Logo
COMPAGNIA MISSIONARIA
DEL SACRO CUORE
una vita nel cuore del mondo al servizio del Regno...
Compagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia MissionariaCompagnia Missionaria
Compagnia Missionaria del Sacro Cuore
 La COMPAGNIA MISSIONARIA DEL SACRO CUORE è un istituto secolare, che ha la sede centrale a Bologna, ma è diffuso in varie regioni d’Italia, in Portogallo, in Mozambico, in Guinea Bissau, in Cile, in Argentina, in Indonesia.  All’istituto appartengono missionarie e familiares Le missionarie sono donne consacrate mediante i voti di povertà, castità, obbedienza, ma mantengono la loro condizione di membri laici del popolo di Dio. Vivono in gruppi di vita fraterna o nella famiglia di origine o da sole. I familiares sono donne e uomini, sposati e non, che condividono la spiritualità e la missione dell’istituto, senza l’obbligo dei voti.
News
  • 21 / 06 / 2019
    IX ASSEMBLEIA GERAL ORDINÁRIA DA COMPANHIA MISSIONÁRIA DO CORAÇÃO DE JESUS
    Realizar-se-á no CENÁCULO MARIANO em Borgonuovo di Pontecchio Marconi – Bologna – Italia ... Continua
  • 21 / 06 / 2019
    IX ASAMBLEA GENERAL ORDINARIA DE LA COMPAÑÍA MISIONERA DEL SAGRADO CORAZÓN
    a realizarse en el CENÁCULO MARIANO en Borgonuovo di Pontecchio Marconi – Bolonia - Italia DE... Continua
  • 21 / 06 / 2019
    IX ASSEMBLEA GENERALE ORDINARIA DELLA COMPAGNIA MISSIONARIA DEL SACRO CUORE
    si terrà al CENACOLO MARIANO a Borgonuovo di Pontecchio Marconi – Bologna - Italia DAL 19 AL ... Continua
¡¡¡soy feliz...
 
... para toda mi vida!!! Ante todo quiero agradecer al Señor porque El ha hecho grandes cosas por mi. Por eso elegí la frase del salmo 27 (26): “ El Señor es mi luz y mi salvación: a quién temeré?” Con deseos de felicidad y fidelidad a Dios, saludo a todos los hermanos y hermanas de la Compañía Misionera. Desde hace poco que estoy en la CM, solamente un año, lo cual no quiere decir que no haya experimentado lo hermoso que es donarse o entregarse a Dios y al servicio de los hermanos y hermanas , perteneciendo a esta familia de consagradas. Desde el comienzo me sentí acogida como hermana e hija; acogida en mi anhelo de caminar y vivir como la novia que espera a su novio, para ser una Misionera del Sagrado Corazón. El Curso de Formación que hicimos en diciembre del 2010, con Anna Maria, me ayudó a comprender la historia de la Iglesia y las características de los Institutos Seculares; a comprender el “Ecce Ancilla” y el ”Ecce venio”… así yo también digo: aquí estoy Señor, para hacer Tu voluntad. El retiro anual del 2011 me ayudó como preparación a la reconciliación personal y a la comunión; todo esto brota de la escucha de la Palabra de Jesucristo y de nuestra capacidad de silencio. El clima de comunicación y la convivencia fueron muy lindos. Luego de que p. Constantino dio el tema , tuvimos la fortuna de contar con la ayuda de Anna Maria que aclaró nuestras dudas y nos ayudó en nuestras dificultades de jovenes participantes. Terminado el retiro fuimos de paseo a la isla de Mozambique. Nos ayudaron, Mariolina, Anna Maria y Martina a entrar en la fortaleza y a organizar el almuerzo. La visita a la fortaleza fue con un guía y así conocimos el año de la construcción (1558) y muchas otras informaciones. El almuerzo fue óptimo
estou feliz...
 
...para toda a minha vida!!! Antes de mais nada quero agradecer ao Senhor porque ele fez grandes coisas para mim. Por isso escolhi a frase do salmo 27 (26): “O Senhor é a minha luz e salvação: de quem terei medo?”. Com votos de muitas felicidades e desejo de fidelidade a Deus, saúdo todos os irmãos e irmãs da Companhia Missionária. É pouco o tempo que levo na CM, apenas um ano de experiência, o que não quer dizer que não tenha provado o belo que é doar-se ou entregar-se a Deus e ao serviço dos irmãos, irmãs estando nesta família de pessoas consagradas. Desde o início, e para o primeiro conhecimento, senti-me acolhida como irmã e filha, foi aceite de acordo com o meu desejo de caminhar a viver com aquela vontade como a noiva que espera pelo noivo, para ser uma missionária do Sagrado Coração de Jesus. O curso de formação que tivemos em Dezembro 2010 com Ana Maria, ajudou-me como compreensão da história da Igreja, características dos Institutos Seculares; compreender o “Ecce Ancilla” que significa eis-me aqui Senhor, “Ecce Venio” que significa eis-me aqui Senhor, eu venho fazer a tua vontade. O retiro anual de Janeiro 2011 ajudou-me como preparação à reconciliação pessoal, o clima de silêncio para escutar a voz de Jesus Cristo sabendo que a comunhão vem do silêncio e da escuta. O clima de comunicação e partilha foi muito bonito. Depois da exposição do tema por parte de Padre Constantino, tivemos muita sorte porque com a ajuda de Ana Maria e a sua habilidade podíamos esclarecer as nossas dúvidas e ser ajudadas a resolver imediatamente o que nos custava a nós as jovens. Quando acabamos o retiro fomos dar um passeio à Ilha de Moçambique. Tivemos a ajuda da Mariolina, da Ana Maria e da Martina para resolver o problema da entrada na fortaleza e para organizar o almoço. A visita à Fortaleza foi conduzida por uma pessoa preparada - guia que nos ajudou a conhecer o ano da construção da fortaleza que foi em 1558 e nos deu muitas informações. O almoço foi muito bom.
não sabia o que me esperava
 
O que aqui vou descrever hoje, aconteceu-me há muito tempo, quase há 10 anos atrás quando eu tinha apenas 8 anos de idade e estava a brincar com bonecas de barro. Passava o tempo sempre ocupada, pois gostava de fazer algo, fazia bonecas e panelas de barro pequenas. Com o andar do tempo iniciei a pensar algo diferente e surgiu em mim a vontade de pensar e conhecer outros mundos. Nessa altura dirigi-me aos meus pais de uma forma humilde e perguntei: “Porque as crianças da minha idade podem sair da casa dos pais e ir brincar e eu não posso fazê-lo?”. O meu pai respondeu-me dizendo: “Não te preocupes, eu seu o porquê; você quando crescer irá longe daqui”. Os anos passavam mas eu fiquei com as palavras do meu pai no coração. Nos fins de 2008 o que tinha falado o meu pai realizou-se. Deus chamou-me para trabalhar na sua “machamba”, na sua vinha, no Instituto Secular da CM. Foi na CM que iniciei o meu percurso de acompanhamento e no início de 2010 entrei na etapa da orientação. O meu pai quando ouviu ficou muito admirado porque eu era a mais nova de todas as manas desta casa; tinha 18 anos. Encontro com a Presidente da CM – Ana Maria A presença da Ana Maria em Nampula foi uma grande alegria; no dia 20 de Dezembro de 2010 iniciamos o nosso encontro que se desenrolou num clima fraterno. Nesse encontro falamos dos medos e das certezas que vivemos na nossa vida. Este encontro ajudou-me muito na parte espiritual e no aspecto humano. Porque a vida pode ser comparada à forma come se houve o rádio onde é preciso sintonizar-se para ouvir bem e nós precisamos parar para ouvir a voz de Deus e nos sintonizar com Ele. Vivemos esse encontro nos Irmãos Monges. Ana Maria, Gabriela e Martina nos ajudavam quando não entendíamos bem os temas de reflexão. Percebemos que devemos crescer e pedir de viver seguindo Deus para sempre. Retiro Anual de Janeiro de 2011 O lugar onde vivemos este Retiro foi no Anchilo, no Centro Catequético dirigido pelos Padres Combonianos. Eles nos acolheram bem com grande amor, alegria e simplicidade. O nosso Retiro tinha como tema: Os Salmos de bênção – Salmos como bênção da vida. Nesta ocasião desejo sobretudo fazer uma lista de agradecimentos, antes de mais ao Senhor, depois ao P. Constantino Bugaio – Comboniano e às manas da CM e a Ana Maria que nos ajudou a compreender melhor os temas.
no sabia lo que me esperaba
 
Lo que contaré sucedió hace 10 años, cuando tenía solamente 8 años y estaba jugando con mi muñeca de greda. Siempre estaba ocupada, me gustaba estar haciendo alguna cosa y entonces hacía muñecas y ollas de greda. Con el paso del tiempo empecé a cambiar y surgió en mi el deseo de pensar y de conocer otros mundos. Entonces fui donde mis padres y les pregunté con humildad: “Porqué las niñas de mi edad pueden salir de casa e ir a jugar y yo no puedo?” Mi padre me dijo: “No te preocupes, yo sé porqué; cuando seas grande irás lejos de aquí”. Los años pasaron , pero yo guardé las palabras de mi padre en mi corazón. A fines del 2008 lo que mi padre me había dicho se realizó. Dios me llamó a trabajar en su “machamba” [campo], en su viña, en el Instituto Secular CM. Comencé mi acompañamiento en la CM y a principios del 2010 ingresé en el Periodo de Orientación. Mi padre cuando escuchó esto se quedó admirado, porque yo soy la menor de todas las hermanas de la casa; tenía 18 años. Encuentro con La Presidente de la CM – Anna Maria La presencia de Anna Maria en Nampula fue una gran alegría, Iniciamos nuestro encuentro el 20 de diciembre 2010 , el que se desarrolló en un clima fraterno. Hablamos de los miedos y de las seguridades que tenemos en nuestras vidas. A mi me ayudó mucho, tanto en lo espiritual como en la dimensión humana. De hecho la vida puede ser parangonada a la manera de como escuchamos la radio...para escucharla bien es necesario sintonizarse con ella...de la misma manera es necesario detenernos para escuchar la voz de Dios y sintonizarnos con El. Nos reunimos en la Casa de los Hermanos monjes. Anna Maria, Gabriella y Martina nos ayudaron cuando teniamos dificultades para comprender bien los temas de la reflexión. Entendimos bien que es necesario crecer y pedir a Dios la ayuda para vivir siempre fieles a El Ejercicios espirituales de enero 2011 Nos reunimos en Anchilo, en el Centro Catequístico, de los Padres Combonianos, quienes nos acogieron con gran amor, alegría y sencillez. El tema era : Los salmos de la bendición – salmos como bendición de la vida. En esta ocasión quiero hacer una lista de agradecimientos, primero al Señor, luego a P. Constantino Bugaio – Comboniano y a las hermanas de la CM y a Anna Maria que nos ayudó a comprender mejor los temas.
non sapevo quello che mi aspettava
 
Quello di cui parlerò di seguito, è successo tanto tempo fa, 10 anni or sono, quando io avevo soltanto otto anni di età e mi trovavo a giocare con le bambole di creta. Ero sempre molto occupata, mi piaceva stare sempre a fare qualcosa e allora facevo bambole e pentole di creta. Con il passare del tempo ho cominciato a cambiare ed è sorta in me la voglia di pensare e di conoscere altri mondi. Allora sono andata dai miei genitori e con umiltà ho chiesto: “Perché le bambine della mia età possono uscire di casa e andare a giocare ed io non posso?” Mio padre mi ha detto: “Non preoccuparti, io so il perché; quando tu sarai grande andrai lontano da qui”. Gli anni sono passati ma io ho custodito le parole di mio padre nel mio cuore. Verso la fine del 2008 quello che mio padre aveva detto si è realizzato. Dio mi ha chiamato a lavorare nel sua “machamba” [campo], nella sua vigna, nell’Istituto Secolare Compagnia Missionaria del S. Cuore. È stato nella CM che ho iniziato il mio percorso di accompagnamento e all’inizio del 2010 ho cominciato la tappa dell’ orientamento. Mio padre quando ha sentito questo è rimasto molto ammirato perché io sono la più giovani di tutte le sorelle di casa; avevo18 anni. Incontro con la Presidente della CM – Anna Maria La presenza di Anna Maria a Nampula è stata una grande gioia; il 20 dicembre 2010 abbiamo iniziato il nostro incontro che si è svolto in un clima fraterno. In questo incontro abbiamo parlato delle paure e delle certezze che proviamo nella nostra vita. Questo incontro mi ha aiutato molto sia nella parte spirituale che nella dimensione umana. Infatti la vita può essere paragonata alla radio… per sentirla bene è necessario sintonizzarsi con essa… nel stesso modo è necessario fermarci per sentire la voce di Dio e sintonizzarci con Lui. Abbiamo vissuto questo incontro nei Fratelli Monaci. Anna Maria, Gabriella e Martina ci hanno aiutato quando avevamo difficoltà a capire bene i temi della riflessione. Abbiamo capito bene che è necessario crescere e chiedere a Dio l’aiuto per vivere per sempre fedeli a Lui. Esercizi spirituali di gennaio 2011 Il luogo dove abbiamo vissuto questi esercizi è stato in Anchilo, nel Centro Catechetico, diretto dai Padri Comboniani. Questi ci hanno accolti con grande amore, gioia e semplicità. I nostri esercizi avevano come tema: I salmi della benedizione – salmi come benedizione della vita. In questa occasione voglio fare una lista di ringraziamenti, prima di tutto al Signore, dopo a P. Constantino Bugaio – Comboniano e alle sorelle della CM e a Anna Maria che ci ha aiutato a capire meglio i temi.
una realtà completamente nuova
 
Sono nata l’1 marzo 1972 a Bissau, figlia di João Dinis Gomes (già morto) e di Marta Gomes (per fortuna ancora in vita) e residente nello stesso quartiere. Ho sette fratelli e ho fatto i miei primi studi a Bissau; ma i problemi che sono sorti quando avevo quattro anni, mi hanno portato a Canchungo, dove viveva allora una mia zia. Così è stato a Canchungo che ho frequentato la scuola dalla 2ª alla 5ª elementare. Tutto è iniziato con un’iniezione anti-malarica sbagliata nell’ospedale centrale di Bissau. Il risultato è stato questo: la paralisi della gamba. Per tentare di risolvere questo problema, i miei genitori mi hanno mandata a Canchungo, dove c’erano medici cinesi e dove abitava una mia zia. Sono stata lì durante alcuni anni, ma per sfortuna, non sono riuscita ad ottenere nessun risultato positivo. Più tardi, già di nuovo a Bissau, sono stata operata dal Dr. Ernesto nel Centro di Riabilitazione Motrice (a Klelé). Dopo l’operazione il medico mi ha consigliato di usare “l’apparecchio” specifico per questi casi, ma l’ho usato soltanto un anno perché crea difficoltà nel camminare ed è troppo caldo. Attualmente lo uso ogni tanto, perché il non usarlo può portare a problemi gravi nel futuro, per ex. alla colonna vertebrale. Ma, alla fine della Laurea in Economia, andrò in Portogallo, per verificare meglio lo stato in cui mi trovo e, eventualmente, trovare un apparecchio più perfetto e più leggero. La mia formazione cristiana Sono figlia di genitori cristiani. Mio padre è stato battezzato da piccolo e mia madre già da adulta. Ho iniziato il catechismo a Canchungo, ma il battesimo l’ho ricevuto nel 1987 nella cappella di Bissau Novo, in quel tempo appartenente alla parrocchia di Bandim. Qui ho ricevuto anche la Cresima. Dopo ho cominciato a far parte del gruppo vocazionale della Parrocchia di Fatima, dove era parroco il p. Dionisio Ferraro. Ci incontravamo ogni sabato e a me piaceva molto pregare. Sono stata in questo gruppo durante diversi anni e, ad un certo punto, p. Dionisio ha iniziato a farmi una proposta vocazionale e a parlarmi della consacrazione laicale. Lo stesso padre animava anche un Gruppo di laici (l’Assemblea di S. Pietro) ed io ho partecipato anche a diversi incontri di questo gruppo. Ma, dopo un certo tempo, nel 1994, io e altre quattro ragazze (tra le quali c’era anche Antonieta N’Dequi) abbiamo iniziato a formare un gruppo che voleva essere di laiche consacrate; avevamo riunioni ogni sabato, sempre orientate dallo stesso p. Dionisio. Il 30 novembre 1994, siamo venute ad abitare a S. Paolo, non ancora nella residenza attuale (che allora non esisteva), ma in una casa in affitto. Lì abbiamo vissuto tre o quattro anni, sempre accompagnate nella formazione da p. Dionisio. Anche Suor Aidmé, allora segretaria nella Curia diocesana, ci ha aiutato un poco, parlando con un gruppo di laiche consacrate di Zinguinchor in Senegal. Io ed Antonieta siamo anche andate a trovarle a Zinguinchor e a parlare con loro, ma la lingua francese si è rivelata un grande ostacolo; non ci permetteva una formazione in comune e neanche un rapporto semplice. Per tutto questo abbiamo deciso di rinunciare a questo progetto. L'incontro con la Compagnia Missionaria Chi ci ha portato a conoscere la Compagnia Missionaria è stata Simonetta, una volontaria italiana della Caritas. Lei è di Bologna, dove sta il Centro della Compagnia Missionaria e, naturalmente, conosceva alcune laiche consacrate di questo Istituto. Ha parlato loro del nostro piccolo gruppo guineano e in certo modo le ha provocate a venire a conoscerci. È così che è venuta per prima Lúcia credo nel 1997. È stata ospite a Casa Verona (Bissau), dove viveva anche Simonetta, ed è stata presentata a P. Dionisio. Dopo di lei, è venuta più volte anche Anna Maria Berta. E così si è potuto iniziare finalmente la nostra formazione in portoghese. Dopo un certo tempo la Compagnia Missionaria ci ha chiesto che cosa volevamo essere: membri effettivi della stessa o soltanto laiche consacrate senza appartenere all’Istituto, ma ricevendo un aiuto nella formazione. Noi abbiamo risposto che volevamo appartenere alla Compagnia Missionaria, già che eravamo poche e senza la formazione necessaria per potere essere “autonome”, e creando una realtà completamente nuova. E continuo a pensare che abbiamo fatto molto bene. Ho pensato anche all’ipotesi del matrimonio e ho avuto anche un fidanzato, ma la cosa non è riuscita. Io avevo certe esigenze nel modo di concepire la mia futura maternità e questo non è stato capito bene dalla famiglia del mio ragazzo. Di conseguenza, dopo un certo tempo, tutto è finito tra di noi. Dopo di che, non ho avuto più dubbi. Ho scelto questa vita di consacrazione, con le esigenze che comporta, e sono molto felice di averlo fatto.
1 . 2 . 3 . 4 . 5 . 6 . 7 . 8 . 9 . 10 . 11 . 12 . 13 . 14 . 15 . 16 . 17 . 18 . 19 . 20 . 21 . 22 . 23 . 24 . 25 . 26 . 27 . 28 . 29 . 30 . 31 . 32 . 33 . 34 . 35 . 36 . 37 . 38 . 39 . 40 . 41 . 42
Logo
COMPAGNIA MISSIONARIA DEL SACRO CUORE
Via A. Guidotti 53, 40134 - Bologna - Italia - Telefono: +39 051 64 46 472

Follow us on Facebook