Istituti secolari.. Queste sono state le testimonianze di Ludovica e di Lucy, però a queste giornate erano presenti anche Mudji ed Anet che hanno aiutato ad animare gli altri momenti. Il Parroco Padre Paolo Sarmono SCJ nella sua omelia ha sottolineato l’importanza della chiamata battesimale che è rivolta a tutte le persone. Ciascuno poi risponde a secondo delle sue capacità, dei suoi talenti. Ha detto che: “la chiamata è personale e ciascuno sceglie liberamente: c’è chi risponde per diventare sacerdote, chi suora, chi frate, chi invece sceglie una consacrazione, chi pensa di sposarsi , chi vive da sola. Sono varie scelte di vita, tutte valide! Tutti fanno parte del popolo di Dio. Sono un riflesso del popolo di Dio. La Chiesa Cattolica apprezza queste scelte di vita. In altre parole è la stessa fede in Cristo che dà la possibilita e la forza di rispondere alla chiamata di Dio. Noi, come tutte le persone che hanno fede, siamo consapevoli che la vocazione alla vita è legata alla realtà del sacramento del Battisimo che noi abbiamo ricevuto. Nella vita con la vocazione è come ricevere una missione: quella di collaborare alla costruzione del Regno di Dio in questo mondo seguendo la vita di Cristo. La vocazione non è qualcosa di separato dal Sacramento del Battesimo, ma rappresenta, attraverso la vita, il Battesimo. La Chiesa è consapevole che ogni persona è chiamata ed educata alla fede nella Famiglia. E’ qui che cresce la sua vocazione. Per questo la Chiesa dà molta importanza alla Famiglia. Tutti noi dobbiamo essere consapevoli degli impegni che assumiamo con il sacramento del Battesimo. La vocazione è vitalità perchè la radice è proprio nel Battesimo. La Famiglia dev’essere il luogo dove si riceve questa educazione alla fede”. Comunque oggi vivere la propria vocazione non è tanto facile, anzi è difficile. Abbiamo visto che anche questa iniziativa che abbiamo svolto qui in parrocchia, i giovani che hanno risposto sono stati pochi. Hanno partecipato più adolescenti, bambini... Tuttavia come ci ha detto anche P. Guntoro SCJ non dobbiamo scoraggiarci, ma sperare sempre e credere che tutto questo che stiamo facendo può diventare seme per future vocazioni. Per questo continuiamo a pregare per le vocazioni e per le famiglie, perchè diventino l’humus dove possono crescere i semi di una futura vocazione.
vocacion dificil
 
Sábado y Domingo , 14 – 15 Mayo en la parroquia de San Antonio de Padua en Jakarta se realizaron dos jornadas dedicadas a la animación vocacional. El programa fue preparado por una comisión especial compuesta por distintos representantes entre los cuales estaba Ibu Surtina, nuestra gran amiga, y Mudji. Fueron invitados algunos Institutos masculinos y femeninos y la Compañía Misionera. Cada uno trabajó para hacer su stand, donde se presentaba un poco el itinerarario de la historia de su Instituto a través de fotos y escritos varios. Se presentaron más de una decena de Institutos...algunos también expusieron libros de lectura espiritual... La participación fue numerosa. Mucha gente vino a las Misas del sábado y del domingo y luego visitaron los distintos stand. Se podía recorrer libremente , observando lo expuesto en las mesas y escuchar nuestras explicaciones. Algunos Institutos estaban muy bien organizados y se presentaban a través de videos y fotos en el computador. También nosotros teníamos nuestros paneles donde a través de fotos y distintos escritos presentamos la Compañía Misionera en el mundo, en particular en Indonesia. El sábado llovío muy fuerte, pero esto no desanimó a nadie: sacerdotes, seminaristas, religiosas y nosotras. En el programa estaba contemplado un espacio para entregar nuestro testimonio en las Misas. A la CM nos correspondió el domingo en las dos Misas. Primero habló Ludovika en la Misa de las 7,15 y luego Lucy en la Misa de las 9. Ludovica compartió la historia de su vocación, como conoció y eligió la CM. Presentó la CM en sus tres modalidades de vida etc. Fue muy sencilla y concreta. En la Misa siguiente Lucy dio su testimonio continuando en la línea de Ludo, subrayando sobretodo la diversidad que existe entre Institutos religiosos e Institutos seculares. También en esta jornada estuvieron presentes Mudji y Anet que ayudaron en la animación. El Párroco Padre Paolo Sarmono SCJ en su homilía, destacó la importancia del llamado bautismal que está dirigido a todos. Cada uno luego responde según sus capacidades y talentos, diciendo: “ el llamado es personal y cada uno opta libremente: hay quién responde para ser sacerdote, religiosa, hermano, para una consagración, hay quién piensa casarse, quién vive sola. ¡Son distintas opciones de vida, todas válidas! Todos son parte del pueblo de Dios. Son un reflejo del pueblo de Dios . La Iglesia Católica aprecia estas opciones de vida. En otras palabras, es la misma fe en Cristo que da la posibilidad y la fuerza de responder al llamado de Dios. Nosotros, como todas las personas de fe, estamos conscientes de que la vocación está ligada a la realidad del sacramento del Bautismo que hemos recibido. En la vida con la vocación recibimos una misión : la de colaborar en la construcción del Reino de Dios en este mundo siguiendo la vida de Cristo. La vocación no es algo separado del Sacramento del Bautismo, sino que representa a través de la vida al mismo Bautismo. La Iglesia está conciente de que cada persona está llamada y educada a la fe en la Familia. Aquí crece su vocación. Por esto la Iglesia da tanta importancia a la familia. Todos debemos estar concientes de los compromisos que asumimos con el sacramento del Bautismo. La vocación es vitalidad porque tiene su raíz precisamente en el Bautismo. La familia debe ser el lugar donde se recibe esta educación a la fe” . Sin embargo hoy vivir la propia vocación no es tan fácil , más bien es dificil. Vimos que también que en esta iniciativa realizada en la Parroquia, los jovenes que respondieron fueron pocos. Participaron más adolescentes, niños.... Pero, como dijo P. Guntoro SCJ no debemos desanimarnos, sino esperar siempre y creer que todo esto que estamos haciendo puede convertirse en semillas para futuras vocaciones. Por eso sigamos rezando por las vocaciones y por las familias, para que estas lleguen a ser el humus donde puedan crecer las semillas de una futura vocación.
1 . 2 . 3 . 4 . 5 . 6 . 7 . 8 . 9 . 10 . 11 . 12 . 13 . 14 . 15 . 16 . 17 . 18 . 19 . 20 . 21 . 22 . 23 . 24 . 25 . 26 . 27 . 28 . 29 . 30 . 31 . 32 . 33 . 34 . 35 . 36 . 37 . 38 . 39 . 40 . 41 . 42
Logo
COMPAGNIA MISSIONARIA DEL SACRO CUORE
Via A. Guidotti 53, 40134 - Bologna - Italia - Telefono: +39 051 64 46 472

Follow us on Facebook